Centro Botín. Pronta a Santander l’opera prima di Renzo Piano in Spagna: apertura a giugno

Aprirà il 23 giugno, sul lungomare di Santander, il nuovo spazio per l’arte e la cultura finanziato dalla Fundación Botín. Per il debutto annunciata un’ampia retrospettiva sull’artista belga Carsten Höller

Il Centro Botín di Renzo Piano (foto © Fundación Botín. Belen de Benito)
Il Centro Botín di Renzo Piano (foto © Fundación Botín. Belen de Benito)

Dopo il Centre Pompidou di Parigi, l’Auditorium di Roma, la Fondazione Beyeler di Basilea, la Morgan Library di New York e l’Art Institute di Chicago, Renzo Piano offre un’ulteriore interpretazione del tema degli spazi culturali. Per la prima volta, l’architetto italiano ha lavorato in Spagna, dove il cantiere per il nuovo Centro de Arte Botín si appresta alle battute finali. Affacciato sul mare del capoluogo della Cantabria, l’edificio promosso e finanziato dalla Fundación Botín – per “guidare lo sviluppo culturale, sociale ed economico di Santander” – aprirà finalmente le porte il prossimo 23 giugno.

UNA PELLE RIFLETTENTE CON DECINE DI DISCHI IN CERAMICA BIANCA

Con una superficie complessiva pari a 8.739 mq, il Centro si articola in due blocchi autonomi, uniti da una passerella sopraelevata culminante in una piattaforma a sbalzo sul mare. Ai due volumi, sorretti da pilastri per mantenere libero il livello terra, sono associate funzioni distinte. La cosiddetta “ala ovest” è dedicata all’arte e dispone di 2.500 mq di spazi espositivi, declinati in sale e gallerie; “l’ala est”, con un auditorium per 300 persone, aule, spazi di lavoro e una terrazza panoramica aperta sulla baia, è destinata ad attività culturali ed educative. Avviato nel 2010 e condotto con i partner locali Luis Vidal + Architects, di base a Madrid, il processo di realizzazione è parte di un intervento più articolato. Il Centro Botín, che si candida a nuovo landmark di Santander anche grazie al rivestimento in dischi di ceramica bianca “effetto madreperla”, insiste in un’estensione dei Jardines de Pereda. Oggetto di un notevole ampiamento, il “polmone verde” di Santander risulta ora proteso verso il mare. La forte vocazione di apertura alla città della nuova struttura è sostenuta anche dalla presenza di un anfiteatro all’aperto. Collocato sul lato ovest dell’edificio, può ospitare fino 2.000 persone in occasione di concerti o altri appuntamenti.

VERSO LA PRIMA GRANDE RETROSPETTIVA SPAGNOLA SU HÖLLER

Curata da Vicente Todolí – già direttore della Tate Modern di Londra tra il 2003 e il 2010, per il Centro Botín presiede la Visual Arts Advisory Committee – la mostra di apertura sarà Carsten Höller: Y. Annunciata come la più grande retrospettiva che la Spagna abbia fin qui dedicato all’artista originario di Bruxelles, ne ripercorrerà il lavoro e la visione attraverso quattordici opere, collocate nel secondo livello del Centro. Da giugno a settembre, inoltre, sarà aperta anche Lightness and Boldness. Goya’s Drawings, con l’esposizione di 80 disegni appartenenti dalla collezione del Museo del Prado. Al primo piano dell’edificio di Piano, infine, la Fondazione presenterà, con allestimenti che varieranno nel corso dei mesi, la propria collezione permanente.

Valentina Silvestrini

www.centrobotin.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Dal 2016 coordina la sezione architettura di Artribune, piattaforma per la quale scrive da giugno 2012, occupandosi anche della scena culturale fiorentina. Ha studiato architettura all’Università La Sapienza di Roma, città in cui ha conseguito l'abilitazione professionale. Ha intrapreso il percorso professionale in parallelo con gli studi, occupandosi di allestimenti museali, fieristici ed eventi presso studi di architettura e all’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero fino al 2011. Successivamente ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia" della Scuola Normale Superiore di Pisa e ha curato gli eventi e la comunicazione della FUA - Fondazione Umbra per l’Architettura, a Perugia. I suoi articoli sono stati pubblicati anche su Abitare, abitare.it, domusweb.it, Living, Klat, Icon Design, Grazia Casa, Cosebelle Magazine e Sky Arte. Oltre all'architettura, ama i viaggi e ha una predilezione per l'Asia e il Medio Oriente.