Prodotto da Museo Novecento – MUS.E di Firenze, L’eccezione, il nuovo video dell’arista romana Rä di Martino (1975) ha come protagonista una statua abbandonata in un bosco, senza gambe e senza un braccio. Risvegliatasi, inizia a compiere piccoli movimenti, simili a una danza. Nonostante prenda coscienza della sua condizione di statua mutila, forse immutata da secoli, vuole lasciarsi andare alla melodia che sente. La musica, nostalgica e romantica, è una rielaborazione del tema di Flashdance, che ci chiama in causa a nostra volta, lasciando emergere ricordi lontani.
Nuovo capitolo della riflessione condotta sul motivo del frammento e sull’effetto di straniamento ad esso spesso collegato, il video richiama alla mente il tema delle statue animate, topos della storia dell’arte occidentale, costellata di esempi di automi intelligenti e macchine parlanti: dalla leggenda di Dedalo, che sarebbe stato in grado di costruire nella pietra o nel bronzo figure capaci di muoversi e camminare al pari degli esseri umani, al celebre Scrivano di Pierre Jaquet Droz, fino ad arrivare, ai giorni nostri, alla creazione di robot biotecnologici, già incontrati in un mitico film degli anni Ottanta come Blade Runner”, ha commentato Sergio Risaliti, direttore del museo e curatore della mostra.

Dati correlati
AutoreRà Di Martino
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.