È morto Emilio Prini, artista protagonista dell’Arte Povera. Ecco come lo ricordano galleristi e amici

Schivo tanto da alimentare fattispecie critiche affatto nuove, da decenni viveva appartato dal mondo dell’arte contemporanea

Pio Monti
Pio Monti "osserva" Emilio Prini

Un artista senza confini, che sapeva esorcizzare sia il tempo sia l’immagine e aveva un grande rispetto dell’arte”. Così il gallerista Franco Toselli ricorda Emilio Prini, conosciuto nella Milano di fine Anni Sessanta, e da allora sempre in rapporti strettissimi con lui e la moglie Grazia. Perchè ne parliamo oggi? Perchè Prini è morto ieri 1 settembre, all’età di 73 anni: nel silenzio, quel silenzio nel quale aveva scelto di vivere da diversi decenni, interrotto solo da fugaci apparizioni sulla scena dell’arte contemporanea, per qualche importante mostra o celebrazione. Non sarà questa la sede nella quale staremo a ripercorrere la vita di un personaggio diverso dal clichè dell’artista affermato, pur possedendone tutti i crismi, ora preferiamo affidarne il ricordo ad amici – galleristi, critici – che hanno apprezzato l’uomo, prima che l’artista.

UNA COPERTINA A GRANDEZZA D’UOMO
Solo qualche nota per inquadrare il protagonista dell’Arte Povera fin dai suoi inizi, artista fra i più enigmatici, non solo in Italia, schivo tanto da alimentare fattispecie critiche affatto nuove. Qual è l’eredità di Prini all’arte di oggi? “La cosa più importante è quella che non ha fatto”, prosegue ad esempio Toselli: “nel senso che non si assumeva mai la responsabilità soggettiva del proprio lavoro”. Non mancò certo occasioni cruciali, come la prima mostra di esordio dell’Arte Povera alla galleria genivese La Bertesca, o la mitica When attitudes become form, curata a Harald Szeemann nel 1969 a Berna. Una produzione artistica comunque scarsissima quantitativamente, che però negli anni chiave tra il 1967 e il 1971 lo mise in luce sul piano internazionale, presente in molti appuntamenti importanti: e che incarnava il lato più spiccatamente concettuale del gruppo creato da Germano Celant. Più recenti una personale all’Ancienne Douane di Strasburgo nel 1995, la presenza a Documenta X a Kassel nel 1997, la grande mostra Arte Povera alla Tate Gallery di Londra nel 2001. Personaggio dunque sempre appartato? Forse sì, ma non del tutto alieno ai vezzi dell’artista: come quando – sulla rivista Segno – “voleva una copertina a grandezza d’uomo con la sua immagine!”, come ci raccontava nella recente intervista la direttrice Lucia Spadano.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • Whitehouse Blog

    In Italia vivono tutti appartati dal mondo dell’arte contemporanea…

    • http://www.lucianogerini.it lgg

      Bravo! Ancora una volta sei riuscito a fare quel che ti riesce meglio : perderti un’ottima occasione per tacere !!

      • Giovanni Lauricella

        Povero

      • Stefano

        come sempre non si conoscono le cose ma le si vuole criticare

  • http://www.pinoboresta.com Pino Boresta

    Ho conosciuto Emilio e ogni volta che lo incontravo il discutere con lui mi forniva spunti di riflessione illuminanti e singolari che elaboravo sempre in un secondo tempo, e che ho verificato essermi stati utili per approcciarmi nella giusta maniera nei confronti dell’arte contemporanea, ma allo stesso tempo, potrebbero anche essere stati la mia rovina, un giorno riuscirò a capire anche questo, forse. Ricordo bene uno di questi che descrissi in uno dei miei pizzini su Juliet che trovate qui: http://pinoboresta.blogspot.it/2008/02/lincontro.html

  • Pingback: Vitone e Prini. Storia di un incontro fallito | Artribune()

  • giuliano perezzani

    (un po’ in ritardo)

    Il “magutt” del contemporaneo Rossi Luca dice la sua di consueto alto valore: come quello del due di coppe quando va a spade.