I dimenticati dell’arte. Marcello Mascherini, lo scultore dei transatlantici

Amico di Gio Ponti, Marcello Mascherini sviluppò la sua ricerca plastica fra l’Italia e la Francia. Tra le sue opere, anche le sculture per numerosi transatlantici

Marcello Mascherini, anni '70. Courtesy Archivio Marcello Mascherini
Marcello Mascherini, anni '70. Courtesy Archivio Marcello Mascherini

I passeggeri che avevano viaggiato sui transatlantici italiani tra gli Anni Trenta e gli Anni Settanta conoscevano il nome di Marcello Mascherini (Udine, 1906 ‒ Padova, 1983), autore di molte sculture esposte a bordo di navi come Conte Biancamano, Leonardo da Vinci o Raffaello, grazie alla sua amicizia con Gio Ponti, Gustavo Pulitzer Finali e Libero Andreotti.

Marcello Mascherini nello studio di Trieste con Risveglio di Primavera (1954). Courtesy Archivio Marcello Mascherini
Marcello Mascherini nello studio di Trieste con Risveglio di Primavera (1954). Courtesy Archivio Marcello Mascherini

LA STORIA DI MARCELLO MASCHERINI

Del resto, la carriera dell’artista era iniziata sotto i migliori auspici durante il Ventennio: nato nel 1906 a Udine da Maria Luigia Mascarin e da un signore della buona borghesia triestina che non lo volle riconoscere, Marcello si trasferì molto giovane con la madre a Trieste, dove si diplomò all’Istituto Industriale Alessandro Volta, allievo dello scultore Alfonso Canciani. Segnalato nel 1924 dal critico d’arte Silvio Benco per il suo talento, Mascherini cominciò una brillante carriera pubblica a partire dalla fine degli Anni Venti. Invitato alla prima edizione della Quadriennale nel 1931, entrò in contatto con l’arte di Medardo Rosso e Arturo Martini, che lo scosse nel profondo insieme alla scoperta dell’arte etrusca, della quale apprezzò i valori arcaici e primitivi, oltre che “una perfetta aderenza vera tra vita e arte”.  Qualche anno prima, nel 1928, aveva realizzato per l’architetto Umberto Nordio una serie di maschere in gesso collocate nel foyer del Teatro Rossetti a Trieste, mentre nel 1937 eseguì due delle sculture monumentali per il Palazzo della Civiltà del Lavoro all’Eur: l’Archeologia e il Genio del Teatro.

Marcello Mascherini, Estate, 1936. Installation view at Sassi di Matera, 2004. Courtesy Archivio Marcello Mascherini
Marcello Mascherini, Estate, 1936. Installation view at Sassi di Matera, 2004. Courtesy Archivio Marcello Mascherini

LE MOSTRE E LA CARRIERA DI MARCELLO MASCHERINI

L’anno successivo venne invitato alla Biennale di Venezia con una sala personale: il successo fu tale che Mascherini venne salutato come una grande promessa della scultura italiana. Grazie allo studio e l’ammirazione per l’opera del francese Aristide Mailoll, le sue opere divennero nel corso degli Anni Trenta sempre più slanciate e dinamiche, tanto da ottenere il premio unico dell’Accademia d’Italia per la Scultura da parte di Mussolini (1940). Indubbiamente l’artista aveva goduto dell’ammirazione dell’establishment dell’epoca, tanto che nel 1943 ebbe un’altra sala personale alla Biennale, sette anni prima di vincere il Primo Premio per uno scultore italiano alla Biennale nel 1950, ex-aequo con Luciano Minguzzi. Tre anni dopo Mascherini fece il suo primo viaggio a Parigi, dove scoprì ulteriori stimoli studiando le opere di Constantin Brâncuși e durante un soggiorno a Chartres per osservare la cattedrale gotica. Così la sua ricerca plastica, attraverso la rivisitazione del linguaggio cubista, raggiunse negli Anni Cinquanta forme autonome e stilizzate, di notevole suggestione compositiva. Molti i riconoscimenti all’estero, tra i quali segnaliamo la partecipazione alla mostra d’arte italiana del XX secolo al Museum of Modern Art di New York nel 1949. Oggi la memoria dell’artista viene custodita dall’archivio Marcello Mascherini.

Ludovico Pratesi

http://www.marcellomascherini.it/

I dimenticati dell’arte. Liliana Maresca
I dimenticati dell’arte. Antonio Gherardi
I dimenticati dell’arte. Brianna Carafa
I dimenticati dell’arte. Fernando Melani
I dimenticati dell’arte. Pietro Porcinai
I dimenticati dell’arte. Giuseppe Vannicola
I dimenticati dell’arte. Alberto Martini
I dimenticati dell’arte. Il Maestro di Castelsardo
I dimenticati dell’arte. Pilade Bertieri
I dimenticati dell’arte. Mario Puccini
I dimenticati dell’arte. Guglielmo Janni
I dimenticati dell’arte. Salvatore Meo
I dimenticati dell’arte. Federico Seneca
I dimenticati dell’arte. Il pittore Luigi Trifoglio
I dimenticati dell’arte. Clotilde Marghieri
I dimenticati dell’arte. Bruno Caraceni
I dimenticati dell’arte. Vincenzo Rabito
I dimenticati dell’arte. Giuseppe Novello
I dimenticati dell’arte. Carlo Romagnoli
I dimenticati dell’arte. Guido Seborga
I dimenticati dell’arte. Emanuele Rambaldi
I dimenticati dell’arte. Ennio Belsito
I dimenticati dell’arte. Colantonio
I dimenticati dell’arte. Edoardo Cacciatore
I dimenticati dell’arte. Matteo Olivero
I dimenticati dell’arte. Bortolo Sacchi
I dimenticati dell’arte. Alessandro De Feo
I dimenticati dell’arte. Ugo Celada da Virgilio
I dimenticati dell’arte. Paola Masino
I dimenticati dell’arte. Renato Tomassi
I dimenticati dell’arte. Gian Luigi Polidoro
I dimenticati dell’arte. Elsa De Giorgi
I dimenticati dell’arte. Franco Nonnis
I dimenticati dell’arte. Umberto Brunelleschi
I dimenticati dell’arte. Raffaello Brignetti
I dimenticati dell’arte. Ezechiele Leandro
I dimenticati dell’arte. Pietro Gaudenzi
I dimenticati dell’arte. Giuseppe Loy
I dimenticati dell’arte. Mimì Quilici Buzzacchi
I dimenticati dell’arte. Tullia Socin
I dimenticati dell’arte. Fausta Cialente, scrittrice della modernità
I dimenticati dell’arte. Sirio Tofanari, lo scultore degli animali
I dimenticati dell’arte. Yambo, lo scrittore appassionato di Jules Verne
I dimenticati dell’arte. Adolfo Baruffi
I dimenticati dell’arte. Arturo Nathan
I dimenticati dell’arte. Aldo Braibanti
I dimenticati dell’arte. Bruno Modugno

Dati correlati
AutoreMarcello Mascherini
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Ludovico Pratesi
Curatore e critico d'arte. Dal 2001 al 2017 è stato Direttore artistico del Centro Arti Visive Pescheria di Pesaro Direttore della Fondazione Guastalla per l'arte contemporanea. Direttore artistico dell’associazione Giovani Collezionisti. Professore di Didattica dell’arte all’Università IULM di Milano Direttore Artistico di Spazio Taverna Dal 2009 al 2011 è stato curatore scientifico di palazzo Fabroni di Pistoia. Dal 2006 al 2010 è stato Presidente dell’AICA. Dal 2012 al 2015 è stato Vice Presidente dell'AMACI (Associazione Musei Arte Contemporanea Italiana). Dal 1995 al 2010 è stato Consigliere di Amministrazione per la Quadriennale d’Arte di Roma. Critico del quotidiano La Repubblica.