Il pane mi ha suggerito una vitalità maggiore nella scultura, ma il punto di partenza è la scultura”. Così Maria Lai (1919 – 2013) raccontava il suo rapporto con un materiale così particolare come il pane, protagonista della sua vita fin dall’infanzia: “la mia prima accademia l’ho frequentata con le donne che facevano il pane a casa mia. Era bellissimo”, spiegava, “ogni porzione di pasta si trasforma in modo imprevedibile come seguendo una propria legge interna alla materia”.
Il video che vi mostriamo, arricchito dalla testimonianza di Maria Puddu, amica dell’artista, è un estratto inedito dal documentario Sulle tracce di Maria Lai, diretto da Maddalena Bregani e prodotto da LAGALLA23 productions, va in onda domani, 29 maggio, su Rai5 alle ore 21.30 all’interno della trasmissione Art Night (insieme ai film dedicati ad Emilio Vedova e Gilberto Zorio). Il film è un racconto circolare che inizia e termina a Ulassai, il villaggio nel cuore selvaggio della Sardegna dove Maria Lai è nata e dove è tornata a vivere negli ultimi anni della sua vita. Il documentario è la ricostruzione della sua straordinaria figura di donna e artista attraverso le voci della nipote, di amici, collaboratori, artisti, storici dell’arte.
Dopo la messa in onda il film sarà disponibile da sabato 30 maggio anche su RaiPlay.

Dati correlati
AutoreMaria Lai
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.