Walk of Muses #25: The Soft Moon e Mark Fernyhough

Il nuovo appuntamento con Walk of Muses, la rubrica di Samantha Stella in cui la musica incontra l’arte, presenta il ritratto del musicista americano The Soft Moon e del londinese Mark Fernyhough.

The Soft Moon. Photo Marion Costentin
The Soft Moon. Photo Marion Costentin

The Soft Moon è il progetto solista fondato nel 2009 a Oakland, in California, dal musicista, compositore e produttore americano Luis Vasquez. Con sonorità tra post-punk, darkwave, minimal wave e rock industriale, il progetto si è ampliato nella performance dal vivo con una vera band. Il suo ultimo album, pubblicato nel 2018 con la rinomata etichetta statunitense Sacred Bones, è stato registrato in Italia a Bassano del Grappa, dopo un lungo soggiorno a Venezia. L’artista, che suona chitarra, sintetizzatori e percussioni, ha collaborato, infatti, con i musicisti italiani Matteo Vallicelli (batteria) e Luigi Pianezzola (basso). Con lunghi tour internazionali, aperture per band celebri come gli scozzesi rock alternative The Jesus and Mary Chains e gli statunitensi industrial metal Nine Inch Nails, collaborazioni importanti come John Foxx, fondatore della band new wave britannica Ultravox, e remix per celebri musicisti come la band post rock scozzese Mogwai, il danese Trentemøller e la band post-punk turca She Past Away, The Soft Moon è riuscito a inserirsi in un nuovo contesto stilistico e immaginifico in cui si sentono echi del duo  synthpunk newyorkese Suicide, degli stessi Nine Inch Nails, e di una sperimentazione più malata.

La tua definizione di arte.
È la passione innata all’interno di ogni individuo di lasciare un segno nel mondo e un’eredità. Impattare e creare il prossimo capitolo evolutivo affinché l’umanità possa spingersi oltre mentre ci evolviamo nel nostro futuro.

La tua definizione di musica.
È un’espressione primordiale, un linguaggio universale che si estende ad altre dimensioni che sopravvivranno a noi.

Ti definisci un “artista”?
Sì, perché creo musica. È così che ho scelto di esprimermi. Potrebbero esserci altri modi per farlo, ma la musica mi permette di andare più in profondità ed esprimere sentimenti che sono altrimenti difficili da trasmettere.

L’opera di arte visiva che più ami.
Arnold Böcklin, L’isola dei morti [dipinto a olio, 1880-86, di cui esistevano cinque versioni, una distrutta durante la Seconda Guerra Mondiale, N.d.R.]. Sembra infondermi pace.

http://www.thesoftmoon.com/

ACQUISTA QUI l’album Zeros in vinile

Mark Fernyhough. Courtesy the artist
Mark Fernyhough. Courtesy the artist

PAROLA A MARK FERNYHOUGH

Mark Fernyhough è un musicista e artista visivo londinese con base a Berlino. La sua musica richiama echi elettronici Anni Ottanta e sonorità new romantic vicine al gruppo glam rock britannico Roxy Music fondato da Bryan Ferry, con cui Marc condivide un’estetica dandy. Invitato ad aprire più volte il palco per la storica band britannica britpop Suede capitanata da Brett Anderson, la sua musica è entrata in rotazione in numerose radio tedesche e alla BBC. Marc è conosciuto anche per il suo lavoro di fotografo e videomaker, pubblicato regolarmente su testate come Vogue e Vice, e utilizza il mezzo performativo in luoghi d’arte come gallerie, per lanciare i suoi lavori musicali, spesso in collaborazione con danzatrici e modelle. Nell’attesa di un suo album in lavorazione, è stato lanciato il suo ultimo singolo dedicato alla pittrice svedese Hilma Af Klint. Di prossima uscita anche la sua soundtrack per un film diretto da Julia Obst che sarà proiettato sul ponte di Brooklyn a New York.

La tua definizione di arte.
Città come Londra o Berlino possono vivere respirando opere d’arte in evoluzione, adoro girovagare e perdermi in esse. Inoltre le persone possono scolpire le loro vite come opere d’arte. Vedo la mia esistenza attraverso una lente artistica che aiuta a darle un senso e le dà scopo, contesto e significato, sia attraverso il mio lavoro visivo concettuale che attraverso la mia musica. Mi ha portato in molte avventure affascinanti.

La tua definizione di musica.
La musica è soprannaturale, trasmette messaggi e sentimenti inesprimibili attraverso le parole. Il mio lavoro combina musica e arte in modo così ideologico che non faccio distinzione tra le due forme. Sono entrambi mezzi per una comunicazione più elevata. Le mie canzoni sono contestualmente dense e composte da arte, cultura e letteratura. Voglio che siano immediatamente potenti, brani musicali intrisi di livelli più profondi di significato.

Ti definisci un “artista”?
Sì. La vita senza arte è solo esistenza. Vivo la mia vita come un bellissimo esperimento artistico e mi circondo di coloro che mi ispirano. Tuttavia, gli artisti dovrebbero anche essere outsider che possono offrire una prospettiva alternativa sulla vita, la società e la condizione umana essendo parzialmente distanziati da essa.

L’opera di arte visiva che più ami.
Attualmente il Pierrot Le Fou di Godard (Il Bandito delle Undici, film di Jean-Luc Godard, 1965), mi sta estasiando. La sua estetica Pop Art, il suo montaggio radicale, la ricerca della libertà intellettuale da parte del suo protagonista ‒ qualcosa a cui posso davvero relazionarmi.

https://www.facebook.com/mark.fernyhough

ACQUISTA QUI il brano Sidewalks

Samantha Stella

LE PUNTATE PRECEDENTI

Walk of Muses #1: Hugo Race e New Candys
Walk of Muses #2: Jozef Van Wissem e The Underground Youth
Walk of Muses #3: The Winstons e Tess Parks
Walk of Muses #4: Scott Gibbons e freddie Murphy
Walk of Muses #5: Marissa Nadler e The Third Sound
Walk of Muses #6: Andrea Liberovici e Squadra Omega
Walk of Muses #7: Jarboe e Kill Your Boyfriend
Walk of Muses #8: Alessandro Cadario e Mauro Martinuz
Walk of Muses #9: James Johnston e The Three Blind Mice
Walk of Muses #10: Simone Marie Butler e The Vacant Lots
Walk of Muses #11: Giovanni Sollima e Julia Kent
Walk of Muses #12: Einstürzende Neubauten e Bologna Violenta
Walk of Muses #13: Cristiano Godano e Be Forest
Walk of Muses #14: James Williamson e Starcrawler
Walk of Muses #15: Joe Cardamone e Holy Motors
Walk of Muses #16: Jaye Jayle e Messa
Walk of Muses #17: John Murry e Oh Petroleum
Walk of Muses #18: Annie Hardy e Stony Sugarskull
Walk of Muses #19: Vatican Shadow e My Flower
Walk of Muses #20: The Telescopes e Sneers
Walk of Muses #21: White Hills e Schonwald
Walk of Muses #22: Anna Von Hausswolff e Nero Kane
Walk of Muses #23: Dylan Carlson e Princess Thailand
Walk of Muses #24: Blonde Redhead e Death Valley Girls

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Samantha Stella
Samantha Stella, nata a Genova, vive a Milano. Artista visiva, performer, set & costume designer, regista, musicista, cantante. Sviluppa principalmente progetti focalizzati sul corpo e pratiche di discipline live utilizzando differenti linguaggi, installazioni con elementi strutturali e corporei, fotografia, video, musica, voce. Dal 2005 al 2015 è attiva con il duo di artisti visivi Corpicrudi da lei fondato con Sergio Frazzingaro, per poi avviare una carriera solista e la collaborazione con il songwriter Nero Kane. Il suo lavoro è stato presentato con debutti internazionali in gallerie di arte contemporanea, musei, teatri, chiese e castelli, inclusi Joyce Theater New York; Amaturo Theatre Brodward Center for the Performing Arts, Miami; Pavillon Noir, Aix-en-Provence; Castello Aragonese in Taranto, sede della Marina Militare Italiana; Auditorium Parco della Musica, Roma; Musei Strada Nuova, Genova; Duomo di Molfetta; Basilica S. Maria Maggiore, Bergamo; Ace Museum, Los Angeles; Italian Cultural Institute Los Angeles; Museo Marca, Catanzaro; Museo Macro Asilo, Roma; Museo Madre, Napoli; Museo Internazionale e Biblioteca della Musica, Bologna.