Sky Arte Festival: tempo di bilanci della manifestazione alla prima edizione a Napoli

A poche ore dalla conclusione del primo festival napoletano promosso da Sky Arte, andato in scena dal 5 al 7 maggio, una panoramica sugli eventi che hanno animato le tre giornate della kermesse e qualche considerazione.

All’insegna del claim “Pura Rigenerazione Culturale”, lo Sky Arte Festival ha portato a Napoli una sferzata di creatività, invitando volti noti della musica, dell’arte contemporanea e della critica a innescare un dialogo collettivo sui temi del presente. Da Villa Pignatelli al Rione Sanità, dal Lungomare Caracciolo alle sedi museali cittadine, la rassegna ha offerto varie chiavi interpretative dell’epoca odierna. Se il documentario su Fabio Mauri ha reso omaggio alla memoria di un simbolo del Novecento, i talk dedicati al tema delle donne nell’arte e all’identità dell’artista hanno riportato lo sguardo sull’oggi. I progetti ad alto contenuto partecipativo di Roxy In The Box e JR evidenziano l’urgenza di una collaborazione sempre più stretta fra artisti e pubblico, come dimostrato dal successo della Notte Bianca della Sanità e del concerto di Vinicio Capossela. Un tema, quello della partecipazione, su cui il festival, in futuro, dovrà investire ancora di più.

Arianna Testino

Evento correlato
Nome eventoSky Arte Festival
Vernissage05/05/2017
Duratadal 05/05/2017 al 07/05/2017
Generefestival
Spazio espositivoVILLA PIGNATELLI
IndirizzoRiviera Di Chiaia 200 - Napoli - Campania
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Arianna Testino
Nata a Genova nel 1983, Arianna Testino si è formata tra Bologna e Venezia, laureandosi al DAMS in Storia dell’arte medievale-moderna e specializzandosi allo IUAV in Progettazione e produzione delle arti visive. Dal 2015 lavora nella redazione di Artribune. Attualmente dirige l’inserto cartaceo Grandi Mostre ed è content manager per il sito di Sky Arte, curato da Artribune. Nel 2012 ha pubblicato il saggio "Michelangelo Pistoletto. L'unione di vita, parole e opera" e nel 2016 "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (con Marco Enrico Giacomelli).