Siamo tutti Natalia Goncharova. Palazzo Strozzi lancia su Instagram il proprio speciale filtro

Per la mostra a Firenze sulla grande artista dell’avanguardia russa, Palazzo Strozzi lancia IamNatalia, un filtro in realtà aumentata che fa immedesimare l’utente in una performance dell’artista. Risalente al 1913.

Filtro Natalia Ivo, courtesy Palazzo Strozzi, Firenze
Filtro Natalia Ivo, courtesy Palazzo Strozzi, Firenze

Come sfruttare una situazione apparentemente sfavorevole a proprio vantaggio. Ce lo insegna Palazzo Strozzi che, dopo l’episodio della censura su Instagram del proprio video promozionale della mostra dedicata a Natalia Goncharova (Governatorato di Tula, 1881-Parigi, 1962) – in corso fino al 12 gennaio 2020 -, ora ne utilizza la funzionalità che sta spopolando sul social network. Si tratta del nuovo filtro Spark AR che permette a chiunque di creare maschere ed effetti personalizzati in realtà aumentata, da applicare in diretta nei video e nelle storie di Instagram: grazie alla sua capacità di seguire i movimenti del volto, il filtro è in grado di aggiungere elementi virtuali molto curati dal punto di vista estetico.

LA PERFORMANCE

Palazzo Strozzi ha, così, creato il suo personale effetto IamNatalia che vuole richiamare i disegni che Natalia Goncharova utilizzò nel 1913 quando, insieme ad altri artisti futuristi, passeggiava per le strade più eleganti di Mosca con il volto e il corpo dipinti con immagini, parole offensive e frasi destinate a scandalizzare i benpensanti, secondo i principi della body art futurista. Una autentica performance ante litteram. “In occasione della mostra Natalia Goncharova tra Gauguin, Matisse e Picasso Palazzo Strozzi ha realizzato IamNatalia uno speciale filtro Instagram personalizzato per far conoscere Natalia Goncharova, straordinaria figura femminile delle avanguardie di primo Novecento, immedesimandosi nel suo spirito anticonformista, imitandone lo stile”, spiega ad Artribune il social management di Palazzo Strozzi. “Il filtro Instagram personalizzato fa parte di una nuova possibilità offerta dai social media (rilasciata a metà agosto circa) che permette di interagire direttamente con gli utenti. Un passo vero la realtà aumentata con l’obiettivo di unire nuove forme di interazione con il pubblico al racconto della mostra in corso”. 

COME FUNZIONA IL FILTRO

Il filtro, utilizzabile da tutti i sistemi operativi, è disponibile sulla pagina Instagram dell’account Palazzo Strozzi e si usa attraverso quattro semplici passaggi: visitare l’account Palazzo Strozzi; cliccare sull’icona filtri; selezionare IamNatalia; aprire la fotocamera e, inquadrando il proprio viso o quello di un amico, scattare un selfie o una foto e condividire con #IamNatalia o #NataliaGoncharova.

-Claudia Giraud

@palazzostrozzi

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).