Tra fotografia e storia. David Rubinger a Roma

Museo di Roma in Trastevere, Roma – fino al 4 novembre 2018. A settant’anni dalla fondazione dello Stato di Israele, le fotografie di David Rubinger ne ripercorrono la storia.

David Rubinger, Il pittore Marc Chagall con i suoi affreschi al Parlamento d’Israele stupisce il Primo Ministro Golda Meir, 1969
David Rubinger, Il pittore Marc Chagall con i suoi affreschi al Parlamento d’Israele stupisce il Primo Ministro Golda Meir, 1969

Messaggi di pace che si intersecano con strumenti di guerra; storie di fughe, di transito, di destinazioni lontane cercate in sogni di speranza. Occhi di bimbi che hanno perso il brilluccichio dell’ingenuità che appartiene loro per nascita. Oltre sessanta scatti in bianco e nero che condensano in immagini emozionali attimi di dolore, vite combattute, conquiste della memoria; fotografie realizzate da David Rubinger (Vienna, 1924 ‒ Gerusalemme, 2017), individuo dalla particolare sensibilità artistica e umana, maestro dell’obiettivo.
Un viaggio che ha inizio con uno scatto, un fotogramma che promette la fine di una guerra infinita in virtù della tanto agognata pace. Immagini dotate di rumori, odori, che catturano la realtà cruda offrendola ai sensi e condensando la storia in uno scatto.

SCATTI MEMORABILI

Rubinger irruppe nel fotogiornalismo, al quale si dedicò per cinquant’anni, seguendo le guerre di Israele, avendo accesso agli spazi dedicati ai leader governativi; un’occasione senza precedenti che portò a scatti memorabili come quelli di Golda Meir con l’immancabile sigaretta. Fotografie che mostrano uno spaccato di quotidianità, immortalando Shimon Peres mentre riordina i libri della sua biblioteca o Ehud Olmert che aiuta la moglie in cucina o, ancora, David Ben Gurion con il pugno alzato e i capelli scomposti dal vento.
Storie di donne coraggiose che resistono e combattono, che si prendono cura dei feriti. Capi di governo il cui sangue ha ormai imbrattato ogni canto di pace. Sagome nel deserto, tracce di guerra che avanzano nel Sinai. Tessere di un mosaico che restituisce una visione complessiva amara. Occhi che non vedono ma che accarezzano l’utopia di una patria libera; occhi emozionati che contemplano la speranza, come quelli di un gruppo di paracadutisti immortalati con le spalle al Muro occidentale mentre volgono lo sguardo lontano.

David Rubinger, Il muro del pianto. Una vecchia mano sulle antiche pietre, 1971
David Rubinger, Il muro del pianto. Una vecchia mano sulle antiche pietre, 1971

SEMPLICI VERITÀ

Una produzione, quella di Rubinger, che giunge al cuore di chi osserva le sue fotografie, così semplici eppure così veritiere, specchio di storie non edulcorate da alcun artificio ricercato per inseguire scatti sensazionali. Una storia fatta di uomini, di donne, di bambini, di un’umanità che ha combattuto per mutare il corso della storia. Una sensibilità probabilmente accentuata dalle vicissitudini personali che lo videro emigrato in Palestina nel ’39 e sfuggire alle persecuzioni razziali.

Ilenia Maria Melis

Evento correlato
Nome eventoDavid Rubinger
Vernissage06/09/2018 Ore 18.00
Duratadal 06/09/2018 al 04/11/2018
Generifotografia, personale
Spazio espositivoMUSEO DI ROMA IN TRASTEVERE
IndirizzoPiazza S. Egidio 1B - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Ilenia Maria Melis
Ilenia Maria Melis è giornalista e blogger. Laureata con il massimo dei voti in Storia e Conservazione del Patrimonio Artistico, indirizzo Archeologico, presso l’Università degli Studi Roma Tre, da sempre ama l’arte e l’archeologia, probabilmente affascinata dagli splendori della Capitale in cui vive. Sostenitrice della cultura, fonda nel 2016 “Orizzonte Cultura, miscellanea culturale in viaggio da Roma”, un contenitore di arte, archeologia, viaggi, enogastronomia e curiosità in continua evoluzione. Da anni collabora con riviste e blog di settore cercando di descrivere la cultura con trasporto e sentimento così da affascinare il lettore.