A breve distanza da Bergamo si trova il Monastero di Astino. Un gioiello architettonico romanico, un progetto agricolo ecosostenibile e una mostra di Olivo Barbieri. Cosa volete di più?
Al Castello Carlo V di Lecce sono in mostra le visioni zenitali di Massimo Sestini, che ha narrato, attraverso i più emblematici fatti di cronaca degli ultimi quarant'anni, la storia della politica e del costume della società italiana. Gli scatti iconici del fotoreporter toscano caratterizzano la personale “L’Aria del Tempo”, curata dal collettivo Kunstschau.
La fotografa Francesca Pompei ha visitato il Libano, esplorando i luoghi dell'abbandono fuori e dentro la capitale. Al di là dei quartieri più scintillanti del centro di Beirut.
Come ogni anno Villa Medici veste i suoi spazi con i lavori di artisti e ricercatori in residenza. Con “Dans le tourbillon du tout-monde” si passa dalle arti visive alla storia dell’arte, dall’architettura alla musica, seguendo poi per il cinema, la letteratura e la moda, sotto la guida curatoriale di Lorenzo Romito.
Roma omaggia Mario Cresci con due mostre: “L’oro del tempo” presso l’Istituto Centrale per la Catalogazione e la Documentazione e “Combinazioni provvisorie” nella galleria Matèria. Due percorsi sul concetto della memoria attraverso uno scambio continuo tra fotografia e arte contemporanea come indagine antropologica.
Una proiezione speciale, a cura della Fondazione Fulvio Roiter e del Comune di Venezia, ricorda il celebre fotografo veneziano scomparso quattro anni fa che ha dedicato alla città lagunare una serie di scatti storici
In parallelo alla mostra incentrata su Henri Cartier-Bresson, Palazzo Grassi ospita la monografica dedicata alle fotografie di Youssef Nabil. Istantanee colorate a mano da un Egitto che prende forma nel labile confine tra realtà e fantasia, nostalgia e senso della realtà.
La Wunderkammer della GAM di Torino ospita una azzeccata mostra su una stagione della fotografia italiana ancora poco studiata: quella che ha segnato il passaggio dalla figurazione all’Informale.
Finalmente aperta dopo lo stop imposto dall’emergenza sanitaria, la grande mostra dedicata da Palazzo Grassi a uno dei fotografi più celebrati al mondo offre cinque punti di vista inediti sulla poetica di Cartier-Bresson. Grazie a un taglio curatoriale che strizza l’occhio al Surrealismo e al gioco del cadavre exquis.
La prossima edizione si terrà ad ottobre e durerà cinque settimane. Con un programma molto ambizioso che ragiona, naturalmente, sulle conseguenze della pandemia nel mondo
A Firenze il grande patrimonio Alinari diventa una fondazione, di cui prossimamente verrà delineato lo statuto ed eletto il consiglio di amministrazione. Si tratta di una grande operazione di politica culturale portata a segno interamente da Regione Toscana.
L’albergo di lusso in piazza Carlina, un tempo casa di Antonio Gramsci, conferma la sua vocazione all’arte contemporanea avviando collaborazioni con le gallerie torinesi, in ottica art week autunnale. Si parte con Photo & Contemporary

I PIÙ LETTI