Maurizio Donzelli e l’invisibile in mostra a Brescia

Pochi, intensi lavori di Maurizio Donzelli creano nello spazio espositivo della galleria Massimo Minini a Brescia un’atmosfera sacrale e sospesa. Donzelli presenta un intervento che non pone domande né dà risposte ma indica un percorso

Le mostre personali nelle gallerie di riferimento possono essere semplici aggiornamenti per un artista, teorie di opere che ne esemplificano la ricerca più recente, in un loop ripetuto periodicamente con minimi spostamenti. Viceversa, il progetto può diventare davvero occasione – oltre che di incontro rinnovato con un lavoro – di sviluppo autonomo che, con approccio museale, non miri tanto a un far vedere quantitativo ma, piuttosto, a un tessere concettuale. A questa seconda categoria appartiene l’esposizione pensata da Maurizio Donzelli (Brescia, 1958) in colloquio con Massimo Minini, entrambi anche nel ruolo di curatori, presenti con due intensi testi critici.

Maurizio Donzelli. Immaginale. Exhibition view at Galleria Massimo Minini, Brescia 2022
Maurizio Donzelli. Immaginale. Exhibition view at Galleria Massimo Minini, Brescia 2022

LA MOSTRA DI DONZELLI A BRESCIA

Entrando nella galleria, ciò che si osserva è una sottrazione iconografica. Come in una cattedrale gotica, lo spazio (una navata laica e industriale) si costruisce nei rapporti di luce e ombra. Sulle lunghe pareti laterali sono allestiti due soli lavori monocromatici in oro, simbolo di chiarore assoluto e mentale; mentre nel fuoco prospettico della sala, al fondo, quella che appare come una catasta di quadri elegantemente disordinati, alcuni appoggiati a terra altri appesi, che si nascondono l’un l’altro sui toni notturni dei blu, dei grigi e dei neri. Da un lato luce, dall’altro ombra, da una parte visione, dall’altra pensiero. Visibile e invisibile sono i due poli continuamente rilanciati dalla ricerca di Donzelli che si spiegano nel titolo Immaginale: un pensare per immagini propriamente umano che “si colloca in un territorio intermedio tra percettibile e impercettibile”.

Maurizio Donzelli, Lux Drawing, 2021, Luxart print, 70×50 cm. Courtesy Galleria Massimo Minini
Maurizio Donzelli, Lux Drawing, 2021, Luxart print, 70×50 cm. Courtesy Galleria Massimo Minini

LA PITTURA SECONDO DONZELLI

L’accumulazione di quadri nella parete corta favorisce, infatti, lo sviluppo concettuale di questo elemento filosofico con grazia e concretezza. Ogni opera è sfondo di un’altra, vi si appoggia ed è a sua volta schermata, ha parti evidenti e nascoste. Anche solo questo espediente mette in moto mente e sguardo in una collaborazione percettiva per cui ogni composizione rimanda concretamente alla propria autonomia astratta, proiettando però l’osservatore anche oltre a sé, nell’immaginario e nell’invisibile.
Nella seconda e ultima sala della mostra, la presenza dell’unico quadro effettivamente dipinto svela come gli altri lavori della serie, intitolati Lux Drawing, siano di fatto misteriose riproduzioni metalliche di opere pittoriche precedenti. Ricodificazioni “raffreddate” della pittura che non fanno semplicemente le veci di un presunto originale, ma dimostrano come la pittura per l’autore sia un fatto mentale ed empatico che può, all’occorrenza, reificarsi nelle più inaspettate tecniche.

Gabriele Salvaterra

Eventi d'arte in corso a Brescia

Evento correlato
Nome eventoMaurizio Donzelli / Paolo Novelli
Vernissage15/01/2022 ore 11
Duratadal 15/01/2022 al 05/03/2022
AutoriPaolo Novelli , Maurizio Donzelli
Generifotografia, arte contemporanea, doppia personale
Spazio espositivoGALLERIA MASSIMO MININI
IndirizzoVia Luigi Apollonio 68 - Brescia - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Gabriele Salvaterra
Gabriele Salvaterra (Trento, 1984) è scrittore e mediatore culturale. Si laurea in Gestione e Conservazione dei Beni Culturali presso l’Università di Trento con la tesi “Internet e nuove tecnologie nel settore museale. Ipotesi e strumenti per un approccio immateriale alla creazione del valore”. Lavora come collaboratore presso istituzioni museali e come redattore freelance per diverse riviste d’arte. Dopo aver collaborato con Exibart, attualmente scrive per Artribune e Espoarte. Ha curato e contribuito alla realizzazione di diverse mostre sia presso musei pubblici sia come curatore indipendente. Appassionato di storia dell’arte e della critica, equilibra le escursioni nel mondo artistico-culturale con una eterogenea militanza chitarristica nell’underground musicale tridentino.