Steve McCurry a Venezia. Una mostra a libro aperto

Arsenale Nord, Venezia – fino all’8 novembre 2015. Il celeberrimo fotoreporter statunitense traghetta in Laguna uno dei suoi progetti più longevi: quello dedicato ai volti e ai paesaggi che scrivono la storia del caffè. Coadiuvato da Lavazza, ora partner dei Musei Civici veneziani, e dal vulcanico Fabio Novembre, Steve McCurry trasforma le Tese dell’Arsenale in uno spazio espositivo mozzafiato.

Print pagePDF pageEmail page

Steve McCurry, Farmers spread coffee beans to dry, Lambari, Brazil, 2010

Steve McCurry, Farmers spread coffee beans to dry, Lambari, Brazil, 2010

CAFFÈ TRAIT D’UNION
Dopo Milano, tocca a Venezia accogliere From These Hands: A Journey Along The Coffee Trail, l’emozionante viaggio espositivo, e fisico, che vede protagonisti Steve McCurry (Philadelphia, 1950) e la sua passione decennale per una storia antica, legata a una materia prima dal grande valore umano, economico, geografico.
Il caffè è al centro di una rassegna densa, composta di 62 scatti che uniscono idealmente volti e territori agli antipodi del mondo. Brasile, Colombia, Etiopia, India, Tanzania, Vietnam e Yemen sono solo alcuni dei Paesi visitati da McCurry, con l’intento di ritrarre un genere alimentare prezioso, non confinabile nei limiti del prodotto finito.

UN NETWORK DI SOCIETÀ
Intrapreso nel 2002, il progetto ¡Tierra! ha ricevuto fin dall’inizio il sostegno di un leader italiano del settore, la storica azienda torinese Lavazza, ora partner dei Musei Civici veneziani, e di Vela Spa, la società del Comune di Venezia responsabile dello sviluppo commerciale della mobilità e del marketing cittadino.
Questa rassegna, infatti, sancisce l’inizio di una collaborazione a tre voci, i Musei Civici e Vela – i due colossi pubblici del panorama lagunare – e un interlocutore privato di respiro internazionale come Lavazza, impegnata in un accordo triennale con le due istituzioni locali. L’entrata in scena di Vela, con l’attuale forma societaria, nel panorama culturale veneziano ha reso possibile anche il recupero di un complesso architettonico straordinario come quello delle Tese dell’Arsenale Nord, una delle quali fa da sfondo alla mostra di McCurry.
Ex cuore pulsante dell’industria navale, questo spazio si impone allo sguardo con tutto il vigore della sua identità, prestandosi però in maniera impeccabile ad accogliere gli scatti del fotografo statunitense. L’intelligente allestimento progettato dall’architetto e designer Fabio Novembre completa l’opera, aggiungendo un altro gradiente d’impatto alla forza racchiusa negli scatti di McCurry.

Steve McCurry, From These Hands A journey Along the Coffee Trail, Arsenale Nord, Tesa 113, Venezia

Steve McCurry, From These Hands A journey Along the Coffee Trail, Arsenale Nord, Tesa 113, Venezia

UN LIBRO CHE DIVENTA UNA MOSTRA
Le fotografie, presentate in ampio formato, punteggiano una labirintica installazione che pervade lo spazio della Tesa, esaltandone la struttura. L’intero impianto allestitivo prende le mosse dall’impeccabile libro-catalogo edito da Phaidon come parte integrante del progetto ¡Tierra!, trasfigurandone le forme in originali supporti espositivi.
Retroilluminati e vividi, gli scatti di McCurry campeggiano sulle pagine degli innumerevoli volumi aperti, sparsi – in ordine solo apparentemente caotico – lungo tutta l’area della Tesa. Sapienti accorgimenti luminosi accarezzano le copertine dei cataloghi, stabilendo un contraltare visivo soffuso rispetto all’energia cromatica del contenuto.
Anche le enormi finestre dell’ex edificio industriale fanno da supporto alle immagini create da McCurry, in un compassato effetto all-over che regala un punto di vista inedito sull’ormai nota produzione dell’artista americano.

Arianna Testino

Venezia // fino all’8 novembre 2015
Steve McCurry – From These Hands: A Journey Along The Coffee Trail
Catalogo Phaidon
ARSENALE NORD – TESA 113
www.velaspa.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/48024/steve-mccurry-from-these-hands-a-journey-along-the-coffee-trail/

 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community