Nasce Masciarelli Art Project. Una residenza d’artista per i 40 anni della cantina abruzzese

La storica e rivoluzionaria cantina abruzzese Masciarelli lancia per la prima volta un art project per realizzare etichette d’artista e un’installazione, frutto di una residenza nel Castello di Semivicoli. Si parte con Job Smeets di Studio Job

Masciarelli Art Project Castello di Semivicoli ©Antinori
Masciarelli Art Project Castello di Semivicoli ©Antinori

Del connubio arte e vino vi abbiamo parlato numerose volte, tra progetti artistici organizzati da Ceretto, Antinori, Ornellaia, Ruinart (in Francia), ma anche premi e festival. Questa volta è la storica e rivoluzionaria cantina abruzzese Masciarelli a lanciarsi nel mondo dell’arte contemporanea, in occasione delle celebrazioni per i suoi 40 anni, con Masciarelli Art Project: un progetto a lungo termine a cadenza annuale, caratterizzato da una residenza d’artista nel suo relais de charme tra i vigneti per la realizzazione di etichette in limited edition e di un’installazione site specific.

LA STORIA DELLA CANTINA MASCIARELLI

Masciarelli Tenute Agricole, infatti, nasce nel 1981 a San Martino sulla Marrucina, piccolo paese collinare a sud di Chieti, dall’intuito imprenditoriale di Gianni Masciarelli, figura simbolo del panorama enologico italiano e protagonista dell’affermazione della vitivinicultura abruzzese moderna. Affermatasi e riconosciuta come una delle realtà di maggiore spicco e prestigio nel panorama italiano, la cantina, che dal 2008 è guidata dalla moglie di Gianni, Marina Cvetic, e dalla figlia Miriam Lee Masciarelli, è costantemente impegnata nel preservare quella visione audace e rivoluzionaria, che negli anni l’ha resa interprete nel mondo dell’eccellenza dei vini abruzzesi. “Gianni, mio padre, ripeteva sempre che la passione senza conoscenza è incompleta, per questo non si deve mai smettere di alimentare la propria curiosità”, racconta Miriam Lee Masciarelli. “È nella natura della nostra famiglia, della nostra azienda, cercare di tenere sempre viva quella tensione verso l’esplorazione del nuovo, rimanendo al contempo saldamente legati alla nostra identità e alle nostre radici. È questa la più preziosa eredità di mio padre e Masciarelli Art Project rappresenta un ulteriore tassello all’interno dell’impegno che con mia madre portiamo avanti in questa direzione”.

Masciarelli Art Project Castello di Semivicoli ©Antinori
Masciarelli Art Project Castello di Semivicoli ©Antinori

MASCIARELLI ART PROJECT

Ispirata dal seicentesco baronale Castello di Semivicoli, struttura ricettiva attiva da 10 anni situata sulle colline abruzzesi a pochi chilometri dal Parco Nazionale della Majella, “non lo chiamo hotel ma una casa d’arte perché invitiamo sempre i nostri amici artisti, designer, scrittori, registi”, Miriam Lee Masciarelli ha deciso di ambientare proprio qui il periodo di residenza di artisti internazionali: saranno invitati di anno in anno a immergersi nella storia di famiglia e in questo territorio abruzzese ricco di suggestioni per realizzare le proprie opere da tradurre in etichette d’artista.

Miriam Lee Masciarelli Job Smeets Masciarelli Art Project Work in progress ©Antinori
Miriam Lee Masciarelli Job Smeets Masciarelli Art Project Work in progress ©Antinori

JOB SMEETS DI STUDIO JOB: PRIMO ARTISTA IN RESIDENZA

Il primo artista invitato è il talento belga Job Smeets (Hamont-Ache, 1969), artista ironico e designer concettuale, fondatore di Studio Job, tra le realtà creative più all’avanguardia e riconosciute a livello internazionale. Studio Job è il duo creativo composto da Job Smeets e Nynke Tynage, formatosi sui banchi della Dutch Design Academy di Eindhoven, famoso per il suo approccio onirico e ironico e per aver riportato nel design gli stilemi del neo-gotico rivisitandoli in chiave pop. Il loro lavoro sempre sul crinale tra arte e design ed esposto in oltre 40 musei in tutto il mondo ha elementi di complessità che rendono impossibile attribuirgli un’etichetta univoca. L’interesse per l’artigianato e le arti applicate ha portato Smeets e Tynagel ad approfondire tecniche antiche come la doratura o la fusione in bronzo, ma i due fanno spesso ricorso anche al taglio al laser o alla stampa 3D. Accanto all’umorismo, non mancano i riferimenti all’”opera d’arte totale” di Richard Wagner. La residenza di Job Smeets si è svolta nel mese di aprile e i suoi frutti si vedranno a ottobre 2021, quando sarà inaugurato l’intervento site-specific per gli spazi del castello e l’etichetta della limited edition di uno dei vini più celebri, riconosciuti e apprezzati al mondo di Casa Masciarelli: il Montepulciano d’Abruzzo Riserva Villa Gemma.

Masciarelli Art Project, Castello di Semivicoli ©Antinori
Masciarelli Art Project, Castello di Semivicoli ©Antinori

LA PRIMA EDIZIONE DI MASCIARELLI ART PROJECT

È un onore essere il protagonista della prima edizione di Masciarelli Art Project – afferma Job Smeets – la tradizione e la magnificenza di questa terra e di quest’azienda sono per me di grande ispirazione. Gianni Masciarelli ha fondato la cantina con una visione incredibilmente lungimirante, ad oggi portata avanti con coraggio da due donne straordinarie Marina e Miriam. Immergendomi nell’atmosfera unica e suggestiva del Castello di Semivicoli sono stato travolto da secoli di storia, circondato dalla bellezza della natura e dall’enorme varietà di vigneti. Sono rimasto estremamente affascinato dagli elementi che contribuiscono a salvaguardarli: rose, api, erbe, fiori, simboli di una natura vigorosa che regge i delicati equilibri della produzione vitivinicola”.

– Claudia Giraud

www.masciarelli.it
www.castellodisemivicoli.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).