Capelli ricci, occhiali rotondi e un sorrisino appena accennato: si presenta così l’illustratrice Olimpia Zagnoli in versione grafica, e nella sua città natale, Reggio Emilia, presenta una carrellata di opere, dagli esordi ai lavori più recenti.

Reggio Emilia organizza una grande festa per celebrare i dieci anni di attività di Olimpia Zagnoli (1984), illustratrice che proprio nella città del Tricolore ha aperto gli occhi per la prima volta. E lo fa con Caleidoscopica, una mostra cioè “che ricrea o sorprende la vista con un festevole avvicendarsi di luci, colori, figure”, come recita la definizione che dà il dizionario del termine scelto per titolo dell’esposizione – che riecheggia quello del libro da cui la mostra trae spunto. E per capire quanto sia sfaccettata la creatività dell’artista, basta scorrere rapidamente la sezione work del suo sito: l’illustrazione, in senso proprio, non è certo l’unico ambito in cui si esprime. L’antologica allestita ai Chiostri di San Pietro ripercorre le tappe principali della carriera di Olimpia, e c’è anche un progetto site specific: sei coloratissime grandi opere compongono un “giardino di sculture” realizzate con il contributo della casa di moda Marella. Per addentrarci nel mondo colorato dell’illustrazione e di tutte le sue strade parallele, abbiamo intervistato proprio lei, OZ.

Olimpia Zagnoli, Dance Dance Dance, The New Yorker, 2017
Olimpia Zagnoli, Dance Dance Dance, The New Yorker, 2017

L’INTERVISTA A OLIMPIA ZAGNOLI

Palazzo Magnani di Reggio Emilia ti dedica una mostra monografica. Per te cosa rappresenta questo trionfante “ritorno” nella città in cui sei nata?
Sono molto felice di tornare a Reggio, una città che ho lasciato a soli sei anni ma che non mi ha mai abbandonata. È qui che ho cominciato a disegnare, ad andare in bicicletta, ho fatto amicizia con personaggi mitologici, sono caduta nella fontana dei giardini pubblici, ho cavalcato i leoni di piazza San Prospero, mangiato cappelletti in brodo a merenda, ho dato il mio primo bacio e assaporato un senso di pazzia e giustizia raro da trovare altrove.

Il tuo segno si ritrova su murales, tessuti, sculture cinetiche, tazzine… e ovviamente dà vita a illustrazioni, copertine e disegni. Ma qual è la pratica artistica che ti diverte di più, che senti più affine?
La cosa che mi piace di più è proprio questa. Un giorno disegnare un pattern per una gonna, il giorno dopo un’etichetta per una bottiglia di vino e quello successivo lavorare a una serie di opere personali per una mostra. Mischiare i diversi livelli, quello che viene considerato “alto” e “basso”, con la stessa curiosità. Non ho una vera preferenza, e se ce l’avessi penso che cambierei idea in fretta.

In mostra sono esposti anche dei taccuini con i tuoi disegni “a mano”: molti illustratori lavorano prevalentemente in digitale, mentre tu coltivi ancora una pratica antica. Qual è il tuo approccio alle due tecniche?
Credo che, per chiunque ami disegnare, sia difficile abbandonare completamente la dimensione della matita e del foglio. Certo, il digitale è estremamente comodo, flessibile, economico e funzionale. Io cerco di usare entrambi, a volte seguendo quello che sembra l’iter più consono, ovvero dall’analogico al digitale, ma altre facendo il percorso opposto, ovvero utilizzando il digitale come tavolo di lavoro per poi tornare all’analogico.

L’ILLUSTRAZIONE SECONDO OLIMPIA ZAGNOLI

Negli ultimi anni la sensazione è che, per coinvolgere i lettori e offrire loro qualcosa di speciale, giornali e magazine si stiano rivolgendo sempre più spesso alle illustrazioni. È una sensazione corretta? Il lavoro che proviene da quel settore è aumentato?
Sicuramente sono anni molto fortunati per l’illustrazione. In Italia diverse realtà editoriali e aziendali si sono avvicinate a questa forma espressiva con un rinnovato entusiasmo per via della sua versatilità e immediatezza.

Come lavora un illustratore rispetto a un artista? L’artista viene ingaggiato solitamente tramite il suo gallerista, e l’illustratore? Sono solo contatti diretti o avete degli “agenti”?
Anche gli illustratori e le illustratrici possono avere agenti. Io ne ho due, una negli Stati Uniti e uno in Francia. Alcune commissioni arrivano attraverso di loro, altre direttamente a me. Solitamente si riceve un “brief”, che consiste in un’idea da interpretare attraverso una o più immagini in un formato specifico e in un certo lasso di tempo (per esempio “l’estate” in formato quadrato da consegnare entro giovedì). Si passa poi a una fase di schizzi da sottoporre al cliente, al termine della quale si procede al lavoro definitivo. Quando l’opera è consegnata, si viene pagati per il lavoro che si è svolto e si va a mangiare la pizza.

Lavori ormai con grande successo su tanti mercati. Dal tuo punto di vista, quali sono i difetti e – ove mai ci fossero – i pregi del mercato italiano?
Personalmente mi trovo bene a lavorare in Italia. A volte bisogna fare un po’ di tutto, l’artista, la psicologa, la commercialista, la tipografa, la fattorina, la centralinista, ma si ha maggior possibilità di intervenire creativamente all’interno di ingranaggi complessi e progettuali. Si può proporre un’idea e trovare insieme modi di realizzarla. Negli Stati Uniti, invece, è tutto più settoriale e specializzato. È certamente più semplice e veloce, ma spesso meno sperimentale. I problemi che riscontro maggiormente in Italia sono di tipo burocratico: pagamenti lentissimi e troppi documenti che riducono gli artisti a mangiare riso in bianco e lavorare fino a tarda notte.

Olimpia Zagnoli, Senza titolo – How To Eat Spaghetti Like a Lady, Antonio Colombo Gallery, Milano 2018
Olimpia Zagnoli, Senza titolo – How To Eat Spaghetti Like a Lady, Antonio Colombo Gallery, Milano 2018

FONTI DI ISPIRAZIONE E PROGETTI DI OLIMPIA ZAGNOLI

Qual è l’opera grafica che porteresti su un’isola deserta?
Porterei il Libro Letto di Bruno Munari realizzato per Interflex nel 1993, così dopo averlo letto posso anche fare un pisolino.

Se dovessi identificare tre maestri, quali sarebbero?
Dato che l’ho appena citato, mi sembra giusto non perdere l’opportunità di nominare ancora una volta Bruno Munari. Poi Picasso e Charlotte Perriand.

Quali ritieni essere, invece, i migliori giovani illustratori?
I primi nomi che mi vengono in mente: Jon Han, Jim Stoten, Eline Van Dam, Zhong Xian, Nick Dahlen, Min Heo, Molly Fairhurst, Tara Booth, Yann Kebbi…

Quali sono i capisaldi della tua ricerca artistica personale, quella che va oltre la committenza?
La sintesi, la nostalgia, la serialità, la curiosità, la ripetizione e talvolta l’elettricità.

Qual è stato l’incarico più “clamoroso” che ti è stato affidato?
Nel momento in cui si comincia a lavorare, ogni incarico “clamoroso” diventa un incarico e basta. Perde quell’aura di fascino che ha avuto fino a pochi istanti prima e si trasforma in qualcosa da fare, da annusare, da tagliare, da spostare, da cambiare, da distruggere, da plasmare. Non è una cosa brutta, è solo diversa. Per questo è difficile rispondere.

Marta Santacatterina

Olimpia Zagnoli – Caleidoscopica
Lazy Dog, Milano 2021
Pagg. 148, € 38
ISBN 9788898030354
lazydog.eu

Eventi d'arte in corso a Reggio emilia

Evento correlato
Nome eventoOlimpia Zagnoli - Caleidoscopica
Vernissage24/09/2021 no
Duratadal 24/09/2021 al 28/11/2021
AutoreOlimpia Zagnoli
CuratoreMelania Gazzotti
Generipersonale, disegno e grafica
Spazio espositivoCHIOSTRI SAN PIETRO
IndirizzoVia Emilia San Pietro 44C - Reggio Emilia - Emilia-Romagna
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marta Santacatterina
Giornalista pubblicista e dottore di ricerca in Storia dell'arte – titolo conseguito all'Università degli Studi di Parma con una tesi in Storia dell’arte medievale –, svolge da molti anni la professione di editor freelance per conto di varie case editrici ricoprendo anche, dal 2015 all’inizio del 2018, il ruolo di direttore editoriale del marchio Fermoeditore e della rivista collegata “fermomag”, sulla quale si è dedicata alle rubriche di arte, fotografia e mostre. Scrive per “Artribune” fin dalla nascita della rivista nel 2011, mentre più recenti sono le collaborazioni con il sito “Art&Dossier” – sul quale recensisce progetti allestiti in gallerie private –, con “La casa in ordine”, dove si occupa di designer emergenti e autoprodotti, e con la rivista “Dolcesalato”, su cui propone ai pasticceri suggestioni tratte dall'arte contemporanea. Scrive inoltre testi storico-artistici e sul fumetto per case editrici italiane (Giunti editore, Grafiche Step editrice ecc.) e statunitensi (Fantagraphics Books). Ha partecipato come giurata a concorsi di arte o fotografia e raramente cura delle mostre per artisti che riescono a convincerla grazie alla qualità dei lavori e alla solidità della loro poetica. Per la sede di Parma del Boston College, si occupa inoltre di attività di tutoring sull'arte contemporanea per studenti americani.