Metti insieme Bernard Arnault, Frank Gehry ed Olafur Eliasson. E ti aspetti un miracolo: pronta a fine 2013 la nuova Louis Vuitton Foundation for Creation?

Un nuovo museo per il contemporaneo che si apre, di questi tempi, fa sicuramente notizia. Se poi dietro a quel museo c’è qualcuno come Louis Vuitton, ed il progetto è affidato a Frank Gehry, diventa – malgrado un po’ di inflazione e di recente “secca” creativa dell’archistar – un evento. Ma se a ciò si […]

Olafur Eliasson

Un nuovo museo per il contemporaneo che si apre, di questi tempi, fa sicuramente notizia. Se poi dietro a quel museo c’è qualcuno come Louis Vuitton, ed il progetto è affidato a Frank Gehry, diventa – malgrado un po’ di inflazione e di recente “secca” creativa dell’archistar – un evento. Ma se a ciò si aggiunge che ad inaugurare la struttura sarà una grande mostra della star danese-islandese Olafur Eliasson, allora si entra in zona miracolo.
Niente da stupirsi, in verità: se ne parla da sei anni, della nuova Louis Vuitton Foundation for Creation: ma ora – stando a quel che scrive Le Quotidien de l’Art, ripreso da The Art Newspaper – ci sono i dettagli, e le date: fine del 2013. L’area del nuovo museo, che sarà guidato dalla curatrice francese Suzanne Pagé, dovrebbe essere quella del Bois de Boulogne, a ovest di Parigi, e sul piatto monsieur Bernard Arnault pare abbia già messo 100 milioni di euro…

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.