Inaugura Manifesta13 a Marsiglia. Le prime immagini

Apre la prima sezione di Manifesta13 a Marsiglia, The Home. È la prima grande mostra ad inaugurare in epoca post Covid. Ecco le immagini

A Model Childhood, 2018  2020 © Ken Okiishi. Photo ©Jeanchristophe Lett Manifesta
A Model Childhood, 2018  2020 © Ken Okiishi. Photo ©Jeanchristophe Lett Manifesta

Apertura in quattro step, a partire dal 28 agosto, come spiegato nella nostra guidona che trovate qui. 47 artisti, 110 sedi, 90 giorni. Visita rigorosamente su prenotazione e contingentata. Manifesta13 inaugura a Marsiglia rinunciando a tutte le celebrazioni, come spiegato in una lettera ai partner progettuali dalla presidente Hedwig Fijen, per garantire la sicurezza di tutti. Nonostante tutto e tutte le difficoltà si parte e Manifesta è il primo grande appuntamento espositivo che l’Europa dell’arte vive da febbraio a questa parte. D’altra parte come spiega il team curatoriale composto da Katerina Chuchalina, Stefan Kalmár, e Alya SebtiMarsiglia è un luogo di transito e di scambio ma anche di resistenza. In questa dimensione si inaugura  Traits d’union.s , tema molto attuale nell’esplorazione di nuovi modi di fare comunità, una mostra divisa in sei sezioni che apriranno progressivamente l’11 settembre, il 25 settembre e il 9 ottobre.Una esposizione dunque nella quale tornare più volte per poter esperirla fino alla fine nella scansione dei momenti e in conclusione nel suo insieme.

Il primo capitolo, del quale vi mostriamo le foto, è dedicato al tema della casa, intitolandosi infatti The Home, presso la Cité radieuse, un iconico edificio progettato da Le Corbusier, e il lussuoso Hôtel dieu intercontinental. LaBiennale itinerante fondata nel 1996 e organizzata nel corso di questi 24 anni di vita nella natia Rotterdam, a Lubiana, a Murcia e Cartagena, in Trentino Alto Adige, a Zurigo, tra gli altri, fino all’ultima importante edizione a Palermo nel 2018 (nel 2022 sarà invece in Kosovo), evolverà, promettono gli organizzatori, nel corso dei tre mesi di apertura. Offrirà inoltre due public programme e un calendario di eventi collaterali. Si parte sabato 29 agosto dalle 11 alle 12 con un webinar organizzato in occasione della pubblicazione del Grand Puzzle, lo studio urbano preliminare di MVRD e The Why Factory commissionato da Manifesta13, del quale vi abbiamo parlato in questo articolo. Nel frattempo, ecco le prime immagini della mostra.

-Santa Nastro

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.