Tony Cragg e la magia del vetro in mostra a Venezia

Esposta al Museo del Vetro di Murano, la serie di sculture dell’artista inglese Tony Cragg è il risultato del percorso di ricerca attorno al concetto di fluidità del vetro, lavorato nella sua formula più prestigiosa del diossido di silicio, in collaborazione con i maestri vetrai dello Studio Berengo

La strategia di Tony Cragg (Liverpool,1949) è la stratificazione e la composizione con famiglie di oggetti, anche di uso comune, come le bottiglie presenti nella mostra Silicon Dioxide, allestita al Museo del Vetro di Murano.
Sono affiancate alle più recenti sculture in vetro, materiale che diventa elemento base per forme dinamiche dal risultato talvolta imprevedibile. Le trasparenze dei suoi lavori, realizzati in collaborazione con lo Studio Berengo, si arricchiscono di inclusioni colorate mantenendo il primato della forma. Le ripetizioni e gli agglomerati vengono concepiti in disegni che costituiscono l’elemento di raccordo tra il possibile e la materia. E sono la traccia di un dialogo tra l’artista e la sapienza delle maestranze muranesi. Per Cragg la scultura è un mezzo di indagine sulla natura nelle sue forme; suscita sempre emozioni e, nel caso del vetro, è la soddisfazione del rapportarsi con ciò che va oltre il prodigio della sua trasparenza.

Antonella Potente

Eventi d'arte in corso a Venezia

Evento correlato
Nome eventoTony Cragg - Silicon Dioxide
Vernissage03/12/2021 su invito
Duratadal 03/12/2021 al 15/05/2022
AutoreTony Cragg
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoMUSEO DEL VETRO DI MURANO
IndirizzoFondamenta Giustinian 8 30141 - Murano - Veneto
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Antonella Potente
Se già da piccolo sai quello che vuoi è un guaio: ho passato le ore più belle a fantasticare del niente e a guardare le figure dell'enciclopedia e mi sono ritrovata a scegliere il Liceo Artistico, perché mi piaceva disegnare e soprattutto mi piaceva l'arte: canto, ballo, teatro e pittura. La mia curiosità ha trovato soddisfazione al di fuori dell'ambiente provinciale e dopo aver studiato a Venezia, Pittura all'Accademia di Belle Arti, ho girato per l'Italia lavorando nel settore dell'interior design. Aver poi collaborato con una galleria a Treviso ha costituito un continuo stimolo, un incentivo per capire le strategie e le novità dell'affollato e variegato mondo dell'arte contemporanea. Saper raccontare questo mondo il mio obiettivo, considerandomi anche uno spettatore attivo della “parafrasi” di questa vivace società in continuo movimento che è tutta l'arte.