L’architettura prima dell’architettura. Andrea Branzi a Milano

Galleria Antonia Jannone, Milano ‒ fino al 22 giugno 2019. Classe 1938, l’architetto e designer, invita a “riflettere sull’architettura prima dell’architettura” a partire da modelli, teorici e mentali, anticipatori dell’attività di progettazione.

Andrea Branzi. Archetipi. Installation view at Antonia Jannone, Milano 2019. Courtesy Antonia Jannone Disegni di Architettura. Photo Henrik Blomqvist
Andrea Branzi. Archetipi. Installation view at Antonia Jannone, Milano 2019. Courtesy Antonia Jannone Disegni di Architettura. Photo Henrik Blomqvist

Andrea Branzi (Firenze, 1938) torna alla Galleria Antonia Jannone, suo luogo d’elezione per l’esposizione dei propri lavori di ricerca, con la mostra Archetipi allestita negli spazi di Corso Garibaldi. Dieci sculture inedite, realizzate con DAS, legno e rete metallica, insieme a una raccolta di opere su carta, indagano il tema degli archetipi, scandagliando le molte possibilità dell’edificare. Dalle forme semplici e squadrate di un monolito a quelle plastiche e scultoree che ricordano la forma di una pera, a quelle più complesse, simili a recinti e capanne, Branzi individua le forme primigenie del costruire, che stanno all’origine delle necessità di vivere, di immaginare e di esperire lo spazio. Precedono il concetto di architettura, essendo quest’ultimo già pensiero organizzato, strutturato in un progetto. Si tratta di forme assolute, come lo possono essere i parallelepipedi in fildiferro nei quali sono racchiusi, modelli teorici che preludono a tutte le attività creative umane, che riconosciamo intuitivamente e i cui rimandi iconografici ci appartengono da sempre.

UN REPERTORIO DA REINVENTARE

Si tratta di “una riflessione sull’architettura prima dell’architettura”, per usare le parole dello stesso autore, che riconosce l’attitudine a costruire come essenziale e originaria del genere umano e ne dà forma con un approccio antropologico. Figura poliedrica del panorama internazionale, Andrea Branzi ‒ architetto e designer con al suo attivo tre Compassi d’oro, storico e teorico del design e docente del Politecnico di Milano, nonché fra i fondatori del gruppo di avanguardia Archizoom ‒ non è nuovo alla galleria Antonia Jannone. Negli ultimi anni è proprio in questi spazi che ha esposto le sue opere, all’interno di mostre collettive e personali, confermando il sodalizio fruttuoso con una delle realtà più interessanti del panorama nazionale nell’ambito della ricerca sull’architettura.

Andrea Branzi. Archetipi. Installation view at Antonia Jannone, Milano 2019. Courtesy Antonia Jannone Disegni di Architettura. Photo Henrik Blomqvist
Andrea Branzi. Archetipi. Installation view at Antonia Jannone, Milano 2019. Courtesy Antonia Jannone Disegni di Architettura. Photo Henrik Blomqvist

PAROLA A BRANZI

Oggi l’architettura civile vive una crisi di credibilità”, ‒ afferma Branzi ‒ “nel senso che il suo rapporto con la società si è progressivamente logorato; a sua volta la società vive una profonda crisi e non è più in grado di fornire quadri di valori al progetto. In questo contesto la riflessione sugli archetipi primari diventa importante perché essi non sono una eredità del passato, ma piuttosto un repertorio da inventare; non sono cioè un repertorio certo ma piuttosto un materiale da indagare dentro la profondità della nostra mente”. L’allestimento, ideato da Antonia Jannone, enfatizza giocosamente il carattere primitivo delle sculture; gli archetipi poggiano, infatti, su scatole da imballaggio, come se i modelli fossero stati appena tirati fuori ed esposti senza alcuna trasformazione o mediazione successiva. Il punto di partenza da cui tutto ha inizio.

Isabella Clara Sciacca

Evento correlato
Nome eventoAndrea Branzi - Archetipi
Vernissage22/05/2019 ore 18,30
Duratadal 22/05/2019 al 22/06/2019
AutoreAndrea Branzi
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA ANTONIA JANNONE
IndirizzoCorso Giuseppe Garibaldi 125 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Isabella Clara Sciacca
Nasce a Catania e si laurea in letteratura e storia dell’arte. Nel 2002 si trasferisce a Roma, dove lavora con produzioni cinematografiche e televisive italiane e internazionali per la ricerca, la stesura dei contenuti e la fotografia. Collabora con diverse società in Inghilterra, a New York e a Parigi e promuove iniziative volte a diffondere e valorizzare il progetto architettonico e il design. Fonda Sign Press, agenzia di comunicazione e ufficio stampa rivolta ai professionisti e alle aziende che operano nel settore dell’arte, dell’architettura e del design. Scrive per la carta e per il web per diverse testate su argomenti che riguardano il mondo del progetto.