Walk of Muses #21: White Hills e Schonwald

Il nuovo appuntamento con “Walk of Muses”, la rubrica di Samantha Stella dove la musica incontra l’arte, presenta il ritratto del duo statunitense White Hills e del duo italiano Schonwald.

White Hills. Photo Ego Sensation
White Hills. Photo Ego Sensation

White Hills è una band rock psichedelica statunitense formata a New York nel 2003 da Dave W. (chitarra/voce), che è anche il portavoce di questa intervista, ed Ego Sensation (basso/voce). Il loro sound include influenze post punk, krautrock e stoner rock, ed è stato assimilato a band statunitensi come The Stooges e MC5, o agli inglesi Spiritualized.
Pubblicati da etichette importanti come l’americana Thrill Jokey, hanno suonato su palchi internazionali, condivisi con band celebri come gli americani The Flaming Lips, i britannici The Cult, i giapponesi Mono. Nel 2010 hanno ricevuto l’invito dal regista e musicista statunitense Jim Jarmusch a esibirsi nell’ambito di All Tomorrow’s Parties New York e sono stati ricontattati da lui nel 2012 per apparire mentre suonano nel suo film Only Lovers Left Alive, e suonare insieme agli altri artisti della colonna sonora nei concerti che hanno accompagnato alcune proiezioni del film (insieme a Jarmusch, Jozef Van Wissem, Zola Jesus). È appena uscito il loro nuovo album che include la collaborazione con Jarmusch e Simone Marie Butler (bassista del gruppo scozzese Primal Scream).

La tua definizione di arte.
L’arte è un dono, la ciliegina sulla torta. È creazione ed espressione, riflessione e intuizione per affrontare ciò che significa essere vivi, e quindi stimola il pensiero. L’arte è il tessuto connettivo che ci lega tutti insieme rappresentando le gioie e le pene dell’esistere. Puoi trovare arte ovunque, è in ognuno di noi. Tutto quello che devi fare è essere abbastanza aperto per vederlo.

La tua definizione di musica.
La musica è una scienza e un’arte. È un linguaggio universale che trasmette emozioni ed è un intricato elemento dell’esistenza. La musica è un potere sublime che può trasportarti e connetterti a uno stato oltre il nostro piano di realtà e, a sua volta, ci collega all’interno più grande dell’universo.

Ti definisci un “artista”?
Sì, certamente. Non ho mai pensato a me stesso come a qualcos’altro. Mi considero un artista scultoreo concettuale i cui media sono i suoni. La mia musica prende forma e si trasforma. Non creo un prodotto di consumo facilmente digeribile. L’intero pacchetto di un album, artwork, testi, tavolozza sonora creano un intero pezzo di lavoro. Nessuna canzone è pensata per stare da sola, ma funziona come elemento all’interno di un pezzo più grande.

L’opera di arte visiva che più ami.
Fear of Monkeys / Evolution di David Wojnarowicz. Era un artista multidisciplinare e attivista per l’AIDS. È un pezzo stratificato con immagini simboliche di mortalità, desiderio, contagio e il mondo artificiale che ci circonda.

https://www.facebook.com/WHITEHILLSBand/

SCHONWALD. Photo Daniele Bandini
SCHONWALD. Photo Daniele Bandini

PAROLA A SCHONWALD

Schonwald è un duo italiano con base a Ravenna, fondato nel 2007 da Alessandra Gismondi, che è anche la portavoce di questo ritratto, e Luca Bandini. Entrambi già membri della band indie rock/shoegaze Pitch, originariamente fondata dalla Gismondi nel 1994, pubblicata dalle etichette Vox Pop e poi BMG, cui Bandini si aggiunge nella nuova formazione del 2004.
Schonwald spostano l’attenzione da gruppi come gli americani Sonic Youth e gli irlandesi My Bloody Valentine, a formazioni più dark come Suicide, Jesus and Mary Chain, Joy Division, The Cure e Bauhaus, optando per atmosfere tra dark wave e post punk e melodie synth Anni Ottanta. Pubblicati per etichette straniere come l’americana Hozac Records e la francese Manic Depression, hanno suonato in diversi tour europei e festival importanti dividendo il palco con band come gli olandesi Clan of Xymox e i turchi She Past Away. Con sonorità fredde e ipnotiche, il duo ha appena lanciato l’album del progetto parallelo Shad Shadows, legato a sonorità elettroniche oscure, mentre il nuovo album firmato Schonwald è in uscita questo novembre.

La tua definizione di arte.     
L’arte è l’essenza e il nutrimento dell’anima. Tutto ciò che dà forma, colore e sapore alla materia, l’atto che crea la bellezza immortale.

La tua definizione di musica. 
La musica è la compagna inseparabile ideale di cui non potrei fare a meno. È l’armonia, il caos e il silenzio dei suoni. Battito ritmato della vita che vibra nelle più intime corde interiori.

Ti definisci una “artista”?  
Sì, decisamente, perché il mio essere creativo viaggia in sintonia nel campo delle arti. Ballerina di danza classica come espressione interpretativa del corpo, cantante musicista come espressione del corpo in sinergia con la vocalità.

L’opera di arte visiva che più ami. 
I dipinti di Anselm Kiefer mi hanno colpito con ferocia e molto impressionato dal punto di vista della maestosa forza scenica, spirituale e mistica. La mia opera preferita è Alchemie (2012).

https://www.facebook.com/schonwald.music/

Samantha Stella

LE PUNTATE PRECEDENTI

Walk of Muses #1: Hugo Race e New Candys
Walk of Muses #2: Jozef Van Wissem e The Underground Youth
Walk of Muses #3: The Winstons e Tess Parks
Walk of Muses #4: Scott Gibbons e freddie Murphy
Walk of Muses #5: Marissa Nadler e The Third Sound
Walk of Muses #6: Andrea Liberovici e Squadra Omega
Walk of Muses #7: Jarboe e Kill Your Boyfriend
Walk of Muses #8: Alessandro Cadario e Mauro Martinuz
Walk of Muses #9: James Johnston e The Three Blind Mice
Walk of Muses #10: Simone Marie Butler e The Vacant Lots
Walk of Muses #11: Giovanni Sollima e Julia Kent
Walk of Muses #12: Einstürzende Neubauten e Bologna Violenta
Walk of Muses #13: Cristiano Godano e Be Forest
Walk of Muses #14: James Williamson e Starcrawler
Walk of Muses #15: Joe Cardamone e Holy Motors
Walk of Muses #16: Jaye Jayle e Messa
Walk of Muses #17: John Murry e Oh Petroleum
Walk of Muses #18: Annie Hardy e Stony Sugarskull
Walk of Muses #19: Vatican Shadow e My Flower
Walk of Muses #20: The Telescopes e Sneers

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Samantha Stella
Samantha Stella, nata a Genova, vive a Milano. Artista visiva, performer, set & costume designer, regista, musicista, cantante. Sviluppa principalmente progetti focalizzati sul corpo e pratiche di discipline live utilizzando differenti linguaggi, installazioni con elementi strutturali e corporei, fotografia, video, musica, voce. Dal 2005 al 2015 è attiva con il duo di artisti visivi Corpicrudi da lei fondato con Sergio Frazzingaro, per poi avviare una carriera solista e la collaborazione con il songwriter Nero Kane. Il suo lavoro è stato presentato con debutti internazionali in gallerie di arte contemporanea, musei, teatri, chiese e castelli, inclusi Joyce Theater New York; Amaturo Theatre Brodward Center for the Performing Arts, Miami; Pavillon Noir, Aix-en-Provence; Castello Aragonese in Taranto, sede della Marina Militare Italiana; Auditorium Parco della Musica, Roma; Musei Strada Nuova, Genova; Duomo di Molfetta; Basilica S. Maria Maggiore, Bergamo; Ace Museum, Los Angeles; Italian Cultural Institute Los Angeles; Museo Marca, Catanzaro; Museo Macro Asilo, Roma; Museo Madre, Napoli; Museo Internazionale e Biblioteca della Musica, Bologna.