L’artista Latifa Echakhch rappresenta la Svizzera alla Biennale d’arte di Venezia 2022

Si intitolerà The Concert il progetto sviluppato per il Padiglione Svizzera alla prossima Biennale Arte, in collaborazione con il percussionista e compositore Alexandre Babel e il curatore Francesco Stocchi. Il tema è la ciclicità del tempo proveniente dalle culture popolari di vari Paesi, in cui l’inizio coincide con la fine

Latifa Echakhch, Kuratorin des Schweizer Pavillons an der 59. Internationalen Kunstausstellung – La Biennale di Venezia 2021 - portratiert am 27. Januar 2020 in Genf. (Pro Helvetia/Christian Beutler)
Latifa Echakhch, Kuratorin des Schweizer Pavillons an der 59. Internationalen Kunstausstellung – La Biennale di Venezia 2021 - portratiert am 27. Januar 2020 in Genf. (Pro Helvetia/Christian Beutler)

Proseguono i preparativi per la prossima edizione della Biennale d’Arte intitolata Il latte dei sogni, che si svolgerà a Venezia dal 23 aprile al 27 novembre 2022 sotto la direzione artistica di Cecilia Alemani. Dopo aver dato le anticipazioni dei padiglioni di SingaporeBrasileOlandaOmanStati UnitiPoloniaItaliaIslandaIrlandaBelgioCanada e Emirati Arabi, l’ultima notizia riguarda la Svizzera, che ha annunciato la sua partecipazione con un progetto dell’artista Latifa Echakhch (El Khnansa, Marocco, 1974), co-rappresentata dalle gallerie Dvir Gallery, kamel mennour, kaufmann repetto e Pace Gallery. Commissionata da Fondazione svizzera per la cultura Pro Helvetia, la mostra avrà il nome di The Concert e ruoterà attorno al concetto del ciclo vitale e di catarsi, un’impermanenza in cui l’inizio coincide con la fine.

LATIFA ECHAKHCH AL PADIGLIONE SVIZZERA PER LA BIENNALE ARTE 2022

Il progetto dell’artista residente in Svizzera sarà incentrato sullo spazio del padiglione – in dialogo con l’edificio progettato da Bruno Giacometti nel 1951 – trasformato con l’intento di creare un viaggio a ritroso nel tempo. Utilizzando dei materiali per la maggior parte recuperati dalle precedenti Biennali, Latifa Echakhch modula l’atmosfera di ogni sala, dando l’illusione che il tempo vada alla rovescia, dalla viva luce del giorno a quella della sera precedente. L’idea nasce dai fuochi rituali presenti nelle culture di molti paesi. L’artista si ispira al rogo di pupazzi di paglia della notte di San Giovanni, che dovrebbe proteggere contro i demoni e le malattie nel periodo del solstizio alla fine di giugno, o il “Böögg” che in Svizzera viene dato alle fiamme sul Sechseläutenplatz per scacciare l’inverno. Contesti nei quali il fuoco simboleggia al tempo stesso una fine e un nuovo inizio, in una continua ciclicità del tempo.

IL PROGETTO DI LATIFA ECHAKHCH AL PADIGLIONE SVIZZERA

Al fianco dell’artista, nell’ideazione e nella realizzazione della mostra, anche il percussionista e compositore Alexandre Babel e il curatore Francesco Stocchi, una collaborazione dalla quale nascerà da un vinile e da un libro che riflettono le discussioni alla base del progetto. Il libro presenta materiali d’archivio, interviste e testi critici, incluse considerazioni teoriche attorno al suono, al ritmo e alla nozione di opera d’arte totale. “Vogliamo che il pubblico lasci l’esposizione con la stessa sensazione di quando si esce da un concerto. Che senta l’eco di questo ritmo, di quei frammenti di memoria”, spiega Latifa Echakhch. “Ogni volta, la Biennale offre un profluvio di eccellenza artistica. Un’onda che culmina in una magnificenza catartica per poi rifluire, lasciando un paesaggio deserto di edifici abbandonati”.

-Giulia Ronchi

https://www.labiennale.org/it

Eventi d'arte in corso a Venezia

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Ha collaborato con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne.