6 nuovi libri d’arte e dintorni. Fra collezionismo e city branding

Per l’ultima settimana di marzo vi proponiamo mezza dozzina di libri che spaziano dalla fotografia di Sabine Weiss al management dell’archeologia, dai ricordi di Riccardo Gualino ai progetti di Edenspiekermann

La nostra rassegna settimanale dei volumi recentemente distribuiti in libreria inizia dal campo di concentramento in cui era prigioniero François Le Lionnais, passa a raccontare la vita di Riccardo Gualino, cerca di capire cos’è il city branding, scopre le fotografie di Sabine Weiss, condanna la guerra grazie a una fiaba e, infine, si inoltra nei legami fra archeologia e management.

Marco Enrico Giacomelli

1. L’ARTE SALVA L’ANIMA

François Le Lionnais – Dipinti a voce (Marietti, Bologna 2021)

Scienziato e letterato, cofondatore dell’Oulipo e partigiano, durante la Seconda Guerra Mondiale François Le Lionnais subì l’arresto, la tortura e l’internamento in un campo di concentramento. Questo è il racconto di come l’arte contribuì a salvare lui e altri compagni di prigionia, grazie alla straordinaria capacità descrittiva che aveva Le Lionnais, in grado di far vivere e rivivere i capolavori del passato e del presente nella mente e negli occhi di chi lo ascoltava rapito.

François Le Lionnais – Dipinti a voce
Marietti, Bologna 2021
Pagg. 72, € 10
ISBN 9788821111112
https://www.mariettieditore.it/

2. RICCARDO GUALINO IMPRENDITORE E COLLEZIONISTA

Riccardo Gualino – Confessioni di un sognatore (Marini, Roma 2021)

Questa è l’avvincente autobiografia di un personaggio forse oggi poco noto, ma che ha avuto un ruolo importantissimo nella storia industriale del nostro Paese. Riccardo Gualino fu infatti, almeno per tutta la prima parte del Novecento, una figura onnipresente dove si trattava di individuare inedite direttrici di sviluppo, dal cemento alla navigazione, dal tessile alla cinematografia (è il fondatore della Lux). Accanto a questa attività, che peraltro gli costò quasi tre anni di confino a Lipari, Gualino fu anche un raffinato collezionista, consapevole che “comprare è facile; basta avere denari e pagare; comprare bene è difficile”.

Riccardo Gualino – Confessioni di un sognatore
Marini, Roma 2021
Pagg. 163, € 24
ISBN 9788894643909
https://www.libreriamarini.it/

3. PARMA E IL CITY BRANDING

Voi siete qui (Electa, Milano 2022)

Il city branding non si riduce al disegno di un logo, più o meno riuscito. È un’operazione assai più complessa, che va sviluppata in un lungo percorso di coprogettazione fra professionisti, amministratori e cittadini. Un ottimo caso studio italiano proviene da Parma: in occasione della nomina a Capitale italiana della cultura, è stato chiamato lo studio Edenspiekermann per lavorare all’immagine della città. Questo libro presenta i risultati, insieme a una nutrita selezione di altri casi italiani (da Ascoli Piceno a Venezia) e un paio internazionali (Amsterdam e Santa Monica).

Voi siete qui
Electa, Milano 2022
Pagg. 256, € 32
ISBN 9788892821682
https://www.electa.it/

4. VENEZIA CELEBRA SABINE WEISS

Sabine Weiss. La poesia dell’istante (Marsilio Arte, Venezia 2022)

Sarà una delle mostre da non mancare durante la trasferta in Laguna per la Biennale di Venezia che inaugura fra un mese. È la personale della fotografa franco-svizzera Sabine Weiss allestita alla Casa dei Tre Oci; mostra che, a causa della sua scomparsa lo scorso dicembre a 97 anni, diventa anche la prima retrospettiva postuma. Un’artista da scoprire, contemporanea di Doisneau e Cartier-Bresson ma contraddistinta da un approccio profondamente empatico con i suoi soggetti.

Sabine Weiss. La poesia dell’istante
Marsilio Arte, Venezia 2022
Pagg. 208, € 45
ISBN 9791254630242
https://www.marsilioarte.it/

5. LA GUERRA SPIEGATA AI BAMBINI

Romana Romanyshyn & Andriy Lesiv – La guerra che cambiò la Città Tonda (Jaca Book, Milano 2019)

Tradotto da Jaca Book nel 2019 e ora tornato tristemente attuale, il libro di Romana Romanyshyn e Andriy Lesiv è stato pubblicato nel 2015 a Leopoli, in Ucraina, all’indomani degli accordi di Minsk. È una fiaba che prova a raccontare la follia della guerra ai più piccini, le vittime che maggiormente hanno bisogno di sostegno quando sono le armi a parlare.

Romana Romanyshyn & Andriy Lesiv – La guerra che cambiò la Città Tonda
Jaca Book, Milano 2019
Pagg. 30, € 18
ISBN 9788816574571
http://www.jacabook.it/

6. L’ARCHEOLOGIA HA BISOGNO DI MANAGEMENT?

Stefano Monti e Carolina Megale – Manuale di Management per l’archeologia (McGraw Hill, Milano 2022)

Non si storca subito il naso: “management” non è sinonimo di “profitto”. Così come l’archeologo non è, non dovrebbe essere, un alieno calato su un territorio, disinteressato a chi lo abita ora e focalizzato soltanto sugli scavi. “L’archeologo contemporaneo”, scrivono Carolina Megale e Stefano Monti, “deve sempre più essere un funzionario della conoscenza, piuttosto che un custode del sapere. Essere funzionari della conoscenza significa comprendere come inserire la conoscenza all’interno degli sviluppi territoriali, definendo azioni che, nel pieno rispetto del valore scientifico, sappiano però interpretare i linguaggi del presente. Agire in modo programmatico, definendo strategie in grado di superare le naturali resistenze della collettività, e comprendendo le modalità attraverso le quali rendere l’azione archeologica sempre più sostenibile economicamente, perché da tale sostenibilità deriva la continuità dell’attività archeologica nel tempo”. Sacrosanto, non credete?

Carolina Megale & Stefano Monti – Manuale di management per l’archeologia
McGraw-Hill, Milano 2022
Pagg. 216, € 25
ISBN 9788838654978
https://www.mheducation.it/

Dati correlati
AutoreSabine Weiss
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marco Enrico Giacomelli
Giornalista professionista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Augé, Bourriaud, Deleuze, Groys e Revel. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Nel 2018 ha curato la X edizione della Via del Sale in dieci paesi dell'Alta Langa e della Val Bormida. Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, la Libera Università di Bolzano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV e Ca' Foscari di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna Critical Writing alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.