Spiritualità e pittura. La mostra di Gianfranco Zappettini a Torino

Ricchezza artistica e spirituale sono gli ingredienti della mostra alla Galleria Mazzoleni di Torino. Si ripercorre la produzione di Gianfranco Zappettini

The Golden Age è il titolo della mostra di Gianfranco Zappettini (Genova, 1939) alla galleria Mazzoleni di Torino. Co-fondatore del movimento internazionale della pittura analitica negli Anni Settanta, Zappettini ha dato forma a una “strada spirituale, un lavoro di ricerca interiore”, come lui stesso dichiara, una perpetua autoanalisi che “fino a quando non creerò un capolavoro continuerò a dipingere”.

Gianfranco Zappettini, Il petalo d'oro n. 70, 2018, 100x100 cm
Gianfranco Zappettini, Il petalo d’oro n. 70, 2018, 100×100 cm

LA MOSTRA DI ZAPPETTINI A TORINO

La Golden Age a cui si riferisce l’artista è un’epoca di ricchezza spirituale che seguirà l’attuale periodo di decadenza segnato dalla pandemia e dai conflitti. La mostra comprende un corpus di opere risalenti agli Anni Novanta, Duemila e 2010, fino ai lavori degli ultimi anni, dove l’oro è protagonista e simbolo del sole e di Dio, rappresentato come un cerchio e un punto. La ricerca di Zappetini sulle tradizioni orientali come il Taoismo caratterizza le sue opere recenti, ma non fa riferimento alle religioni, bensì a qualcosa che va oltre, verso la perfezione metafisica. Da questi trent’anni di produzione artistica emerge un insieme eterogeneo di ricerche che risultano legate tra loro da una continuità, come nel caso delle opere Al fin che traspare di metà Anni Novanta ‒ nelle quali il petalo è la rappresentazione del viaggio solitario compiuto dall’anima per evolversi ‒, che sono la solida radice per la serie recente Il petalo d’oro (2018), punto nel quale l’anima si eleva e si completa nell’oro.

Gianfranco Zappettini, Lacrima divina n. 13, 2021, resine e acrilico, filo di alluminio dorato e madreperla su tavola, 98x190 cm
Gianfranco Zappettini, Lacrima divina n. 13, 2021, resine e acrilico, filo di alluminio dorato e madreperla su tavola, 98×190 cm

L’ARTE SECONDO ZAPPETTINI

È presente il retaggio della pittura analitica nell’utilizzo di materiali comuni e industriali, lavorati sempre con maestria e rigorosità alchemica, in dialogo con l’elemento dorato: nella serie Lacrima divina (2021) è interessante come la linea orizzontale spinga l’osservatore verso la materia, mentre quella verticale proceda verso lo spirito, verso il metafisico. “L’arte non è decorazione né solo estetica. È da considerarsi come la religione e, come tale, deve avere tre cose: morale, rito e dono”.

Giulia De Sanctis

Eventi d'arte in corso a Torino

Mostre a Torino, vai all'elenco completo di eventi d'arte in corso →
Evento correlato
Nome eventoGianfranco Zappettini - The Golden Age
Vernissage15/02/2022 ore 16
Duratadal 15/02/2022 al 07/04/2022
AutoreGianfranco Zappettini
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA MAZZOLENI
IndirizzoPiazza Solferino 2 - Torino - Piemonte
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia De Sanctis
Dopo aver conseguito il diploma presso il Liceo Linguistico Santorre di Santarosa, l’amore per l’arte ha portato Giulia De Sanctis (Torino, 1998) a frequentare l’Accademia di Belle Arti di Torino, in cui attualmente è laureanda in Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Ha collaborato con due gallerie torinesi come assistente, occupandosi della catalogazione delle opere, di allestimento delle mostre e dell’ufficio stampa. In occasione di Artissima 2019 ha partecipato come assistente al meeting point e al bookcorner, in cui ha potuto apprendere i meccanismi del lavoro di squadra e del rapporto con il pubblico di una fiera internazionale di arte contemporanea. Ha seguito il processo di ideazione e creazione di prodotti destinati alla promozione delle attività della Fondazione Circolo dei Lettori di Torino, in particolar modo quelli digitali, acquisendo competenze come graphic designer. Collabora attivamente con diverse riviste e testate web del settore artistico ed è inoltre appassionata di fotografia nel 2018 ha creato un progetto fotografico di ritrattistica tuttora attivo.