Art Basel 2022. Gallerie, sezioni e novità della fiera in programma a giugno in Svizzera

Dopo l’ultima edizione tenutasi, a causa della pandemia, lo scorso settembre, torna nelle sue usuali date primaverili Art Basel, con 289 gallerie tra established e new entry. Ecco come sarà la fiera

Art Basel, settembre 2021. Courtesy Art Basel
Art Basel, settembre 2021. Courtesy Art Basel

289 gallerie provenienti da 40 Paesi, di cui 19 alla loro prima partecipazione alla rassegna: ritorna nelle sue usuali date di svolgimento Art Basel, il cui prossimo appuntamento è in programma a Basilea, negli spazi di Messe Basel, dal 16 al 19 giugno 2022, dopo l’ultima edizione tenutasi, a causa della pandemia, “fuori stagione”, ovvero a settembre 2021. Il colosso fieristico svizzero, dopo aver recentemente annunciato l’organizzazione di una nuova manifestazione al Grand Palais di Parigi e il rinvio della sua tappa a Hong Kong da marzo a maggio (sempre a causa del Covid), nella sua edizione di Basilea torna quindi con una partecipazione “numerosa di gallerie, incluso il ritorno delle tante che sono state costrette dalla pandemia a fermarsi l’anno scorso”, dichiara Marc Spiegler, Global Director di Art Basel. “La qualità e l’ampiezza dei contenuti di quest’anno saranno alla pari con le precedenti edizioni della fiera, ma più diversificata che mai in termini di gallerie partecipanti”.

Galeria Patricia Ready Patricia Domínguez, Patrick Hamilton © Art Basel
Galeria Patricia Ready Patricia Domínguez, Patrick Hamilton © Art Basel

ART BASEL 2022. L’APERTURA DELLA FIERA A GALLERIE NON SOLO “ESTABLISHED”

A proposito di gallerie partecipanti, come già avvenuto nell’edizione di Miami Beach 2021, dato il “mutevole panorama delle gallerie”, come sottolineato dalla nota stampa ufficiale, quest’anno Art Basel e il Comitato di selezione della tappa di Basilea, “hanno allentato i requisiti per la richiesta di partecipazione degli espositori, compreso il numero minimo di mostre che una galleria deve tenere all’anno, il numero di anni di attività e la necessità di avere uno spazio espositivo permanente. Questi cambiamenti nei requisiti, vengono adesso adottati in tutti e tre gli eventi di Art Basel, consentendo alla fiera di accogliere una gamma più ampia di partecipanti per la prima volta a livello internazionale”. Di questa “apertura” di Art Basel beneficeranno nuove 19 gallerie provenienti da tutto il mondo, tra cui l’italiana Laveronica arte contemporanea di Modica.

Richard Saltoun Gallery Everlyn Nicodemus © Art Basel
Richard Saltoun Gallery Everlyn Nicodemus © Art Basel

ART BASEL 2022. GALLERIE E SEZIONI DELLA FIERA

Oltre alla Main section, Art Basel presenterà, tra le altre, anche la sezione Unlimited, con opere di grandi dimensioni, e Parcours, con opere site-specific installate lungo le strade di Basilea. Non mancheranno infine le presenze italiane: oltre alla new entry Laveronica, infatti, parteciperanno alla fiera Alfonso Artiaco, Cardi Gallery, Galleria Continua, Galleria Raffaella Cortese, Massimo De Carlo, Galleria dello Scudo, A arte Invernizzi, kaufmann repetto, Magazzino, Giò Marconi, Galleria Massimo Minini, Victoria Miro, Galleria Franco Noero, Lia Rumma, Gallera Christian Stein, Tucci Russo Studio per l’Arte Contemporanea, ZERO…, Galleria d’Arte Maggiore G.A.M., P420. Qui è possibile consultare l’elenco completo dei partecipanti ad Art Basel 2022.

– Desirée Maida

Basilea // dal 16 al 19 giugno 2022

Art Basel

Messe Basel

www.artbasel.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.