La cravatta alcune volte non è presente, ma la camicia e la giacca non possono mai mancare: stiamo parlando di Jeff Koons, uno degli artisti contemporanei viventi più noti al
mondo.

LE OPERE MILIONARIE DI KOONS

Le sue opere hanno raggiunto quotazioni sbalorditive: il Rabbit in acciaio detiene il record come opera d’arte contemporanea più costosa mai realizzata da un artista in attività. Quest’opera difatti è stata venduta per ben 91 milioni di dollari! Jeff Koons è una star, che mette in atto un elogio del banale e del futile, potremmo dire di tutto ciò che luccica: utilizza tematiche come consumismo, sesso, il gusto kitsch, temi legati al mondo infantile, creando un rapporto di sintonia e serenità con il pubblico.

JEFF KOONS PER LA CRITICA

Di Jeff Koons è stato detto di tutto e di più, definito come re del kitsch, brutta copia dei ready-made di Marcel Duchamp, icona new-pop, reincarnazione di Andy Warhol, perfetto interprete della cosiddetta american way of life, ritenendo il suo lavoro assolutamente in sintonia con il mondo contemporaneo.

– Alberto Mattia Martini

Art one shot su YouTube

Dati correlati
AutoreJeff Koons
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alberto Mattia Martini
Alberto Mattia Martini, critico d'arte e curatore ha al suo attivo numerose ed importanti mostre organizzate sia in spazi pubblici, che in gallerie private. Attualmente insegna Storia dell'arte, del costume e dei linguaggi artistici e Metodologia per la movimentazione delle opere d'arte, presso l'Accademia di Belle Arti Acme di Milano. Ha rivestito il ruolo di Direttore dell'Accademia di Belle Arti di Rovereto e di Direttore Artistico presso la Lbera Accademia di Belle Arti di Brescia, dove ha insegnato anche Storia dell'Arte Contemporanea e Moderna. Giornalista inscritto all'albo nazionale, ha collaborato e collabora con numerose testate tra cui tra cui: Flash Art, D’Ars, Artein Espoarte e Artribune.com. É inoltre inscritto all'Albo dei Consulenti Tecnici d'Ufficio del Tribunale di Parma. Ha collaborato per diversi anni, fino alla sua morte con Pierre Restany, noto critico internazionale nonché fondatore del movimento artistico del Nouveau Réalisme.