16 libri di architettura da portare nel 2019

Com’è andato il 2018 dal punto di vista dell’editoria di architettura? Tante le monografie e le autobiografie uscite negli ultimi dodici mesi. La nostra tradizionale selezione di fine anno include anche saggi critici e volumi fotografici da collezione.

1. ARCHITETTURA IN NUCE

Bruno Zevi – Architectura in nuce (Quodlibet, Macerata 2018)

Nell’anno delle celebrazioni per il centenario della nascita di Bruno Zevi (1918-2000), oltre alla grande mostra al MAXXI di Roma e ai numerosi convegni in Italia e oltreoceano a lui dedicati, non sono mancati gli omaggi editoriali. Fra questi, vi segnaliamo nella collana Habitat di Quodlibet la ristampa anastatica di Architectura in nuce (1960). A redigerlo è uno Zevi maturo, già autore di Saper vedere l’architettura e Storia dell’architettura moderna, che in oltre 200 pagine – illustrate da centinaia di immagini da lui stesso selezionate e impaginate – riflette sull’architettura come “arte dello spazio”, indaga i problemi della storiografia e afferma la centralità di storia e critica nella formazione dell’architetto. Ad accompagnare il testo, una prefazione di Rafael Moneo e un saggio di Manuel Orazi, che con accuratezza inquadra origini, sviluppi e attualità del pensiero zeviano.

Bruno Zevi – Architectura in nuce
Quodlibet, Macerata 2018
pagg. 250, € 30
ISBN 9788822901415
www.quodlibet.it

2. LA TRILOGIA DI BRUNO ZEVI

Bruno Zevi – Frank Lloyd Wright (Castelvecchi, Roma 2018)

Anche Castelvecchi ha scelto di omaggiare la figura e la visione di Zevi ripubblicando tre sue monografie. Erich Mendelsohn, Frank Lloyd Wright e Giuseppe Terragni sono i progettisti presi in esame dallo storico dell’architettura in altrettanti volumi. In particolare, nel libro dedicato al “genio di Taliesin West” ‒ per Zevi “il più grande architetto moderno” ‒, il lettore ha a disposizione anche un’autentica guida alla titanica produzione wrightiana, comprensiva degli indirizzi dei suoi edifici: da Casa Kaufmann al Solomon R. Guggenheim Museum di New York, con tappe nelle celeberrime residenze immerse nei paesaggi statunitensi. Nel catalogo della stessa casa editrice è inoltre disponibile, sempre di Zevi, l’imprescindibile Controstoria e storia dell’architettura.

Bruno Zevi – Frank Lloyd Wright
Castelvecchi Editore, Roma 2018
Pagg. 284, € 32
ISBN 9788869449819

Bruno Zevi – Giuseppe Terragni
Castelvecchi Editore, Roma 2018
Pagg. 210, € 27
ISBN 9788832825046

Bruno Zevi – Erich Mendelsohn
Castelvecchi Editore, Roma 2018
Pagg. 210, € 27
ISBN 9788832825176
www.castelvecchieditore.com

3. ARCHITETTURA AL PRESENTE

Fabrizio Toppetti –Architettura al presente (LetteraVentidue, Siracusa 2018)

La modernità può ancora essere una chiave interpretativa utile “per comprendere il nostro presente e orientare il nostro agire”? E, viceversa, le peculiari condizioni della contemporaneità – lo schiacciamento sul presente simultaneo, la crisi come contesto non solo economico – possono gettare nuova luce, ridefinire i connotati del disegno del moderno? Proprio sulle relazioni tra moderno e contemporaneo – complesse, multidirezionali, certo non di semplice sequenza cronologica né di opposizione – s’interroga Architettura al presente, l’ultimo libro di Fabrizio Toppetti, che qui rilegge criticamente e sistematizza una lunga serie di scritti da lui pubblicati nell’ultimo decennio. Per Toppetti – che è architetto, professore associato in Composizione Architettonica e Urbana alla Sapienza di Roma, membro del Direttivo dell’Associazione Nazionale Centri Storico-Artistici e del Comitato di Redazione di Rassegna di Architettura e Urbanistica – la rivisitazione critica dell’eredità del moderno è la premessa fondamentale per attualizzare tanto il ruolo del progetto quanto il posizionamento della figura dell’architetto nella contemporaneità. Con un obiettivo chiaro, proiettivo e libero da nostalgie: “Non il ritorno a equilibri perduti ma (…) un avanzamento consapevole e misurato”.

Fabrizio Toppetti – Architettura al presente. Moderno contiene contemporaneo
LetteraVentidue, Siracusa 2018
Pagg. 168, € 14
ISBN 9788862423045
www.letteraventidue.com

4. ELOGIO DELLA CORNICE

Elogio della cornice (Campisano, Roma 2018)

A un anno dalla scomparsa di Giorgio Muratore, è stata la sede del Centro Studi a lui intitolato a ospitare la presentazione del volume Elogio della cornice. Giorgio Muratore, un intellettuale dell’architettura italiana, pubblicato da Campisano Editore. Il volume mette a disposizione di studiosi e ricercatori gli atti della giornata organizzata in onore di Muratore a Roma, nell’ottobre 2017. Docente, storico e intellettuale, nel corso della carriera si è particolarmente distinto nella divulgazione architettonica, anche esplorando la dimensione dell’editoria digitale con le esperienze di Architel e Archiwatch, e nella tutela dell’architettura del Novecento.
Celebri le sue “battaglie” a difesa del patrimonio “scomodo” o sottovalutato, portate avanti con azioni a favore della “salvaguardia di cinematografi, fabbriche dismesse, case del fascio in città di provincia, edifici di architetti poco noti, troppo spesso ritenuti erroneamente di cattivo gusto o emblemi di regime”. Una poderosa opera corale, realizzata da autori legati, a vario titolo, a Muratore.

Clementina Barucci, Oliva Muratore, Saveria Muratore (a cura di) ‒ Elogio della cornice. Giorgio Muratore, un intellettuale dell’architettura italiana
Campisano Editore, Roma 2018
Pagg. 352, € 30
ISBN 9788885795174
www.campisanoeditore.it

5. STRUCTURES BY LABICS

Labics – Structures (Park Books, Zurigo 2018)

Abbiamo pensato all’architettura come a un modo per migliorare e cambiare la vita delle persone; questo è ciò che ha alimentato il nostro desiderio di costruire (…). Quindi, dal giorno in cui abbiamo aperto lo studio, è stato cruciale cercare di risolvere questa contraddizione ideale per sostenere i nostri sforzi e trasformare le nostre visioni in mattoni laddove possibile”. Ad affermarlo sono gli architetti Maria Claudia Clemente e Francesco Isidori, fondatori sedici anni fa dello studio Labics. Uscita solo da qualche settimana, la monografia curata da Stefano Casciani per Park Books ricostruisce, per la prima volta, l’esperienza e la “filosofia” di uno dei principali studi di architettura attivi in Italia; foto e disegni affiancano un’intervista al duo e quattro saggi tematici. Ciascuno di questi esplora diverse declinazioni del concetto Structures, ribadito nel titolo del libro e al centro di un progetto espositivo, con cinquanta modelli architettonici esposti, visitabile al MAXXI di Roma fino all’autunno 2019.

Labics – Structures
Park Books, Zurigo 2018
Pagg. 272, € 58
ISBN 9783038601289
www.park-books.com

6. ATLAS OF BRUTALISM ARCHITECTURE

Atlas of Brutalism Architecture (Phaidon, Londra 2018)

Mettetevi comodi, spegnete il telefono, concedetevi un’occasione di isolamento dal mondo e dalle cose. Se avete un debole per l’architettura brutalista, se avete messo piede al MoMA per una delle mostre di architettura dell’anno ‒ ovvero Concrete Utopia: Architecture in Yugoslavia – o vi sarebbe piaciuto farlo, l’enciclopedico volume edito da Phaidon non può che finire nella vostra biblioteca domestica. Il libro probabilmente risponde anche alle domande che ancora non vi siete posti sulla corrente brutalista, offrendo dati aggiornati su scala mondiale relativi a decine di edifici e di monumenti. Dalla mappatura generale si passa alle schede individuali, corredate di un apparato fotografico oltre le aspettative.

Atlas of Brutalism Architecture
Phaidon, Londra 2018
Pagg. 560, € 125
ISBN 9780714875668
www.phaidon.com

7. ELEMENTAL

Alejandro Aravena – Elemental (Phaidon, Londra 2018)

Balzato agli onori della cronaca internazionale nel (fatale) anno 2016, quando il suo fondatore ha sia diretto la 14. Mostra Internazionale di Architettura, sia vinto il Pritzker Prize, lo studio cileno Elemental si racconta nella robusta monografia edita da Phaidon. Con sede a Santiago del Cile e con interventi “potenti e umanitari” di piccola e grande scala in Cile, Stati Uniti, Messico, Svizzera e Cina all’attivo, l’attività di questa singolare realtà viene indagata attraverso un repertorio fotografico d’autore, disegni e schizzi estratti dal notebook personale di Aravena. Sempre restando in ottica Biennale, la stessa casa editrice nei mesi scorsi ha dato alle stampe anche la prima monografia dedicata allo studio di architettura irlandese Grafton Architects, guidato dalle curatrici della 14. Mostra Internazionale di Architettura.

Alejandro Aravena – Elemental
Phaidon, Londra 2018
Pagg. 256, € 70
ISBN 9780714878034
www.phaidon.com

8. PIANO. COMPLETE WORKS 1966-TODAY

Philip Jodidio – Piano. Complete Works 1966–today (Taschen, Colonia 2018)

A molti sarà capitato, almeno una volta, di sfogliare i volumi della serie Architecture Now!, curata per Taschen dall’uomo che per oltre due decenni ha diretto la rivista Connaissance des Arts. Dopo le monografie dedicate a Tadao Ando, Norman Foster, Jean Nouvel, Shigeru Ban, Oscar Niemeyer e Zaha Hadid, questa volta Philip Jodidio ha coordinato quella su Renzo Piano. Nell’anno in cui l’architetto e senatore a vita ha diviso l’opinione pubblica come mai prima d’ora, con le sue scelte in merito alla ricostruzione del Viadotto sul Polcevera, dopo il crollo del 14 agosto scorso, questo volume in maxi formato, densissimo di fotografie, schizzi e disegni, si disconnette dalla realtà degli ultimi mesi, ricostruendo oltre cinquant’anni di attività del celebre progettista genovese.

Philip Jodidio – Piano. Complete Works 1966–today
Taschen, Colonia 2018
Pagg. 720, € 150
ISBN 9783836571821
www.taschen.com

9. ELEMENTS OF ARCHITECTURE

Rem Koolhaas – Elements of Architecture (Taschen, Colonia 2018)

Alla Biennale Architettura 2014, in Elements of Architecture Rem Koolhaas ripartiva dai fondamentali ripercorrendo storia ed evoluzione degli elementi base dell’architettura. I 15 libricini colorati che a Venezia accompagnavano l’immensa opera di catalogazione condotta in collaborazione con la Harvard Graduate School of Design sono ora riuniti in un unico, gigantesco tomo di 2600 pagine pubblicato da Taschen. Ad arricchire questa edizione, un capitolo introduttivo, annotazioni degli autori e un saggio fotografico del Turner Prize Wolfgang Tillmans. Il tutto confezionato dalla maestra dei volumi XXL e complice di lunga data dell’architetta olandese Irma Boom, che per trasformare l’opera enciclopedica in un testo di agile consultazione ha progettato un volume con spina divisa a metà, pagine in carta di bugiardino e una micro-guida, con tanto di consigli e “scorciatoie” per la sua lettura.

Rem Koolhaas – Elements of Architecture
Taschen, Colonia 2018
Pagg. 2528, € 100
ISBN 9783836556149
www.taschen.com

10. EXHIBIT A – EXHIBITIONS THAT TRANSFORMED ARCHITECTURE 1948-2000

Eeva Liisa Pelkonen – Exhibit A (Phaidon, Londra 2018)

Come “esponi” un edificio, una località o anche una città? Exhibitions A è il primo libro curato per esplorare e mettere a sistema tutte le mostre d’architettura più significative del XX secolo. Una collezione rivoluzionaria, che rivela i molti modi in cui l’architettura ha spinto i confini delle mostre e come, a sua volta, le mostre hanno plasmato la disciplina architettonica, tra il 1948 e il 2000. Con una prospettiva globale, Exhibitions A si concentra su 80 esempi, facendo riferimento ad eventi come la Biennale di Architettura di Venezia, Expo 70 a Osaka, la World’s Fair del 1964 a New York e molti altri. Magistralmente curato, Exhibitions A è articolato secondo un criterio cronologico, per consentire al lettore di cogliere la progressione e l’innovazione del settore nel tempo, evidenziando come le mostre siano essenziali nel permettere agli architetti di comunicare le loro visioni. Illustrato con oltre 300 immagini di installazioni, cataloghi, poster, disegni e modelli, il volume offre un riferimento fondamentale per critici, architetti e storici, una panoramica pionieristica visivamente convincente del modo in cui guardiamo al lavoro costruito.

Eeva-Liisa Pelkonen – Exhibit A: Exhibitions That Transformed Architecture 1948-2000
Phaidon, Londra 2018
Pagg. 288, € 75
ISBN: 9780714875170
www.phaidon.com

11. FARE SPAZIO ALLE ATTIVITÀ CULTURALI

Mauro Baioni – Fare spazio alle attività culturali (Quodlibet, Macerata 2018)

Nelle città del mondo sono ormai presenti luoghi accoglienti e democratici nei quali si svolgono attività culturali che possono essere intese come l’espressione di una forma avanzata di welfare, inclusiva e abilitante. Talvolta si tratta di strutture specializzate per la fruizione della cultura gestite e organizzate in modo innovativo. In altri casi, di strutture ideate da gruppi e associazioni per coniugare socialità, cultura ed economia, e gestite in modo indipendente. Nelle città si trovano anche molti luoghi abbandonati e sotto-utilizzati, pubblici e privati, che potrebbero ospitare attività culturali e sociali, ma qualcosa lo impedisce. L’associazione Eddyburg ha promosso nel 2017 una ricerca indipendente, per verificare se questo tipo di spazi culturali possa essere considerato come un servizio d’interesse generale essenziale, di cui garantire una presenza capillare. Il quaderno curato da Mario Baioni restituisce l’esito della ricerca, al termine della quale si può affermare l’importanza di uno “standard di valore“, non basato su requisiti minimi, ma inteso come un riconoscimento formale degli spazi culturali come parte essenziale del diritto alla città. Essi sono – oggi – un servizio d’interesse generale, indispensabile per rispondere all’istanza di costruzione di una società multiculturale, solidale e coesa. Sono luoghi inclusivi, flessibili, accessibili, belli ma non omologati, democratici e attivi, e dal grande potere generativo: ovunque sono presenti, diffondono effetti positivi sulle persone coinvolte. La loro presenza contribuisce a costruire quotidianamente la multiculturalità, a legare in maniera costruttiva le diversità, a rendere la società più solidale, e a fare della città un luogo vivibile e accogliente. Attorno agli spazi culturali è necessario costruire un terreno di azione politica che metta al centro dell’attenzione la città e l’urbanistica. Un terreno di azione politica che guarda alla città e all’urbanistica.

Mauro Baioni – Fare spazio alle attività culturali
Quodlibet, Macerata 2018
Pagg. 88, € 13,60
ISBN 9788822902009
www.quodlibet.it

12. BUILDING ART. VITA E OPERE DI FRANK GEHRY

Paul Goldberger – Building Art (Safarà, Pordenone 2018)

È una di quelle congiunture che hanno dello straordinario: da una parte un Pritzker, dall’altra un Pulitzer, in mezzo quarant’anni di articoli e incontri. Stiamo parlando di Building Art. Vita e opere di Frank Gehry, prima biografia autorizzata della quasi novantenne archistar a firma di Paul Goldberger, storico critico di New Yorker e New York Times. A distanza di tre anni dall’edizione americana, il libro arriva in Italia grazie alla dedizione della giovane casa editrice Safarà e all’accurata traduzione di Matteo Zambelli. In un formato trapezoidale che strizza l’occhio alle geometrie sghembe dell’architetto canadese, oltre 400 pagine in 21 episodi in cui “la linea di demarcazione fra la vita professionale e quella privata è piuttosto offuscata, tanto da essere invisibile”. Dalla nascita come Frank Owen Goldberg a Toronto, alla nuova vita a Los Angeles come Gehry, fino alle regate su Foggy a Marina del Rey con Gregg Lynn e al party a Manhattan con Brad Pitt. Tra fallimenti e vittorie, acclamazioni e grandi rifiuti, progetti mai realizzati e icone della contemporaneità. Di cui leggerà tutto d’un fiato anche il più scettico fra i lettori.

Paul Goldberger – Building Art. Vita e opere di Frank Gehry
Safarà Editore, Pordenone 2018
Pagg. 496, € 35
ISBN 9788897561514
www.safaraeditore.com

13. INCOMPIUTO: LA NASCITA DI UNO STILE

Incompiuto. La nascita di uno Stile (Humboldt Books, Milano 2018)

 

Cosa accade quando, per decenni, sull’intero territorio di un Paese decine di cantieri vengono avviati ma mai ultimati? A spiegarlo, con testi – in italiano e in inglese, scritti da osservatori e critici tra cui Salvatore Settis, Marc Augé, Paul Virilio e Marco Biraghi – ed efficacissime immagini di “rovine contemporanee” – opera di Alterazioni Video e Gabriele Basilico – è il libro che raccoglie gli esiti della prima ‒ e unica ‒ indagine a livello nazionale su edifici e infrastrutture incompiuti. Il progetto editoriale, curato da Humboldt Books, è legato anche all’esperienza espositiva presentata in occasione di Manifesta 12.

Alterazioni Video & Fosbury Architecture (a cura di) – Incompiuto: La nascita di uno Stile
Humboldt Books, Milano 2018
Pagg. 332, € 30
ISBN 9788899385460
www.humboldtbooks.com

14. INSIDE NORTH KOREA

Oliver Wainwright & Julius Wiedemann – Inside North Korea (Taschen, Colonia 2018)

Quando si dice “I casi della vita”! Proprio nell’anno in cui i leader degli Stati Uniti e della Corea del Nord sono passati dal promettersi la guerra, tra un tweet e un proclama, al sottoscrivere uno storico accordo a Singapore, il critico di design e architettura del Guardian Oliver Wainwright è riuscito a sanare una curiosità più diffusa di quanto si possa immaginare. Esito di un reportage fotografico nel Paese asiatico “guidato” da Kim Jong-un, il volume svela infatti la bizzarria dell’architettura nordcoreana, documentando decine di interni della capitale Pyongyang attraverso 300 fotografie e acute didascalie. Per chi ama l’Asia, ma anche per chi ha un debole per “l’immaginario visivo” di Wes Anderson.

Oliver Wainwright & Julius Wiedemann – Inside North Korea
Taschen, Colonia 2018
Pagg. 240, € 40
ISBN 9783836572217
www.taschen.com

15. CARLO MOLLINO. L’ARTE DI COSTRUIRE IN MONTAGNA

Laura Milan & Sergio Pace Carlo Mollino (Electa, Milano 2018 )

Fresco di stampa, il saggio curato da Laura Milan e Sergio Pace ricostruisce un capitolo singolare della carriera architettonica di Carlo Mollino, immediatamente precedente la costruzione di opere come il Palazzo degli Affari per la Camera di Commercio e il nuovo Teatro Regio di Torino. Nel 1962 il poliedrico progettista ottenne da Felice Garelli, geometra e costruttore, un doppio incarico: progettare lo smontaggio di una vecchia baita sita a Champoluc, il suo trasferimento in un nuovo terreno e la successiva trasformazione dell’immobile in casa di villeggiatura. Le fotografie di Marcello Mariana, i disegni e le illustrazioni a colori e i documenti raccolti dagli autori ricostruiscono la vicenda, mettendo in evidenza il ruolo di Mollino nel ridefinire “i confini tra edilizia vernacolare e architettura moderna”.

Laura Milan & Sergio Pace ‒ Carlo Mollino. L’arte di costruire in montagna. Casa Garelli, Champoluc
Electa, Milano 2018
Pagg. 96, € 29
ISBN 9788891819161
http://www.electa.it/

16. DIVINA SEZIONE

Divina Sezione. L’architettura italiana per la Divina Commedia (Skira, Milano 2018)

È confluita in una pubblicazione l’esperienza della mostra di disegni di architettura Divina Sezione. L’architettura italiana per la Divina Commedia; curata da Luca Molinari e Chiara Ingrosso, ha debuttato nel marzo scorso alla Reggia di Caserta. La natura collettiva dell’operazione, alla quale hanno preso parte settanta voci della scena architettonica nazionale, incoraggiate a misurarsi con il capolavoro dantesco, si riflette anche nel volume, che oltre ai disegni include saggi critici e di architettura.

Divina Sezione. L’architettura italiana per la Divina Commedia
Skira, Milano 2018
Pagg. 184, € 26
ISBN 885723847
www.skira.net

Marta Atzeni, Alessandro Benetti, Giulia Mura, Valentina Silvestrini

Dati correlati
Autori Studio Labics, Renzo Piano, Frank Gehry, Alterazioni Video, Gabriele Basilico, Carlo Mollino
CuratoriBruno Zevi, Alejandro Aravena, Rem Koolhaas
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Dal 2016 coordina la sezione architettura di Artribune, piattaforma per la quale scrive da giugno 2012, occupandosi anche della scena culturale fiorentina. Ha studiato architettura all’Università La Sapienza di Roma, città in cui ha conseguito l'abilitazione professionale. Ha intrapreso il percorso professionale in parallelo con gli studi, occupandosi di allestimenti museali, fieristici ed eventi presso studi di architettura e all’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero fino al 2011. Successivamente ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia" della Scuola Normale Superiore di Pisa e ha curato gli eventi e la comunicazione della FUA - Fondazione Umbra per l’Architettura, a Perugia. I suoi articoli sono stati pubblicati anche su Abitare, abitare.it, domusweb.it, Living, Klat, Icon Design, Grazia Casa, Cosebelle Magazine e Sky Arte. Oltre all'architettura, ama i viaggi e ha una predilezione per l'Asia e il Medio Oriente.