La collezione del gallerista Giorgio Persano in mostra a Madrid

Fra i galleristi che con più convinzione hanno promosso l’Arte Povera, Giorgio Persano “sconfina” a Madrid insieme a una parte della sua collezione, esposta nelle sale dell’Istituto Italiano di Cultura

È interessante vedere raccolti in poche sale alcuni dei pezzi più significativi dell’Arte Povera. Tracce è il titolo della mostra con cui l’Istituto Italiano di Cultura a Madrid rende omaggio a Giorgio Persano, il gallerista torinese che ha fatto la storia della fiera ArcoMadrid (che ha più di quarant’anni), contribuendo alla diffusione in Spagna dell’arte italiana contemporanea.

Tracce. Opere della Galleria Giorgio Persano 1971-2021. Exhibition view at Istituto Italiano di Cultura, Madrid 2022
Tracce. Opere della Galleria Giorgio Persano 1971-2021. Exhibition view at Istituto Italiano di Cultura, Madrid 2022

GIORGIO PERSANO A MADRID

Giorgio Persano non è soltanto uno dei galleristi che hanno rappresentato i principali esponenti dell’Arte Povera. In cinquant’anni di attività (tuttora in corso) ha promosso il lavoro di un’intera generazione di artisti, collaborando all’ideazione e alla creazione materiale delle loro opere, diffondendole attraverso la pratica dei multipli e appoggiando idealmente le loro scelte “antisistema”, contro cioè il consumismo e in favore dell’impiego di materiali naturali e di formati nuovi, non convenzionali. Con la maggior parte degli artisti presenti, Persano ha organizzato mostre nella sua galleria e nelle principali istituzioni pubbliche e private, in Italia e in Europa.

Tracce. Opere della Galleria Giorgio Persano 1971-2021. Exhibition view at Istituto Italiano di Cultura, Madrid 2022
Tracce. Opere della Galleria Giorgio Persano 1971-2021. Exhibition view at Istituto Italiano di Cultura, Madrid 2022

ARTE POVERA IN MOSTRA A MADRID

Tracce sono piccoli momenti di una storia”, spiega il gallerista torinese illustrando i pezzi della sua collezione esposti a Madrid. “La storia degli artisti che ho appoggiato e promosso dal 1971 a oggi, che in quegli anni vivevano a Torino e per i quali ho prodotto i multipli. I multipli non sono però semplici edizioni o copie, come nella Pop Art, ma opere uniche, diverse e con caratteristiche simili fra loro”.
Come il poetico Alfabeto in acciaio del 1972 di Giuseppe Penone, uno degli artisti italiani più internazionali, oppure Odio del ‘72-‘73 di Gilberto Zorio, una serie di pelli di animali mondate, segnate a fuoco e, nel caso del pezzo presente a Madrid, costellate di chiodi, simbolo della Passione di Cristo.

Tracce. Opere della Galleria Giorgio Persano 1971-2021. Exhibition view at Istituto Italiano di Cultura, Madrid 2022
Tracce. Opere della Galleria Giorgio Persano 1971-2021. Exhibition view at Istituto Italiano di Cultura, Madrid 2022

MERZ, PISTOLETTO E TRE ARTISTI PIÙ GIOVANI

La collezione di Giorgio Persano esposta a Madrid è di grande interesse e di notevole impatto visivo, soprattutto per chi non ha familiarità con la feconda stagione dell’arte italiana degli Anni Settanta, non ne conosce l’estetica concettuale, la varietà di linguaggi e di materiali impiegati. Fra i protagonisti indiscussi dell’Arte Povera ci sono Mario Merz, autore della grande tela degli Anni Ottanta che ritrae un animale arcaico, un po’ storico un po’ inventato, e di una Chiocciola, simbolo della serie di Fibonacci; il greco italianizzato Jannis Kounellis, con i suoi vecchi cappotti cuciti insieme, simbolo dell’uomo che non c’è più; di grande poesia le due installazioni di Pier Paolo Calzolari: Senza titolo. Lasciare il posto, con il consueto uso di oggetti in processo di glaciazione (una panchetta collegata a un motore di frigorifero), e Canto sospeso, il letto usato nell’omonima performance. In entrambe il senso dell’assenza, del passaggio fugace di una persona, è un elemento ricorrente.
Per la mostra all’Istituto Italiano di Cultura Michelangelo Pistoletto ha confezionato invece una nuova versione della Venere degli Stracci, che si riflette tra gli specchi dell’omonima sala e dialoga con uno dei Quadri specchianti dello stesso autore, Smartphone, opera del 2018. Le tracce non si limitano all’Arte Povera, ma sconfinano nella Transavanguardia di Nicola de Maria (autore di un piccolo e delicatissimo dipinto astratto tridimensionale e di una tela più grande) e nel concettuale condensato nell’ironia della lapide con l’incisione IDIOTA, firmata Salvo.
La collezione di Persano comprende anche opere di tre artisti più giovani, Paolo Cirio, Lina Fucá e Alessandro Sciaraffa, che rappresentano i nuovi orizzonti della ricerca estetica della galleria e le tracce dell’arte italiana del futuro.

Federica Lonati

Madrid // fino al 4 giugno 2022
Tracce. Opere della Galleria Giorgio Persano 1971-2021
ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA
Calle Mayor 86
www.iicmadrid.esteri.it

Dati correlati
AutoriMichelangelo Pistoletto, Alessandro Sciaraffa, Lina Fucà , Paolo Cirio, Mario Merz, Jannis Kounellis, Giuseppe Penone, Gilberto Zorio, Nicola de Maria, Pier Paolo Calzolari
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Federica Lonati
Federica Lonati (Milano, 1967), giornalista professionista italiana, dal 2005 vive a Madrid. Diploma al Liceo Classico di Varese e laurea in Lettere e Filosofia all’Università Cattolica di Milano, si è formata professionalmente alla Prealpina, quotidiano di Varese, scrivendo di cronaca, ma anche di teatro, opera lirica e musica classica. Dal 1995 al 2005 ha lavorato nella redazione di Lombardia Oggi, supplemento settimanale di attualità, spettacoli e tempo libero della stessa Prealpina, occupandosi delle pagine di arte, moda e classica. Dalla Spagna ha scritto articoli per Libero, Qui Touring, Corriere del Ticino e Sole 24 ore. Tra il 2008 e il 2011 ha collaborato con Agrisole, supplemento settimanale del Sole 24 ore, realizzando cronache e reportage dedicati all’economia agricola. Oggi scrive articoli, interviste e reportage raccontando la Spagna contemporanea, la sua cultura e il suo mondo artistico. Come freelance, oltre all’impegno costante con Artribune (iniziato nel 2014), collabora con testate come Bell’Europa e Bell’Italia, Il Gambero Rosso, Interni e D di Repubblica.