“Art/Work” di Heather Darcy Bhandari e Jonathan Melber è un libro che può aiutare a capire come funziona il mondo dell’arte. Ne abbiamo parlato con l’autrice

Heather Darcy Bhandari è una curatrice, consulente e autrice che vive e lavora a New York. Nel 2009, insieme all’avvocato d’arte Jonathan Melber, ha scritto un libro intitolato ART/WORK: Everything You Need to Know (and Do) As You Pursue Your Art Career.
La seconda edizione del libro, intitolata Art/Work ‒ Revised & Updated: Everything You Need to Know (and Do) As You Pursue Your Art Career, è stata pubblicata nel 2017.
Il libro insegna ciò che molte scuole d’arte non insegnano agli studenti, cioè come avere successo come artista professionista. Offre suggerimenti e linee guida su diverse sfide nel mondo dell’arte: dall’affrontare questioni legali, tasse, contratti, fatture e copyright alla preparazione di curriculum, lettere di presentazione, dichiarazioni degli artisti per la richiesta di borse di studio, prestiti, residenze per artisti e persino guide illustrate sull’imballaggio delle opere d’arte e sulla spedizione. Oltre a fornire informazioni sul sistema tradizionale delle gallerie, la nuova versione del libro affronta nuove sfide come il marketing digitale e mercati d’arte alternativi al di là delle gallerie commercialiArt/Work è un’ottima risorsa per chiunque nel campo creativo voglia avvicinarsi al mondo del business artistico.

INTERVISTA A HEATHER BHANDARI

Cosa ha spinto te e Jonathan a decidere di scrivere questo libro?
Jonathan e io eravamo amici dalla prima settimana di college e avevamo parlato in modo molto informale di ciò che vedevamo nel mondo dell’arte, mentre entrambi cercavamo di orientarci nelle nostre prime carriere. Lui vedeva le cose da un punto di vista legale e io attraverso i miei lavori quotidiani in galleria. Poiché avevo conseguito una laurea magistrale in pittura e aspiravo a fare arte per vivere, sono stata in grado di riconoscere pienamente quali informazioni erano disponibili per gli artisti e quali invece erano innocentemente, o intenzionalmente, nascoste. Jonathan ha visto cosa è successo quando le cose sono andate storte e ha scoperto che la maggior parte delle volte si verificavano conflitti perché gli artisti non erano adeguatamente informati e non capivano di avere il potere di chiedere maggiori informazioni e/o compensi. Entrambi crediamo fermamente nella trasparenza radicale.

Nel 2017 è stata pubblicata una nuova versione. Perché hai deciso di modificare e rivedere il libro? C’è qualcosa che vorresti aggiungere oggi?
Ho iniziato a insegnare attraverso il libro nel 2011 e mi sono resa conto, nel tempo, che c’erano dei buchi che dovevano essere colmati man mano che i social media e la presenza online diventavano sempre più importanti. Abbiamo pensato che sarebbe stato utile riconoscere alcuni dei cambiamenti che stanno accadendo e rivelare alcuni dei nostri pensieri rispetto a essi. Un cambiamento apparentemente minore ma potente, ad esempio, è stato quello di smettere di riferirsi agli spazi espositivi come gallerie. Sebbene le “gallerie” includano spazi espositivi con e senza scopo di lucro, abbiamo scoperto che i lettori presumevano che stessimo parlando solo di gallerie commerciali. Per noi era importante che i lettori capissero che gli spazi commerciali erano solo una piccola porzione di dove si lavorare. L’abbiamo sostituita con la parola “sedi”. In questo momento c’è molto che voglio aggiungere sul potere e il valore degli artisti come persone nella cultura e nella società. Voglio che gli artisti valutino se stessi e il loro lavoro in termini culturali, accademici, sociali e monetari. Dal momento che è difficile aggiungere tutto ciò all’attuale formato del libro, ho cofondato artworldlearning.com per muovermi più rapidamente online.

Heather Darcy Bhandari & Jonathan Melber Art Work. Everything You Need to Know (and Do) As You Pursue Your Art Career (2009 e 2017)
Heather Darcy Bhandari & Jonathan Melber Art Work. Everything You Need to Know (and Do) As You Pursue Your Art Career (2009 e 2017)

LA PANDEMIA E LE NUOVE SFIDE PER GLI ARTISTI

Negli ultimi due anni la pandemia ha cambiato radicalmente il mondo. Quanto sono impegnativi i cambiamenti per artisti, curatori e studenti d’arte? Come pensi che possano superare le nuove sfide e utilizzarle positivamente?
Passare così tanto delle nostre giornate online non è divertente per molti di noi. La buona notizia, tuttavia, è che ci sono molte più opportunità di interagire con le persone, far crescere un pubblico, promuovere ed esporre il lavoro. Quando è iniziata la pandemia, sapevo che Instagram e i siti web erano parte integrante di un certo tipo di successo in un mondo artistico più tradizionale. Ora posso nominare una dozzina di piattaforme in cui gli artisti possono trovare la loro comunità, da Facebook a Discord. Tutte queste opzioni possono essere paralizzanti, ma penso che ognuno dovrebbe trovare conforto nel fatto che tutti gli altri sono sulla stessa barca e MOLTE persone cercano speranza, bellezza, attivismo, connessione e cambiamento online. Quello che offri è apprezzato.
Incoraggio tutti a trarre vantaggio da questi sviluppi e cercare di imparare, insegnare, e costruire legami senza paura. Visita online una mostra museale in un altro Paese, incontra persone in una discussione accademica in una città che hai solo sognato di visitare. Partecipa a una discussione su Instagram Live con un artista che stimi e a cui non avresti mai avuto accesso altrimenti. Chiedi a un curatore che non si sarebbe mai recato nel tuo studio una visita online. Detto questo, spero che tutti abbiamo imparato ad apprezzare le connessioni personali, quando possibile.

C’è un limite di tempo perché un artista possa avere successo nel mondo dell’arte?
Quasi ogni giorno leggo di un artista che sta finalmente ottenendo riconoscimenti a 70, 80 o 90 anni. Se sei una donna o BIPOC, raggiungere quel livello di successo è stato finora quasi impossibile a causa di un sistema ingiusto, sessista, razzista e coloniale. Quindi non è mai troppo tardi se continui a lavorare e a concentrarti sulla tua motivazione interiore. A causa di queste strutture sistematicamente ingiuste, ho visto personalmente sempre meno persone aspirare a quegli stessi obiettivi. Con i blocchi del 2020, 2021 e ora 2022, le comunità locali sono diventate il centro della sopravvivenza e della gioia. E le istituzioni stanno iniziando a rendersi conto di cosa hanno escluso. Non credo che il cambiamento sarà rapido, ma penso che altre definizioni di successo e un gruppo più diversificato di artisti saranno valutati in modo differente in futuro.

“Molte persone cercano speranza, bellezza, attivismo, connessione e cambiamento online. Quello che offri è apprezzato”

Hai qualche consiglio per le persone del settore creativo che vogliono entrare nel mondo dell’arte?
Il mio consiglio è di vagliare tutte le opzioni e capire come si vuole entrare nel mondo dell’arte. Penso sia anche importante considerare che ci sono molti mondi dell’arte! Mentre la sovrapposizione interdisciplinare è sempre più comune, la moda, l’arte visiva, il design, la produzione, l’intelligenza artificiale e la realtà virtuale, le performance, ecc. hanno molti punti di ingresso diversi, così come le comunità artistiche locali e le comunità internazionali che possono esistere IRL e online. Dove vuoi essere il prossimo anno? E tra 5 o 10? Le risposte a queste domande ti aiuteranno a escogitare un piano. Raggiungere le persone che rispetti nel campo che più ti interessa è il mio consiglio più grande. Prendi un caffè, fai una conversazione telefonica o uno scambio di e-mail chiedendo informazioni sulla loro traiettoria professionale e su come vedono il futuro. Cerca i curriculum degli artisti in cui ti identifichi di più. Leggi e consuma quanto più puoi nella nicchia in cui vuoi essere. Quindi sii senza paura nel tuo raggio d’azione.

Il libro è pieno di citazioni interessanti dei professionisti dell’arte che tu e Jonathan avete intervistato, qual è la tua preferita?
Quando guardi la storia dell’arte, vedi una storia di anticonformisti: persone che fanno la cosa sbagliata. Vorrei vedere più artisti fare la cosa sbagliata. Questo è davvero più nello spirito dell’arte che amo“(Fred Tomaselli). Per molti anni ho cercato di sintetizzare i migliori consigli che riesco a trovare e di renderli accessibili. Tuttavia, voglio che gli artisti ricordino che nuovi insiemi di regole e aspettative nascono perché gli artisti fanno intenzionalmente qualcosa di imprevisto e chiedono di più. È importante seguire la tua visione.

Sei la co-fondatrice di The Remix e Art World Learning, puoi parlarci brevemente delle loro attività?
The Remix è un collettivo curatoriale e podcast nato con i miei ex colleghi della galleria Mixed Greens, dove ho lavorato per sedici anni. Courtney Strimple e io abbiamo realizzato tre stagioni di podcast (altre in arrivo) che sfruttano la maggiore capacità di lavorare in squadra. Sebbene siamo curatori indipendenti, ci affidiamo l’uno all’altro.
Dopo aver assistito alla devastazione finanziaria causata dalla pandemia, Dexter Wimberly e io abbiamo fondato Art World Learning (AWL), una piattaforma online (che produce anche eventi dal vivo, quando possibile) per portare affari e una educazione finanziaria ai creativi. Chiunque può iscriversi.
La piattaforma consiste in un catalogo in crescita di diciannove corsi che vanno dalle tasse e dalla finanza freelance ai contratti e persino ai requisiti per i visti O-1 ed EB-1. La nostra convinzione fondamentale è che il benessere finanziario sia una questione di giustizia sociale e la chiave per l’equità e l’inclusione nelle arti. Abbiamo creato la piattaforma per: normalizzare una discussione concreta e attuabile su valore, denaro e benessere finanziario nelle arti; rendere nota e sostenibile la vita economica di artisti e operatori artistici; aumentare il potere contrattuale del settore artistico e consentire agli artisti di riconoscere il loro valore in termini sociali, culturali ed economici.

Mohsen Veysi

https://heatherbhandari.com/

Heather Darcy Bhandari e Jonathan Melber – Art/Work ‒ Revised & Updated: Everything You Need to Know (and Do) As You Pursue Your Art Career
Simon & Schuster, New York 2017
Pagg. 400, € 19
ISBN 9781501146169
www.simonandschuster.com/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Mohsen Veysi è un artista e ricercatore iraniano che ha studiato arte e storia dell'arte in Italia e negli Stati Uniti. La sua ricerca si concentra sulla storia del disegno, del disegno e della poesia, dell'arte iraniana, dell'arte globale e la storiografia di Alois Riegl.