Da Torino con The Phair riparte l’arte contemporanea. Le immagini della fiera

I primi scatti della fiera The Phair, la prima manifestazione fieristica italiana post Covid, a Torino.

The Phair 2021 Foto Daniele Muzzi
The Phair 2021 Foto Daniele Muzzi

È la prima fiera italiana post Covid ed è in svolgimento fino al 20 giugno 2021 presso il Padiglione Nervi di Torino Esposizioni. Stiamo parlando di The Phair, la manifestazione con un focus specifico sulla fotografia che dà inizio ad una week di iniziative cittadine collaterali programmate da fondazioni, gallerie, musei, spazi pubblici e privati. La rassegna, all’interno della location simbolica già sede di appuntamenti di valenza mondiale come il Salone Internazionale dell’Automobile e le Olimpiadi invernali del 2006, ospita 40 gallerie d’arte contemporanea italiane che operano sia sul suolo nazionale che estero. “The Phair è un punto di ripartenza per un settore che ha molto sofferto.” afferma Roberto Casiraghi, ideatore della fiera insieme a Paola Rampini, “la manifestazione, dedicata non solo ai fotografi, ma anche e soprattutto agli artisti che si esprimono utilizzando il mezzo fotografico, presenterà ad un pubblico nazionale ed internazionale la progettualità e la forza delle gallerie italiane”. Gli stessi promotori hanno ideato, con il supporto della Camera di Commercio, Torino Photo Days: il capoluogo piemontese presenta infatti nelle stesse date diverse iniziative collaterali legate alla fotografia e all’immagine, messe in rete anche fisicamente attraverso un servizio di navette. Sono coinvolti, oltre a The Phair, il Museo del Castello di Rivoli, Gam Galleria d’Arte Moderna, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Camera, Fondazione Merz, OGR, Paratissima, la Venaria Reale, TAG Torino Art Galleries e la Fondazione Videoinsight. Ecco le immagini della manifestazione.

Giulia De Sanctis

Eventi d'arte in corso a Torino

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia De Sanctis
Dopo aver conseguito il diploma presso il Liceo Linguistico Santorre di Santarosa, l’amore per l’arte ha portato Giulia De Sanctis (Torino, 1998) a frequentare l’Accademia di Belle Arti di Torino, in cui attualmente è laureanda in Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Ha collaborato con due gallerie torinesi come assistente, occupandosi della catalogazione delle opere, di allestimento delle mostre e dell’ufficio stampa. In occasione di Artissima 2019 ha partecipato come assistente al meeting point e al bookcorner, in cui ha potuto apprendere i meccanismi del lavoro di squadra e del rapporto con il pubblico di una fiera internazionale di arte contemporanea. Ha seguito il processo di ideazione e creazione di prodotti destinati alla promozione delle attività della Fondazione Circolo dei Lettori di Torino, in particolar modo quelli digitali, acquisendo competenze come graphic designer. Collabora attivamente con diverse riviste e testate web del settore artistico ed è inoltre appassionata di fotografia nel 2018 ha creato un progetto fotografico di ritrattistica tuttora attivo.