Plasticità della pittura. La mostra di Stanislao Di Giugno a Napoli

Stanislao Di Giugno è in mostra alla galleria Tiziana Di Caro con una serie di opere che toccano il limite estremo della pittura.

Intesa come evasione dalla realtà, come rifinitura tra pianelle, come contrappuntismo polifonico d’ambito musicale e anche come sottilissima lingua di colore che appare tra due accostamenti cromatici, la fuga è, nell’ultima personale presentata da Stanislao Di Giugno (Roma, 1969) alla galleria Tiziana Di Caro, un luogo fisico e metaforico mediante il quale riflettere sul limite estremo della pittura.
Con 31 fughe e alcuni dettagli Di Giugno ci riporta nel mondo magico dell’astrazione (sotto alcuni aspetti questo suo recente e sofisticato lavoro fa pensare ai cremosi concretismi di Sophie Taeuber-Arp), tra le parole di Wilhelm Worringer, del Worringer di Astrazione e empatia più esattamente: “Mentre l’impulso di empatia è condizionato da un felice rapporto di panteistica fiducia tra l’uomo e i fenomeni del mondo esterno, l’impulso all’astrazione è conseguenza di una grande inquietudine interiore provata dall’uomo di fronte ad essi […]”.

LA MOSTRA DI STANISLAO DI GIUGNO

Accanto a una serie di splendide tele 150×100 cm, in mostra sfilano anche dei lavori di piccolo formato (sono tutti 40×30 cm) che indicano, nell’economia fisiologica dell’artista (va detto che Di Giugno ha realizzato 27 tele in questo formato durante uno dei lockdown), una sorta di taccuino su cui esercitare quotidiane pressioni temporali. Giustapposizione cromatica, straordinaria plasticità della pittura e rigoroso spostamento linguistico dal reale a un perimetro visivo astrattiforme, dove è possibile assaporare tutta una serie di velature e di stratificazioni, sono, di questo nuovo racconto formulato da Stanislao Di Giugno, alcune linee guida che tracciano e cancellano una fila di segni eleganti, elegantissimi.

Stanislao Di Giugno, Fuga n. 5, 2020 21, acrylic on canvas, cm 40x30. Courtesy l'artista & Galleria Tiziana Di Caro. Photo Danilo Donzelli
Stanislao Di Giugno, Fuga n. 5, 2020 21, acrylic on canvas, cm 40×30. Courtesy l’artista & Galleria Tiziana Di Caro. Photo Danilo Donzelli

LE OPERE DI STANISLAO DI GIUGNO

In questo memorabile apparecchio espositivo, ci sono inoltre, di tanto in tanto, dei lavori che l’artista chiama “dettagli”: si tratta di profilati in ferro zincato le cui estremità sono tagliate a quarantacinque gradi (un primo lavoro di questa serie è stato realizzato da Di Giugno in occasione del progetto Insieme, curato da Gianni Politi a Roma, sulle Mura Aureliane), quasi a indicare il lato di una cornice esplosa nello spazio e lavorato con un acrilico laccato, a tratti levigato per far trasparire il respiro morbido della pittura. La mostra è accompagnata dal testo critico di Davide Ferri.

Antonello Tolve

Eventi d'arte in corso a Napoli

Mostre a Napoli, vai all'elenco completo di eventi d'arte in corso →
Evento correlato
Nome eventoStanislao Di Giugno - Trentuno fughe e alcuni dettagli
Vernissage29/04/2021 ore 15-19
Duratadal 29/04/2021 al 12/06/2021
AutoreStanislao Di Giugno
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA TIZIANA DI CARO
IndirizzoPiazzetta Nilo, 7 80134 - Napoli - Campania
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Antonello Tolve
Antonello Tolve (Melfi, 1977) è titolare di Pedagogia e Didattica dell’Arte all’Accademia Albertina di Torino. Ph.D in Metodi e metodologie della ricerca archeologica e storico artistica (Università di Salerno), è stato visiting professor in diverse università come la Mimar Sinan Güzel Sanatlar Üniversitesi, la Beǐjin̄g Yuy̌ań Daxué, l’Universitatea de Arta si Design de Cluj-Napoca e la Universidad Central de Venezuela. Critico d’arte e curatore, è stato commissario in diverse giurie internazionali. Tra i suoi libri si ricordano “Gillo Dorfles. Arte e critica d’arte nel secondo Novecento” (La Città del Sole, 2011), “ABOrigine. L’arte della critica d’arte” (PostmediaBooks, 2012), “Ubiquità. Arte e critica d’arte nell’epoca del policentrismo planetario” (Quodlibet, 2013), “La linea socratica dell’arte contemporanea. Antropologia Pedagogia Creatività” (Quodlibet, 2016), “Istruzione e catastrofe. pedagogia e didattica dell’arte nell’epoca dell’analfabetismo strumentale” (Kappabit, 2019), “Me, myself and I. Arte e vetrinizzazione sociale ovvero il mondo magico del selfie” (Castelvecchi, 2019), “Atmosfera. Atteggiamenti climatici nell’arte d’oggi” (Mimesis, 2019). Ha curato con Stefania Zuliani il volume di Filiberto Menna, “Cronache dagli anni settanta. Arte e critica d'arte 1970-1980” (Quodlibet, 2017) e, con S. Brunetti, “Il sistema degli artisti. Collezione, conservazione, cura e didattica nella pratica artistica contemporanea” (Mimesis, 2019). Dal 2018 e Direttore della sede romana della Fondazione Filiberto e Bianca Menna e dal 2014 è curatore della Gaba.Mc – Galleria dell’Accademia di Belle Arti di Macerata.