Anche Frieze London e Masters cancellate. Le fiere ennesime vittime dell’emergenza Covid-19

Le manifestazioni dovevano tenersi dall’8 all’11 ottobre. Confermata invece l’art week di Londra

Frieze London
Frieze London

Anche se l’estate va avanti, anche se apparentemente sembra che il cielo sia più sereno, il mondo delle fiere e delle grandi manifestazioni culturali sta fronteggiando un momento senza precedenti. Le manifestazioni programmate come di consueto di anno in anno non possono svolgersi: a stopparle le conseguenze dell’emergenza Covid-19, le difficoltà nell’intraprendere viaggi, nella circolazione delle merci, nell’ospitare un ampio numero di visitatori.

FRIEZE LONDON E FRIEZE MASTERS CANCELLATE

Così mentre in Italia miart lavora per lanciare la sua prima edizione online e Torino difende strenuamente la propria volontà di inaugurare “in presenza”, mentre ci sono ancora dei dubbi sulla apertura di Art Basel a Miami Beach, l’ultima a cadere è, nel Regno Unito, Frieze London, ovviamente insieme alla gemella dedicata ai grandi maestri Frieze Masters, una delle fiere più importanti al mondo. Sul sito si legge solo un laconico annuncio, con le date del 2021: “siamo spiacenti”, dicono gli organizzatori, “che non vedremo tutti voi il prossimo ottobre, ma comunque ospiteremo la seconda edizione online della nostra Viewing Room e celebreremo la settimana dell’arte per le vie di Londra”. Un modello, che sembrerebbe molto simile a quello optato da Milano, che chiude alla fiera ma apre all’art week. Ora si teme anche per FIAC, la manifestazione che si tiene più o meno nello stesso periodo (quest’anno dal 22 al 25 ottobre) a Parigi e che non ha ancora dato segnali.

FRIEZE: LA LETTERA AI VIP

Più articolata la spiegazione data nella lettera, firmata da Victoria Siddall, Global Director of Frieze Fairs, che sta circolando tra i Vip di Frieze. Vi si racconta un passato recente fatto di numerose consultazioni con partners, espositori e istituzioni e una decisione presa a malincuore: le necessarie quarantene e le continue restrizioni renderebbero il tutto più complicato. Fondata nel 2003 da Matthew Slotover e Amanda Sharp, mutuando il prestigioso marchio della rivista lanciata dagli stessi nel 1991, Frieze London si è ampliata negli anni sempre di più, aggiungendo nel 2012 l’appuntamento di New York e Frieze Masters e nel 2019 Frieze Los Angeles. Quest’ultima è stata l’unica a tenersi nel 2020, inaugurando a febbraio, mentre tutte le altre hanno subito gli effetti dell’emergenza Covid-19. In concomitanza con la mancata edizione di New York è stata lanciata la prima Viewing Room.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.