Picto per la Bowery Mission: una mostra di raccolta fondi per i senzatetto di New York

Filantropia: 100 fotografi per la Bowery Mission. Una mostra virtuale a New York online fino al 25 maggio

"La Conversazione", Brooklyn 8 aprile 2020 https://www.pictocollection.com/prints/francesca-magnani

La Bowery Mission offre spesso una visione spiazzante a percorre il Lower East Side fino ad arrivare al New Museum: ai visitatori del museo in attesa di entrare si mescolano a volte drappelli di senzatetto che aspettano anche loro qualcosa, probabilmente un pasto. Bowery nel secolo scorso era decisamente la skid row di New York – una zona povera, rifugio di molte persone senza fissa dimora – e la Bowery Mission operava già allora. Dal 1870 infatti questa istituzione offre cibo e giaciglio a chi ne ha bisogno e adesso, in pieno lockdown da coronavirus, e per giunta nella settimana in cui la metropolitana per la prima volta nella storia della Grande Mela ha chiuso, il bisogno di un posto sicuro dove passare la notte si sente ancora di più. Fino al 25 maggio Picto, laboratorio fotografico nato nel 2015 a New York dalla costola di quello fondato nel 1950 a Parigi da Pierre Gassman, offre per 150 dollari l’opportunità di aiutare Bowery Mission ricevendo in cambio una stampa prodotta utilizzando immagini donate da un centinaio di fotografi perlopiù di base a New York, o legati comunque alla città tra cui Antoine d’Agata, Gilles Peress, Thomas Dworzak, Pascal Perich, Bayete Ross-Smith, Sam Youkilis: l’intero elenco è disponibile qui. La raccolta fondi è cominciata a fine aprile e ha permesso ad oggi di donare 25mila dollari. Chi non acquista una foto può comunque esplorare la sequenza delle stampe che è come una mostra fotografica collettiva virtuale, una finestra ideale in questi giorni in cui si viaggia solo con l’immaginazione.

Francesca Magnani

Picto loves the Bowery Mission
Online fino al 25 maggio 2020
www.pictocollection.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesca Magnani
Francesca Magnani scrive e fotografa a New York dal 1997. Ha una formazione accademica in Classics e Antropologia alle università di Bologna, Padova, NYU; racconta con immagini e parole gli aspetti della vita delle persone che la toccano e raggiungono, al contempo raccontando la sua stessa vita.