#presentense (III). I pericoli della cultura

Chi si occupa di cultura viene guardato con sospetto e fastidio dall’humus sociale, perché rappresenta una minaccia alla produttività. E allora viene in mente il punk, ben oltre i confini della musica. Un’attitudine a raccontare il reale in presa diretta, pericolosamente senza filtri o distanze.

Alessandro Bulgini, Taranto Opera Viva. Relitto in Mar Piccolo (seconda versione), 2017
Alessandro Bulgini, Taranto Opera Viva. Relitto in Mar Piccolo (seconda versione), 2017

In treno da Foggia a Bari, 26 aprile. E in effetti, l’immagine evocata (sottotraccia; estenuata) dai ragazzi nerissimi in cammino ogni giorno sul cavalcavia all’ingresso di Taranto è quella di Zombi 2 (Lucio Fulci, 1979), con i morti viventi sul ponte di Brooklyn come una moltitudine di immigrati haitiani indesiderati. A suo modo una profezia, e una scena che ho sempre trovato molto naturale, spontanea, serena. Un’immagine del futuro sostanzialmente utopica, di una “serena apocalisse” (allegria di naufragi) – così come profetica e serena è la luce che sempre immerge questa scena (con protagonisti ogni volta diversi, ragazzi e ragazze, da soli o in gruppo) – nel sole del tramonto o del mattino presto – nella polvere rossa tossica che colora gli edifici a due passi.
Poi – il modo molto delicato in cui certi cimiteri di paese in Puglia (quello di Trinitapoli, per esempio) replicano il paese stesso. La forma è perfetta, lo “skyline” anche; solo, se ci fate caso, tutti gli “edifici” dei morti sono rivolti verso l’interno. Non esistono facciate che guardano “fuori”, al mondo e alla zona dei vivi. In questo è possibile intravedere certamente una nostra protezione, un nostro metterci per così dire al sicuro, ma anche una sorta di pudore da parte loro – dei morti. (È come se si rinchiudessero nel loro paesino, all’ombra dei cipressi, in una dimensione molto intima e – per noi – scarsamente comprensibile.)

***

28 aprile. La cultura è una malattia – un’attività sommamente antisociale, malsana. Pericolosa. Gli individui normali di una società si dedicano alle cosiddette attività “produttive”; gli individui “anormali”, disfunzionali, rotti, scassati si dedicano invece all’arte e alla cultura. Questo è forse anche uno dei motivi per cui la gente (la “maggioranza”) prova generalmente ostilità genuina nei confronti delle occupazioni intellettuali e degli oggetti artistici e culturali “veri” (non quelli finti, che servono solo a decorare pareti o ad abbellire piazze…): perché ne percepisce istintivamente la pericolosità, la minaccia – intesa proprio come minaccia alla perpetuazione della specie.
La cultura è l’attività improduttiva per eccellenza.
Gli artisti autentici (e non presunti) sono sempre individui poco raccomandabili, mattoidi e mezzi delinquenti, maleducati, fastidiosi, paranoici, vanagloriosi, irritanti, eccessivi. E va bene così. Siouxsie Sioux: “Nel momento in cui qualcosa diventa facile da copiare, perde tutta la sua carica di energia”.
(Che cos’è “punk”? Punk non è solo un movimento compreso tra il 1976 e il 1978; punk è un’attitudine – una “disposizione d’animo”. In questo senso, più ancora delle sottoculture precedenti (mod, psichedelia, glam), eredita il ruolo che era stato delle avanguardie “storiche”. L’avanguardia è punk; il punk è avanguardia. Savinio ventenne che suona il piano negli Anni Dieci come un indemoniato. L’avanguardia sottoculturale autentica è fortemente connessa con il REALISMO, fino a identificarsi con esso – realismo inteso proprio come abbattimento di ogni filtro e distanza, e come volontà precisa di costruire una rappresentazione veritiera, un racconto culturale affidabile di che cosa vuol dire essere vivi in un determinato periodo storico.)

***

29 aprile. La forza e la raffinatezza di John Lydon oggi – le facce e le espressioni che fa, per esempio, nelle interviste recenti (quando ha appena finito di dire qualcosa di acuto e volutamente oltraggioso, ma con eleganza) – è l’unico che ha sempre portato avanti l’avventura e l’impresa intellettuale punk e post-punk come critica e conflitto sociale, come rivincita della propria classe di appartenenza sul piano dell’arte e della rappresentazione culturale.

***

30 aprile. Fuel dei Metallica – di nuovo sulla SS100 per Taranto – e quando i miei amici sono marciti in questo sogno impazzito di borghesia, semplicemente ho cambiato amici – il panino con salame, pomodori e melanzane sott’olio (c’è anche una birra Raffo: ovviamente) che mi ha preparato Luca del bar Old City alle cinque di sabato pomeriggio era una delle cose più buone assaggiate ultimamente, l’olio cola via – tutta l’amarezza e la delusione cola via, l’adolescenza e le risate perdute colano via, ci sono nuove risate – più simili a ghigni veramente, ma più piene, più dense – la sostituzione è avvenuta senza che neanche ce ne accorgessimo, con piena soddisfazione di qualcuno – Alessandro non ha ancora risposto al messaggio (mi chiamerà tra cinque minuti), sto arrivando e mi fermerà al bar delle ragazze (Cibo per la Mente) a bere caffè e a leggere il libro di Marcello Nitti dedicato alla Taranto post-punk (1981-85) – nel frattempo in auto riascolto i dischi dei miei e dei nostri vent’anni. Senza molta nostalgia, ma come scoprendoli e apprezzandoli per la prima volta.
INTERFERENZE…
Il mare di Taranto di fronte al cavalcavia, dove c’è la chiesetta di S. Maria di Costantinopoli, “quella spiaggia una volta silente e melanconica campagna infestata di pirati” (Mons. Giuseppe Blandamura, 1866-1957).
Ma poi tutta questa vitalità adesso, nei trent’anni inoltrati, è al medesimo tempo un dono e uno spreco – un punk o un grunge fuori tempo massimo, in ritardo su tutto, e per questo ancora più interessante – è sempre la condizione che si trova e che ci trova dopo tutte le illusioni perdute e le speranze infrante, ciò che definiamo oltre-il-fallimento – la terra incognita, la zona inesplorata e che funziona secondo le regole e i valori di un mondo sconosciuto…

Christian Caliandro

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Christian Caliandro
Christian Caliandro (1979), storico dell’arte contemporanea, studioso di storia culturale ed esperto di politiche culturali, insegna storia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia. È membro del comitato scientifico di Symbola Fondazione per le Qualità italiane. Ha pubblicato “La trasformazione delle immagini. L’inizio del postmoderno tra arte, cinema e teoria, 1977-’83” (Mondadori Electa 2008), “Italia Reloaded. Ripartire con la cultura” (Il Mulino 2011, con Pier Luigi Sacco) e “Italia Revolution. Rinascere con la cultura” (Bompiani 2013). Cura su “Artribune” le rubriche inpratica e cinema; collabora inoltre regolarmente con “La Gazzetta del Mezzogiorno”, “minimaetmoralia”, “che-Fare”. Ha curato mostre personali e collettive, tra cui: “The Idea of Realism // L’idea del realismo” (2013, con Carl D’Alvia), “Concrete Ghost // Fantasma concreto” (2014), entrambe parte del progetto “Cinque Mostre” presso l’American Academy in Rome; “Amalassunta Collaudi. Dieci artisti e Licini” presso la Galleria d’Arte Contemporanea “Osvaldo Licini” di Ascoli Piceno (2014); “Sironi-Burri: un dialogo italiano (1940-1958)” presso lo spazio CUBO (Centro Unipol Bologna, 2015); “RIFTS_Abate, Angelini, Veres” (Artcore, Bari 2015); “Opera Viva Barriera di Milano” (Torino 2016); “La prima notte di quiete” (i7-ArtVerona, 2016).