Mentre in Italia si battaglia a suon di sfregi, auto-cancellazioni e denunce, a New York la Street Art va ben “oltre la strada”. Ad esempio con una mostra colossale in uno spazio di Brooklyn.
L’intervento del duo di street artist è il primo di una serie di opere che verranno realizzate per la valorizzazione del quartiere Talenti, grazie al supporto di ImpreMe SpA. Per un progetto all’insegna della riqualificazione urbana e della sostenibilità ambientale
L’azione ribelle di un gruppo di street artist nel territorio emiliano di Marzabotto, località simbolica della Resistenza, per celebrarne il valore storico e preservarne la memoria. Un percorso di riqualificazione urbana per ricordare i martiri della Resistenza grazie al festival Pennelli Ribelli.
Sono comparsi a Bologna dei poster graficamente molto ben fatti, che attualizzano la memoria femminista. Un progetto del collettivo Cheap. Temi sociali nello spazio pubblico, ricordando quanto sia ancora decisiva la battaglia per la parità di genere.
Ha messo il muro di confine al centro di indagini sociali e di architettura. L’installazione di Rael è sì un gioco, ma anche un atto di ribellione che permette a popoli divisi di restare connessi tra loro.
L’artista originario di Alessandria ripercorre la sua storia di street artist e non solo. Senza risparmiare qualche critica al panorama dell’arte contemporanea in Italia.
Il piccolo borgo in provincia dell’Aquila, sede dell’osservatorio astronomico più alto dell’Italia centrale, ospita per il terzo anno consecutivo il festival di street art che ha trasformato Aielli in un museo a cielo aperto
A Ostia è accaduto un fatto grave. L’amministrazione comunale, guidata dal M5S, ha censurato il murale di un noto artista. E a dare il via alle polemiche sono stati i neofascisti di Casapound. Abbiamo ricostruito la vicenda, intervistando il presidente dell’associazione che aveva guidato il progetto.
Parola a Fabrizio Sarti, aka Sea, impegnato in una ricerca che trova nella Street Art un importante strumento di riqualificazione urbana.
Lo street artist giapponese Twoone ha realizzato un grande murale al Mercato delle Erbe di Osimo. Artribune Television l'ha intervistato e vi mostra il video del work in progress
Riemerge dagli archivi una video intervista a un giovane che sembrerebbe proprio Banksy. Era il 2003 e l'artista britannico veniva ripreso, a volto semi-coperto, in occasione di quella che sarebbe stata la sua prima mostra di successo
Un grande murale collettivo realizzato mettendo insieme i disegni di centinaia di persone e poi riproducendoli grazie all'utilizzo di quattro droni. Carlo Ratti Associati ha realizzato a Torino il primo esperimento del progetto UFO (Urban Flying Opera).

I PIÙ LETTI

require(["mojo/signup-forms/Loader"], function(L) { L.start({"baseUrl":"mc.us10.list-manage.com","uuid":"dac4a3f480ace15f828415bfc","lid":"dc515150dd"}) })