Gli street artist Coquelicot Mafille, Stereal e Napal sono stati protagonisti del progetto Blood Artists, per la lotta contro la talassemia e l’anemia falciforme e “per far conoscere quanto è grande il contributo che ognuno di noi può dare attraverso un semplice gesto, quello della donazione di sangue”.
Guardano all’ambiente e alle minacce di cui è vittima i due interventi degli street artist Corn79 e Mrfijodor sulle superfici esterne del Museo A Come Ambiente ‒ MAcA e del Comando Territoriale della Polizia Municipale di corso Umbria a Torino. Un dialogo visivo che sottolinea il carattere complementare dei due lavori, realizzati a brevissima distanza geografica l’uno dall’altro.
Anche quest’anno la Capitale propone il programma di interventi natalizi in città, tra luminarie e video-mapping che vengono intercalati tra i capolavori del centro storico: un dialogo ben riuscito o no?
Vincitrice del bando “Piazze Aperte”, l’agenzia milanese Jungle ha coinvolto la street artist per due interventi di colorazione a pavimento in Piazzale Loreto e Piazza Tito Minniti, volte a creare uno spazio di socialità aperti a tutti. Ecco le immagini delle opere.
Una lunga storia di accordi istituzionali, cantieri, ritardi, stanziamenti economici, per giungere oggi – così pare – all’ultimo tratto di strada. La nuova Metro4 di Milano è quasi pronta. E adesso vogliono metterci anche l’arte (di cui, in nessuna fase del ventennale iter progettuale, s’erano ricordati). Il bando c’è, ma lascia molto a desiderare.
Intervista a Giorgio Franco, presidente di Badia Lost & Found, il progetto di riqualificazione urbana a impronta artistica e partecipativa pensato per il quartiere di Badia a Lentini, in provincia di Siracusa.
È già il secondo parco più grande di Milano e si prepara a una nuova espansione: oltre 5000 metri quadrati aggiuntivi di verde, 90 nuove specie arboree e le opere di tre importanti artisti contemporanei. Conclusa l’installazione pubblica di Paci, parte il cantiere per Airò e Jaar.
Lo spazio polifunzionale, nato dalla riconversione di un ex hangar industriale di 400 mq dai soffitti alti 8 metri, oggi ospita una galleria d'arte, un ristorante e cocktail bar d'eccellenza. Domani un distretto artistico
Stanziati 500mila euro per il 2021 e il 2022: i comuni dovranno “catalogare” gli spazi ancora liberi da destinare a opere di Street Art, mentre la Regione si impegnerà a promuovere le nuove iniziative con cataloghi digitali e integrandole nell’offerta turistica. Ecco le nuove disposizioni.
Gli interventi dello street artist sardo, resi possibili anche da enti pubblici, mimetizzano il cemento di un alloggio popolare a Carrara e innescano processi di musealizzazione diffusa nella periferia est di Roma
Le sue radici affondano nella Street Art, ma la sua poetica ha preso altre strade. Ecco la storia di Liqen.
Trae spunto dal libro “Odio gli indifferenti” di Antonio Gramsci il murale a lui dedicato da Jorit a Firenze. Eppure lo street artist è il primo a dichiarare di non voler prendere una posizione politica. Le riflessioni di Raffaella Ganci.

I PIÙ LETTI