I Musei Reali di Torino inaugurano un nuovo spazio. Con le acqueforti di Piranesi

Ai Musei Reali di Torino inaugura un nuovo spazio di 600 mq per le mostre di arte antica e archeologia all’interno della Galleria Sabauda. Si comincia con le acqueforti di Piranesi, si prosegue con Guercino e van Dyck

Veduta della mostra di Piranesi ai Musei Reali di Torino - Galleria Sabauda
Veduta della mostra di Piranesi ai Musei Reali di Torino - Galleria Sabauda

A un anno dal debutto, prosegue l’opera di posizionamento – organizzativo e di immagine – dei Musei Reali di Torino come ‘nuova’ realtà del panorama museale torinese. Così, dopo le due nuove sale della Galleria Sabauda dedicate alla grafica, ora la pinacoteca di questo complesso di musei e collezioni  dei Savoia, si dota di un nuovo spazio per le mostre temporanee, denominato Sale Palatine. Uno spazio di oltre seicento metri quadrati al piano terra della Galleria Sabauda, destinato a ospitare mostre d’arte antica e di archeologia, in dialogo diretto con le collezioni permanenti dei Musei Reali, che va ad aggiungersi alle sale del vicino Palazzo Chiablese, dedicate invece all’arte moderna, come dimostra la mostra in corso su Mirò.

Giovanni Battista Piranesi Frontespizio. Carceri d'Invenzione, c. 1761 acquaforte e bulino Venezia, Fondazione Giorgio Cini, Gabinetto dei Disegni e delle Stampe, inv. FGC WE 26
Giovanni Battista Piranesi Frontespizio. Carceri d’Invenzione, c. 1761 acquaforte e bulino Venezia, Fondazione Giorgio Cini, Gabinetto dei Disegni e delle Stampe, inv. FGC WE 26

NUOVI ALLESTIMENTI PERMANENTI

“La Galleria Sabauda da tanti anni aspettava di avere un luogo per le mostre temporanee”, ha dichiarato la direttrice Annamaria Bava, che ha aggiunto: “nella stessa area al piano terreno, a partire dal 15 dicembre il pubblico potrà godere anche del nuovo allestimento permanente della pinacoteca ‘Un’altra armonia: Maestri del Rinascimento in Piemonte’”. Ad inaugurare le nuove Sale Palatine, una mostra su Giovan Battista Piranesi (1720-1778) che arriva direttamente dal Museo di Roma Palazzo Braschi, ma con meno opere grafiche: là oltre 200, qui 93, sempre provenienti dalla Fondazione Giorgio Cini, per quanto riguarda le realizzazioni tridimensionali di alcune invenzioni piranesiane mai portate a termine, e dalle collezioni di Palazzo Braschi, con l’organizzazione dell’Associazione MetaMorfosi.

NUOVE COLLABORAZIONI ALL’ORIZZONTE

Non mancano le grandi Vedute di Roma, dalle amplificate prospettive architettoniche, i fantasiosi Capricci eseguiti ancora sotto l’influsso di Tiepolo, le celeberrime e suggestive visioni della serie delle Carceri, che si avvalgono anche qui di un’esperienza in 3D: un video da guardare con gli occhialini appositi. “È anche un’occasione per stringere rapporti e future collaborazioni”, ha ammesso la direttrice dei Musei Reali Enrica Pagella. Infatti, le prossime mostre del 2018 ospitate dal nuovo spazio – Guercino a giugno e Antoon van Dyck a novembre – saranno rispettivamente una collaborazione tra Associazione MetaMorfosi con Musei Capitolini e Arthemisia.

– Claudia Giraud

Evento correlato
Nome eventoPiranesi - La fabbrica dell'utopia
Vernissage05/12/2017 ore 17.30 su invito
Duratadal 05/12/2017 al 11/03/2018
AutoreGiovanni Battista Piranesi
CuratoriLuigi Ficacci, Simonetta Tozzi
Generedisegno e grafica
Spazio espositivoMUSEI REALI - GALLERIA SABAUDA
IndirizzoPiazzetta Reale, 1 - Torino - Piemonte
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).