Biennale di Venezia. Il padiglione del Brasile raccontato da Luiz Camillo...

Tre artisti, tre generazioni e tre pratiche artistiche “contro”. Luiz Camillo Osorio, il curatore del padiglione del Brasile alla Biennale di Venezia 2015, descrive non solo il progetto espositivo, ma anticipa le tematiche che rimarcheranno le differenze, sul corpo, tra difesa e fragilità, tra politica e controllo espressivo.

Ironia della vita: un dialogo tra due generazioni. In una nuova...

Twenty14Contemporary, Milano – fino al 10 aprile 2015. La giovane galleria meneghina propone all’emergente Maria de La O Garrido una riflessione sul lavoro dell’eclettico artista concettuale Urs Lüthi. Tra foto, disegni e collage.

The Rome Guide for Terrorists. Un progetto di Francesco Amorosino

Dall'Universo a Google. In questi parametri è interpretabile il lavoro fotografico del fotografo romano Francesco Amorosino. In particolare, il suo ultimo lavoro sembra voler dimostrare la vera natura del mondo di oggi, utilizzando la fotografia nella sua etimologia più stretta.

L’avanguardia russa prosegue il suo tour. E approda a Villa Manin

Villa Manin, Codroipo – fino al 28 giugno 2015. Dopo le stanze sabaude di Palazzo Chiablese a Torino, è ora il turno dei saloni della villa dogale in provincia di Udine. Per ospitare l’immenso tesoro novecentesco del collezionista greco-moscovita George Costakis.

Ornellaia. La vendemmia d’artista

Nel cuore della Toscana, l’eccellenza dell’arte incontra quella del vino grazie a Ornellaia. La rinomata azienda vinicola ha presentato la settima edizione di Vendemmia d’artista: un progetto dal sapore decisamente particolare che, annata dopo annata, ha conquistato enologi, critici d’arte e filantropi. Perché un buon bicchiere di vino mette sempre tutti d’accordo.

La geniale sregolatezza di Mario Schifano

Galleria Alessandro Bagnai, Firenze – fino al 18 aprile 2015. Prosegue la programmazione dedicata ai grandi maestri dell'arte contemporanea presso gli spazi della galleria toscana. Con una mostra dedicata alla produzione pittorica di Mario Schifano.

Arte e cultura: chi cerca, trova. E chi ricerca, spreca

C’è un acceso dibattito su come vengono gestiti i fondi che l’Unione Europea indirizza alla ricerca, su quali nazioni abbiano avuto accesso a più finanziamenti e quali siano le organizzazioni più attive su questo fronte. Meno abituale è invece il dibattito legato allo svolgimento dei progetti finanziati, ai risultati che apportano allo stato della ricerca e se c’è un giusto equilibrio tra l’investimento che la comunità sostiene e i benefici che essa ne ricava.

Federico De Leonardis e l’esordio di Theca Gallery

Theca Gallery, Milano – fino all’11 aprile 2015. Una nuova galleria ha aperto nel capoluogo lombardo. Andrea Alpini, italiano, ha aperto per qualche tempo a Lugano ma poi ha fatto dietrofront. E ora espone un’opera che sono quattro. Qui trovate la recensione, su Artribune Magazine invece l’intervista al gallerista.

La pittura astratta secondo l’Italia degli Anni Settanta

Casa Cavazzini, Udine - fino al 3 giugno 2015. Nel capoluogo friulano continua l’indagine sul contemporaneo nostrano e internazionale attraverso l’attenta valorizzazione del bacino collezionistico cittadino. E stavolta l’occhio di bue è sull’astrazione analitica a metà Anni Settanta.

Sara Benaglia e il nuoto sincronizzato sugli autobus di Bergamo

Cripta di San Michele al Pozzo Bianco, Bergamo – fino al 5 aprile. Un’indagine sociologica restituisce alla fotografia un segno e una consapevolezza. La ricerca di Sara Benaglia su “Il bagno di Diana” evolve in un progetto rivolto alle bambine, alle adolescenti, alle donne.

Matera ha il suo Museo della Fotografia, intitolato a Pino Settanni:...

Il nuovo Museo della Fotografia di Matera sorge nel cuore dei Sassi, dentro lo storico Palazzo Viceconte. Uno spazio intitolato a Pino Settanni, celebre...

Streghe e vegliarde. Nei disegni di Goya

La mostra della Courtauld Gallery di Londra – fino al 25 maggio – si potrebbe riassumere con il famoso motto di Mies van der Rohe, “less is more”. Per soggetti come la stregoneria e la vecchiaia possono venire in mente molti aggettivi: “bello” è un termine che non molti userebbero. A meno che l’aggettivo in questione non si riferisca agli incubi in bianco e nero di Francisco Goya…

I PIÙ LETTI