Summer Theory No. 2 (I)

Il nuovo ciclo di interventi firmato da Christian Caliandro prende le mosse dall’oggi. E dalla necessità di non accettare in silenzio l’imbarbarimento del presente.

Laura Cionci, El ojo sagrado de guachaca, 2018. Dalla mostra Corpo, Spirito e Anima, Galería Sextante, Bogotà
Laura Cionci, El ojo sagrado de guachaca, 2018. Dalla mostra Corpo, Spirito e Anima, Galería Sextante, Bogotà

Rodi Garganico, 9 giugno 2018 (sulla spiaggia). “Ho preso dei concetti mentre capivo che facevo arte relazionale, senza saperlo in realtà – non potevo mai ‘mischiare’, prima non potevi scrivere disegnare cantare e ballare, così per quindici anni – tu non puoi fare questo, tu non puoi fare quello, tu non puoi fare l’artista – poi si è creata una nuova visione, un nuovo ‘modo’ – noi siamo pionieri di noi stessi e non ce ne rendiamo conto – questa nuova visione dell’arte e del territorio è una boccata d’aria fresca all’esterno, per tutti – qui invece ti bloccano, devi combattere contro i mulini a vento – l’unica certezza è la tua convinzione (contro gli altri, nonostante gli altri), e poi il tempo – che gioca a tuo favore – gli altri arrivano dopo, molto dopo – è sempre così, ‘ah ma tu sei quella che ha fatto la mostra tre anni fa!…’ – sì, ciao – c’è un coinvolgimento fisico, l’opera ti dà una sensazione ma non basta più perché la sensazione oggi è soffocata da tutto ciò che ci circonda, da quello che hai in tasca (il telefonino) – e quindi le persone le devi prendere e scaraventare in una situazione – io ti metto davanti a un fatto e tu devi reagire. Azione/reazione” (Laura Cionci).

***

29 giugno 2016. Vivere bene è la migliore vendetta – stai vicino a lei quando deve scegliere i vestiti, trovaglieli tu, sostienila – sono qui quando ti senti stanca e sola – ti tengo la mano – sono la nave che ti conduce in porto – guido sulla SS16, il mare e gli scogli alla mia sinistra – i luoghi una volta abbandonati e oggi riattivati, rigenerati con la cultura dritto davanti a me – nubi oscure improvvisamente si addensano cambiando l’aria, il cielo, la temperatura e il colore dello spazio – venti di aggressività, diffidenza, egoismo catturano l’ecosistema – gli infingimenti e le mascherate non funzionano più, collassano le strutture marcite e corrose dall’interno, implodono sotto la spinta di un’ignoranza fortissima, diffusa (le percentuali dell’analfabetismo funzionale in continua crescita) – un terzo dei poveri italiani ha un’età giovane o giovanissima, un dato terribile e foriero di sventura che passa però sotto silenzio – ciao è tardi, il tempo sta scorrendo via, è scaduto ed è stato sprecato – “ciao è tardi, ho provato a fermare la pioggia, l’hai letto per caso? Ci hai mai pensato? / Hai pianto forse quando l’hai visto arrivare? / Ciao è tardi, abbiamo provato a giocare e a vincere / l’hai sentito per caso? L’hai sognato? / so che hai pianto ma nulla è cambiato / nulla importa, ormai / non penso che sia durato molto a lungo / sono seduto qui sugli scogli, e la musica è troppo forte / è solo un gioco a cui giocavamo, non pensavo comunque che ce l’avremmo fatta / mi dispiace che non possa essere rimosso, cancellato” (Stone Temple Pilots, Hello It’s Late, in Shangri-la Dee Da, 2001).

***

Aboubakar Soumahoro e Domenico Lucano, sindaco di Riace
Aboubakar Soumahoro e Domenico Lucano, sindaco di Riace

1 luglio. Il signore con la panza di fuori e il costume da bagno sul balcone, guarda l’aria e lo smartphone alle sette di sera – il razzismo poi che invade come una peste il mio Paese, i cervelli dei miei amici e delle loro madri – una disumanità così capillare e pervasiva che sembra già di vivere dentro… – c’è un livello di violenza verbale e psicologica, una vera fame di sangue, un disprezzo profondo della vita umana e una voluttà nel dire cose indecenti che fanno spavento – e il dovere allora è quello di testimoniare, raccontare, resistere.
Senza retorica, ma anche senza più ipocrisie, infingimenti, silenzi. Non si può fare finta di niente – per quieto vivere – contro l’inciviltà. D’ora in poi vale, sul serio. Chi sta zitto, chi sorride alle battute e ai discorsi apertamente razzisti (anche in modo stiracchiato, anche non condividendo, anche solo per non risultare “pesante” o per “non rovinare la festa”), beh sappia che sta collaborando attivamente alla barbarie che avanza e che si installa. La vergogna di una parte della popolazione che, per l’ennesima volta (come novant’anni fa, come quarant’anni fa, come venticinque anni fa) si umilia e anzi adotta prontamente atteggiamenti e modi di fare/di pensare osceni non merita alcuna comprensione. E anche l’ironia cinica, divertitamente superiore, fa pena e non serve a nulla, configurando una forma se possibile anche peggiore di collaborazione: nessuna battutina, nessun meme, ma risposte a muso duro, che bruciano istantaneamente le guance e la lingua; nessuna paura di essere sconvenienti, di “disturbare”: sconvenienti sono loro con le loro infamie, con la loro orrenda soddisfazione per i morti presenti e a venire.
Amicizie sbriciolate come durante il Ventennio, l’illogicità regna sovrana solo che adesso le persone non si vergognano più di mostrare il viso deformato dall’odio e dall’assenza di pietas, anzi provano orgoglio, si sentono finalmente legittimate, e appieno, in questa ridicola e tragica imitazione del più ottuso Midwest americano, e sempre copiamo il peggio dall’esterno, mai il meglio. (Sono fiero invece che i Pearl Jam durante il loro concerto abbiano scelto di mostrare il logo #APRITEIPORTI alla fine della cover di Imagine, fedeli a come erano, a come eravamo e a come saremo.) L’Italia e l’italiano hanno da sempre un gigantesco problema con i valori, quando tutto va bene è facile ma appena le cose vanno un pochino male è un attimo e crolla tutto, prevale il caro vecchio “particulare”, che non è neanche in fondo – a ben guardare – l’interesse vero e proprio ma una dimensione ancestrale, un ripiegamento, un vuoto e un’assenza: un buco profondo.

Christian Caliandro

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Christian Caliandro
Christian Caliandro (1979), storico dell’arte contemporanea, studioso di storia culturale ed esperto di politiche culturali, insegna storia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia. È membro del comitato scientifico di Symbola Fondazione per le Qualità italiane. Ha pubblicato “La trasformazione delle immagini. L’inizio del postmoderno tra arte, cinema e teoria, 1977-’83” (Mondadori Electa 2008), “Italia Reloaded. Ripartire con la cultura” (Il Mulino 2011, con Pier Luigi Sacco) e “Italia Revolution. Rinascere con la cultura” (Bompiani 2013). Cura su “Artribune” le rubriche inpratica e cinema; collabora inoltre regolarmente con “La Gazzetta del Mezzogiorno”, “minimaetmoralia”, “che-Fare”. Ha curato mostre personali e collettive, tra cui: “The Idea of Realism // L’idea del realismo” (2013, con Carl D’Alvia), “Concrete Ghost // Fantasma concreto” (2014), entrambe parte del progetto “Cinque Mostre” presso l’American Academy in Rome; “Amalassunta Collaudi. Dieci artisti e Licini” presso la Galleria d’Arte Contemporanea “Osvaldo Licini” di Ascoli Piceno (2014); “Sironi-Burri: un dialogo italiano (1940-1958)” presso lo spazio CUBO (Centro Unipol Bologna, 2015); “RIFTS_Abate, Angelini, Veres” (Artcore, Bari 2015); “Opera Viva Barriera di Milano” (Torino 2016); “La prima notte di quiete” (i7-ArtVerona, 2016).