Lunetta 11 Label: la nuova etichetta discografica nata da una galleria d’arte

Aperta nell’estate 2019 nel quieto borgo di Mombarcaro, questa galleria ha ora dato alla luce un nuovo progetto: un’etichetta discografica. L’obiettivo è unire l’attività musicale alla produzione degli artisti visivi: si comincia con il nuovo singolo dei Mangaboo. 

LUNETTA 11 esterno
LUNETTA 11 esterno

L’estate 2019 aveva segnato l’avvio ufficiale di Lunetta 11, un progetto culturale nato in una antica borgata delle Langhe (Mombarcaro) grazie alla volontà dei tre fondatori Eva Menzio, Francesco Pistoi e Claudia Zunino: una grande festa di inaugurazione aveva accolto le opere di artisti affermati come Giulio Paolini, Luigi Mainolfi, Roberto Barni, Salvatore Astore, Valerio Berruti e altrettanti giovani. Ora Lunetta 11 si spinge oltre e diventa una casa discografica (chiamata Lunetta 11 Label); l’attenzione, però, continuerà ad essere focalizzata sulla commistione con le arti visive. In che modo? Ce lo ha spiegato Francesco Pistoi aka Pisti in questa intervista.

BR1 mangaboo grafica
BR1 mangaboo grafica

LUNETTA 11 LABEL: L’ETICHETTA DISCOGRAFICA

Da quest’anno abbiamo deciso insieme a vari producer di iniziare a costruire un’etichetta discografica. Un’etichetta piccola, veloce, che può produrre progetti snelli e che cerca di avere cura di tutto, a partire dalla grafica che viene fatta da artisti, alla produzione dei video e del suono”, racconta ad Artribune Francesco Pistoi, il quale si occupa sia della parte artistica che di quella musicale. Due ambiti affatto separati, anzi, che diventano parte integrante del nuovo progetto, con la grafica dei vinili affidata all’ideazione di artisti tra quelli che hanno già collaborato con la galleria Lunetta 11. Per il primo anno è stato scelto BR1, street artist già coinvolto nell’attività creativa attraverso una serie di interventi urbani nelle strade di Mombarcaro. Il suo lavoro per l’etichetta consisterà in una declinazione fantastica della sua ricerca. Una cassa di risonanza visiva dell’immaginario musicale della Lunetta 11 Label. “Un fitto calendario di pubblicazioni caratterizzerà questo primo anno di lavoro dell’etichetta”, continua a spiegare Pistoi. “L’idea della label è di promuovere nuovi musicisti della sfera dell’elettronica: dopo Mangaboo uscirà un progetto nuovo dal nome Antenna e poi Popolonuovo e tanti altri. Nel frattempo, stiamo preparando la seconda mostra estiva, che inaugurerà anche quest’anno a fine giugno con una festa nelle terrazze e nei giardini di Borgata Lunetta. Il lavoro è tanto ma anche le risposte da parte dei diversi mondi a cui ci rivolgiamo sono molte e positive, da quello dell’arte contemporanea italiana alla musica elettronica e al territorio della Langa. Per essere appena nati le soddisfazioni sono già numerose e ne siamo davvero felici”.

LUNETTA 11 esterno
LUNETTA 11 esterno

LUNETTA 11: IL PRIMO PROGETTO

Si parte con la prima uscita, ovvero il singolo Sienteme dei Mangaboo, anticipazione del loro secondo album intitolato Autoradio che vedrà la luce nel maggio 2020. Un pezzo elettronico tribale con voce e testo del sassofonista e cantautore napoletano Enzo Avitabile, la cui uscita è accompagnata da un videoclip del regista Alberto Colombo. A partire da metà febbraio 2020 il singolo sarà disponibile in vinile assieme a tre remix firmati da East 00155, Fabrizio Maurizi e Ulderico Tarasconi.

– Giulia Ronchi

https://lunetta11.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Attualmente collabora con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne. Cura la rubrica “Le curatrici donne più influenti nel mondo” per Marie Claire e “Storie d’amore nella storia dell’arte” per Elle.