Pandemic. La mostra milanese che guarda al presente

Tra meme in tassidermia, sequenze infinite di colori randomici, videocamere troppo obbedienti e puzzle, la collettiva allestita alla galleria Zero di Milano è una riflessione eterogenea sul tempo presente.

Curata da Paolo Zani, Pandemic è una mostra che parla del presente senza una direzione o una volontà specifica, ma più come una pluralità di voci, attraverso il coinvolgimento di artisti molto differenti per stile e generazione. I temi trattati si muovono fluidi tra macchie di petrolio su specchi d’acqua in movimento, cablature di potere delle videocamere di videosorveglianza, glitch bizzarri della cultura dei meme, temporalità dei media tra puzzle e pittura, e altro ancora. La collettiva unisce i lavori di Neïl Beloufa, Guillaume Bijl, Enzo Cucchi, Irene Fenara, John Gerrard, Eva & Franco Mattes, Emilio Prini, Michael Rey, Hans Schabus e Ylva Snöfrid.
Situata nell’area di Porto di Mare, in particolare in una zona adiacente a un hotel abbandonato, la sede post-industriale di Galleria Zero… riproduce quella vertigine di spaesamento anche al suo interno. Il display, infatti – come già accaduto in passato ‒, non pone alcuna didascalia accanto alle opere, lasciando al pubblico la possibilità di creare collegamenti e riconoscere gli autori dal comunicato stampa, in uno spazio architettonico che non delinea alcun percorso di visita precostituito.

Christian Nirvana Damato

Eventi d'arte in corso a Milano

Mostre a Milano, vai all'elenco completo di eventi d'arte in corso →
Evento correlato
Nome eventoPandemic (vol. 21)
Vernissage22/06/2021 ore 11
Duratadal 22/06/2021 al 31/07/2021
Generiarte contemporanea, collettiva
Spazio espositivoZERO...
IndirizzoVia Carlo Boncompagni 44 20139 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Christian Nirvana Damato
Christian Nirvana Damato (Foggia, 1994) è un Visual Artist la cui ricerca si focalizza sul rapporto uomo/tecnologia/media. Le implicazioni di questo rapporto si mescolano a livello teorico in maniera interdisciplinare: i suoi interessi spaziano tra neurobiologia, neuroestetica, visual and media studies, filosofia, culture digitali e nuove tecnologie. Attualmente studia al corso specialistico di Arti Visive e Studi Curatoriali alla Naba di Milano.