Live, digitale e femminile. Cosa succede alla Milano Arch Week 2020

Formato ibrido, con iniziative sia in presenza sia in digitale, per la quarta edizione della Milano Arch Week. Anticipata dalla maratona online del 16 maggio scorso, la manifestazione che si avvale della direzione artistica di Stefano Boeri torna dal 18 al 20 settembre con un focus sulle progettiste internazionali.

2019 Stefano Boeri con Fridays for future, Triennale di Milano, foto Gianluca Di Ioia
2019 Stefano Boeri con Fridays for future, Triennale di Milano, foto Gianluca Di Ioia

C’è anche l’architetto spagnolo Juan Navarro Baldeweg, autore del progetto per il nuovo allestimento del Capitolium che accoglierà la statua della Vittoria Alata a Brescia e protagonista di un’attesa retrospettiva in apertura ai Musei di Santa Giulia, tra gli ospiti della Milano Arch Week 2020. Un’edizione, la quarta dal debutto della kermesse – curata e prodotta da Triennale Milano, Politecnico di Milano, Comune di Milano, in collaborazione con Fondazione Giangiacomo Feltrinelli e la direzione artistica di Stefano Boeri –, in cui la coesistenza tra i formati live e digitale oltrepassa lo status di “inevitabile riflesso” della nostra epoca, divenendo sinonimo di opportunità. Collegandosi al canale YouTube di Triennale e alle pagine Facebook di Milano Arch Week e di Triennale o assistendo alle proiezioni dal Salone d’Onore di Triennale (sabato 19 settembre, dalle 15.30) sarà possibile ascoltare le voci e le esperienze di alcune tra le architette più affermate a livello internazionale. Protagoniste della “maratona” saranno la progettista giapponese Momoyo Kaijima, l’indiana Anupama Kundoo, Odile Decq, Elizabeth Diller, Martha Thorne e l’architetta franco-libanese Lina Ghotmeh, che in queste settimane ha documentato e raccontato, anche sui suoi profili sociali, il dramma e la devastazione di Beirut in seguito alle esplosioni del 4 agosto scorso.

Triennale Milano
Triennale Milano

DALL’EMERGENZA SANITARIA ALLA CRISI CLIMATICA

A permeare il programma sarà l’attualità, a partire dall’emergenza sanitaria che sarà al centro della conferenza Architettura e medicina: ripensare gli spazi della sanità(sabato 19 settembre, dalle 10.00 alle 13.00). Scuola, diritto alla casa e “gli immaginari” sono i tre focus presi in esame dal programma About a Citycurato dalla Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, mentre le trasformazioni che attendono la città di Milano saranno esaminate da due progetti: gli incontri dedicati alla Strategia di adattamento Milano 2020, sviluppata in seguito al lockdown, condotti da Lorenza Baroncelli, e il tour Milano Strade Aperte, un itinerario in bicicletta alla scoperta degli interventi di urbanistica tattica promossi dal Comune di Milano. Sugli scenari post-pandemici in ambito architettonico si confronteranno sia realtà emergenti come Studio Boom, AbNormal, Parasite 2.0, Forgotten Architecture, Possibility of an Island, Alvar Aaltissimo, selezionate per il talk Life after Architecture after Covid moderato da Azzurra Muzzonigro, sia Pippo Ciorra, Alessandro Balducci, Mirko Zardini, Elena Barthel, Giancarlo Mazzanti e Jeffrey Schnapp nell’incontro dal titolo Lockdown Architecture, a cura di Editoriale Lotus con Nina Bassoli.

Valentina Silvestrini

https://www.milanoarchweek.eu/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Dal 2016 coordina la sezione architettura di Artribune, piattaforma per la quale scrive da giugno 2012, occupandosi anche della scena culturale fiorentina. Ha studiato architettura all’Università La Sapienza di Roma, città in cui ha conseguito l'abilitazione professionale. Ha intrapreso il percorso professionale in parallelo con gli studi, occupandosi di allestimenti museali, fieristici ed eventi presso studi di architettura e all’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero fino al 2011. Successivamente ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia" della Scuola Normale Superiore di Pisa e ha curato gli eventi e la comunicazione della FUA - Fondazione Umbra per l’Architettura, a Perugia. I suoi articoli sono stati pubblicati anche su Abitare, abitare.it, domusweb.it, Living, Klat, Icon Design, Grazia Casa, Cosebelle Magazine e Sky Arte. Oltre all'architettura, ama i viaggi e ha una predilezione per l'Asia e il Medio Oriente.