E anche Fiac non si farà. Cancellata l’edizione 2020 della fiera parigina

La prossima edizione della Fiac si terrà dal 21 al 24 ottobre 2021. E mentre la fiera parigina cancella Artissima resta l’unico evento fieristico internazionale ancora in piedi della stagione

Fiac Paris Grand Palais 2019, Marc Domage
Fiac Paris Grand Palais 2019, Marc Domage

E anche Fiac cancella l’edizione 2020. A comunicarlo con un messaggio breve e diretto la più importante fiera francese di arte contemporanea (quasi 200 espositori e 75.000 presenze) che avrebbe dovuto tenersi dal 22 al 25 ottobre al Grand Palais a Parigi. È solo l’ennesimo appuntamento di mercato che salta in questo strano anno che ha visto venire meno tutte le manifestazioni programmate. Sono, come è noto, mancate Art Basel Hong Kong, la sorella maggiore svizzera, miart (si è di recente conclusa la settimana digitale dell’evento milanese) e sono già state rinviate Frieze/Frieze Masters e, in ultima battuta, Art Basel Miami Beach. Mancava solo l’annuncio della Fiac.

FIAC CANCELLA L’EDIZIONE 2020

“La decisione”, spiegano gli organizzatori, “è il risultato di numerosi e costanti confronti con gli espositori, collezionisti, partners. Nonostante la volontà di mantenere gli impegni presi, la fiera non è la posizione di inaugurare una manifestazione che incontri le legittime aspettative di chi vi partecipa”. Inutile spiegare le motivazioni: la crisi sanitaria che sta sconvolgendo il mondo, il progressivo aumento dei contagi, la difficoltà nello spostare cose e persone, tenendo quindi alto il livello della fiera, sarebbero i responsabili di questo ennesimo rinvio. E mentre Art Paris, di dimensioni più contenute e in condizioni più favorevoli, ha tenuto botta aprendo dal 10 al 13 settembre una edizione della resistenza, come l’hanno definita i promotori, Fiac ha dovuto capitolare. Sembra sempre più chiaro che a resistere in questa condizione di incertezza siano le manifestazioni di piccolo taglio. Per le “grandi”, senza i compratori statunitensi che riescono ad arrivare in Europa il discorso cambia e non di poco.

E ARTISSIMA?

La prossima edizione della Fiac si terrà dal 21 al 24 ottobre 2021; nel frattempo la manifestazione promette che rimborserà tutti gli espositori del 100 % della cifra versata (tanto di cappello anche se l’annuncio della cancellazione a un mese di distanza sconvolge non di poco i piani dei galleristi, con molti arrabbiati per la poca chiarezza). Nel frattempo si avvicina progressivamente la settimana dell’arte di Torino che dovrebbe tenersi dal 6 all’8 novembre 2020. I lavori procedono spediti e l’evento è confermato: se tutto, come si spera, andrà come previsto Artissima avrà la palma d’oro, oneri e onori dell’unico evento fieristico internazionale previsto per la stagione che si sta aprendo.

Santa Nastro

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.