La pittura di Gabriele Grones tra i capolavori di Ca’ Pesaro a Venezia

Level 0 è il format di ArtVerona grazie al quale musei e fondazioni scelgono un artista presente in fiera da promuovere nella programmazione dell’istituto. Nasce così il progetto di Gabriele Grones, che a Ca’ Pesaro ha avuto la possibilità di esporre le sue opere accanto ai capolavori della galleria veneziana

Rodin, con il maestoso gesso de I borghesi di Calais, e poi Medardo Rosso e Adolfo Wildt popolano la prima sala della Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Venezia: ma un piccolo un ritratto di donna dai toni caldi, lo sguardo distratto e i capelli raccolti fa capolino tra quei capolavori assoluti del passato. È il primo incontro con la ricerca di Gabriele Grones (Arabba, 1983; vive tra Rovigo, Milano e New York), artista della scuderia di Boccanera Gallery scelto da Ca’ Pesaro nell’ambito del programma Level 0 di ArtVerona. Le sue opere si inseriscono nel percorso della collezione permanente con un progetto intitolato Conversazioni, realizzato mettendo a fuoco particolari minimi dei dipinti dei grandi autori e reinterpretandoli alla luce di una pittura minuziosa, iperrealistica e capace di instaurare un dialogo ricco di significati con i contesti a cui si accosta. Del resto la sede lagunare non è nuova a iniziative di questo tipo: fin dal 1902 persevera nella tradizione di contaminare il passato con le creazioni delle nuove leve dell’arte contemporanea. E d’altra parte Grones è evidentemente a suo agio tra le sale, ben note grazie agli studi all’Accademia di Belle Arti di Venezia e a una lunga frequentazione dei musei della Serenissima, tra cui proprio quello ospitato a Ca’ Pesaro.

Gabriele Grones, Conversazioni, 2021, olio su tela, cm 30x30
Gabriele Grones, Conversazioni, 2021, olio su tela, cm 30×30

LO SGUARDO SUL PASSATO DI GABRIELE GRONES

Le tele di Grones, tutte di piccole dimensioni e con una prevalenza tonale che spesso fiora il monocromatico, si affiancano allora al luminoso Cucendo la vela di Joaquín Sorolla, dal quale “estrae” i gerani fioriti e le mani che con ago e filo lavorano sul tessuto candido, o al misterioso Le signorine di Felice Casorati – anche qui tornano le mani, oltre a porzioni di prato con relative erbe spontanee –, poi ai dipinti di Umberto Moggioli, a quelli di Giorgio Morandi e pure alla scultura Senza titolo di Giovanni Anselmo. In quest’ultimo caso l’esponente dell’Arte Povera riflette sulla relazione tra uomo e natura mediante una foglia di lattuga che viene divorata dall’installazione, mentre Grones sceglie l’ortica per il suo dipinto: una pianta infestante, irritante e quindi strappata e maltrattata, ma allo stesso tempo considerata preziosa per le proprietà curative. Del resto la “verzura”, l’insieme delle piante verdi, è tra i soggetti prediletti dal pittore.

Gabriele Grones. Conversazioni. Exhibition view at Ca' Pesaro, Venezia 2021
Gabriele Grones. Conversazioni. Exhibition view at Ca’ Pesaro, Venezia 2021

IL NOVECENTO E IL CONTEMPORANEO

Le affinità tra le opere di Ca’ Pesaro e i lavori di Grones – che non si traducono mai in copie esatte dei dettagli a cui si ispirano – sono sempre evidenti, tuttavia lo scarto tra antico e contemporaneo riesce a creare dei cortocircuiti che consentono di osservare con un nuovo sguardo, più attento, le opere dei Maestri del Novecento. E sembra quasi che il giovane artista abbia voluto “pagare” un certo debito con quel passato da cui nessuno, almeno in Italia, può prescindere.
I dipinti sono tutti recenti e realizzati appositamente per la mostra; in occasione della sua apertura, avvenuta nel corso della Giornata del Contemporaneo, Grones ha inoltre allestito un suo studio provvisorio, nel quale ha lavorato su due tele, consentendo ai visitatori di osservare da vicino il suo processo creativo.

Marta Santacatterina

Eventi d'arte in corso a Venezia

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marta Santacatterina
Giornalista pubblicista e dottore di ricerca in Storia dell'arte – titolo conseguito all'Università degli Studi di Parma con una tesi in Storia dell’arte medievale –, svolge da molti anni la professione di editor freelance per conto di varie case editrici ricoprendo anche, dal 2015 all’inizio del 2018, il ruolo di direttore editoriale del marchio Fermoeditore e della rivista collegata “fermomag”, sulla quale si è dedicata alle rubriche di arte, fotografia e mostre. Scrive per “Artribune” fin dalla nascita della rivista nel 2011, mentre più recenti sono le collaborazioni con il sito “Art&Dossier” – sul quale recensisce progetti allestiti in gallerie private –, con “La casa in ordine”, dove si occupa di designer emergenti e autoprodotti, e con la rivista “Dolcesalato”, su cui propone ai pasticceri suggestioni tratte dall'arte contemporanea. Scrive inoltre testi storico-artistici e sul fumetto per case editrici italiane (Giunti editore, Grafiche Step editrice ecc.) e statunitensi (Fantagraphics Books). Ha partecipato come giurata a concorsi di arte o fotografia e raramente cura delle mostre per artisti che riescono a convincerla grazie alla qualità dei lavori e alla solidità della loro poetica. Per la sede di Parma del Boston College, si occupa inoltre di attività di tutoring sull'arte contemporanea per studenti americani.