Come sarà il 2019 dei Musei italiani? Intervista a Giorgio de Finis direttore di Macro Asilo

Continua la nostra indagine sul 2019 dei grandi musei italiani. Tirando le fila dell’anno appena conclusosi e con qualche accenno a che cosa accadrà in futuro. Dopo le interviste a Lorenzo Balbi e ad Andrea Bruciati, tocca a Giorgio de Finis, direttore del Macro Asilo di Roma.

Giorgio De Finis
Giorgio De Finis

Come sarà la programmazione dell’anno 2019?

A palinsesto giornaliero, come da progetto. Con una media di 200 eventi mensili: atelier, lectio magistralis, autoritratti, incontri, performance, rassegne video, forum…

Ci sarà spazio per la giovane arte italiana? Se sì, in che modo?

C’è spazio per i giovani come per i senior. A ciascun artista (e chiunque si definisca tale per autolegittimazione e con un’identità solida) offriamo almeno la possibilità di raccontarsi in una lezione autoritratto.

Su quali risorse contate?

Su quelle stanziate dall’Amministrazione (400mila euro l’anno) e sul contributo volontario di tutti. Ciascuno è invitato a portare qualcosa in “dono” per costruire insieme questo spazio comune.

Un bilancio dell’anno che si è appena concluso?

Buono. Ma le somme le tireremo al termine dei 15 mesi.

Dalla tua nomina sei riuscito a realizzare tutto ciò che ti eri prefisso? C’è qualcosa invece che vorresti riuscire a realizzare nell’anno che si sta aprendo?

Il mio è un progetto corale che consiste nella costruzione di uno spazio nuovo dove l’arte e la società possono incontrarsi e supportarsi. Non si tratta di questo o quello, ma di tutto o niente.

I più grandi pregi del tuo museo e i più grandi difetti.

Ogni scarrafone è bello a mamma sua.

Santa Nastro

Dati correlati
CuratoreGiorgio de Finis
Spazio espositivoMACRO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA
IndirizzoVia Nizza, 138 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.

LEAVE A REPLY