archeologia & arte antica

archeologia & arte antica

Se Giuliano Pisapia ospita Georges de La Tour

Le luminarie e gli addobbi natalizi non si sono ancora accesi in città, ma a rischiarare le feste dei milanesi ci pensano due grandi dipinti del francese Georges de La Tour. Arrivati direttamente dal Louvre grazie al consueto regalo natalizio di Eni. Fino all’otto gennaio a Palazzo Marino.

Intersezioni di Marca

Da Volterra '73 a una tavolozza fiammante. Doppio appuntamento per Mauro Staccioli, diviso tra Museo Marca e Parco Archeologico di Scolacium. Un confronto inusitato tra storia e contemporaneità a lieto fine. È a Catanzaro che si realizza “la quadratura del cerchio”.

L’antico tempio di Baal Shamin a Palmira si sbriciola sotto i colpi della dinamite....

Venti di odio, ignoranza e scelleratezza agitano ancora le sabbie del deserto siriano, tra le antiche colonne di Palmira. Se Khaled Asaad, il capo...
Bernardo Daddi, Assunta dalla Pala dell’Assunta (cuspide), 1337-38. New York, The Metropolitan Museum of Art, Robert Lehman Collection

Fra storia e sacralità. La Cintola di Prato

Palazzo Pretorio, Prato ‒ fino al 14 gennaio 2018. L’arte pratese è al centro degli studi storico-artistici che hanno portato oggi alla realizzazione della mostra “Legati da una cintola”, dedicata alla reliquia della Sacra Cintola. Protagonista assoluta, la ricomposizione della Pala dell’Assunzione della Vergine di Bernardo Daddi.
Open Heritage

La tecnologia per salvare la nostra identità. Ecco il progetto Open Heritage di CyArk...

In un periodo controverso come il nostro dove a causa di tragedie naturali, guerre religiose e territoriali il patrimonio artistico viene distrutto, danneggiato o saccheggiato, arriva in nostro aiuto la tecnologia. Ad esempio il progetto Open Heritage reso possibile dalla partnership tra CyArk e Google
Pesche e fichi. Villa di Cicerone, Pompei, affresco. Courtesy MANN

Res Rustica. Come si mangiava nella Pompei antica

Al Museo Archeologico di Napoli è in corso la mostra “Res Rustica ‒ Archeologia, botanica e cibo nel 79 d.C.". Le protagoniste però non sono la scultura o la pittura, ma le abitudini alimentari di un lontano passato.
Gabriele Finaldi

Eccellenze made in Italy. Gabriele Finaldi dal Prado alla National Gallery

Il Prado saluta con affetto la partenza di Gabriele Finaldi, a pochi giorni dalla nomina a direttore della National Gallery di Londra. Ufficializzata nientemeno che dal primo ministro britannico David Cameron. Lo abbiamo intervistato.
Anonimo, Natura morta con frutta, 1740:1750 circa, Olio su tela, 74,5 cm × 98 cm, Courtesy KHM Museumsverbanvideo

Natura in posa. Pittura antica e fotografia contemporanea a Treviso

È una mostra molto particolare, quella allestita al Museo Santa Caterina di Treviso. Natura in posa. Capolavori dal Kunsthistorisches Museum di Vienna in dialogo...

Sky Arte updates: il Tutankhamon cinese alla conquista di Roma. Il corredo funebre di...

Facendo leva sulla più mistica delle suggestioni si può quasi asserire che abbiano fatto di tutto per farsi trovare. Mandando il magico e inquietante...

Un nuovo museo per scoprire le grotte di Lascaux, in Francia. Lo studio norvegese...

Lo studio norvegese Snøhetta, specializzato nel campo del design d’interni e dell’architettura, si è aggiudicato la gara per la progettazione del nuovo “visitor center” delle...
Alessandro Allori, Venere e Amore, 1575-80 ca. Montpellier, Musée Fabre

I paradossali splendori del Cinquecento, in mostra a Firenze

A Palazzo Strozzi va in scena il terzo capitolo della trilogia sul Cinquecento, dopo Bronzino nel 2010 e Pontormo e Rosso nel 2014. Adesso un’approfondita antologica di 75 opere spiega il clima artistico della Firenze dell’epoca, dove convissero arte sacra e arte profana, nel momento cruciale di passaggio dall’Età Antica all’Età Moderna. Che non fu, al contrario della vulgata, un’epoca di decadenza artistica.
Nuove sale del Cinquecento agli Uffizi

Rivoluzione Uffizi: 14 nuove sale con opere del ‘500 e ‘600 provenienti dai depositi....

Un focus sull’arte della Controriforma e una sala dedicata alla Venere di Urbino di Tiziano sono i principali protagonisti della nuova ala espositiva del museo fiorentino. Con una sorpresa: una finestra che si affaccia sul fiume Arno

I PIÙ LETTI