Torino art week 2018. Ecco tutti i premi assegnati da Artissima e dalle altre fiere

Tra nomi importanti ed emergenti, ecco tutti gli artisti premiati alle fiere dell’appena conclusa settimana dell’arte torinese, da Artissima a The Others, passando per Paratissima e FLAT

Si è appena conclusa la art week di Torino, capitanata da Artissima – di cui quest’anno è stata particolarmente apprezzata la sezione Sound – e caratterizzata dal novero di fiere che oramai caratterizzano la settimana dell’arte piemontese: Flashback, Dama, Paratissima, FLAT, The Others. Rassegne nell’ambito delle quali sono stati assegnati numerosi premi – alcuni storici, altri novità di quest’anno –, con riconoscimenti in denaro, acquisizioni e la possibilità per gli artisti vincitori di esporre presso spazi istituzionali o di organizzare persino cene d’autore. Ecco tutti i premi nel dettaglio.

– Desirée Maida

1. ARTISSIMA – OGR AWARD

Tomás Saraceno, Radio Galena, 2018. Antenna, resonant circuit, semiconductor, crystal detector, headphones, Pinksummer Gallery. Photo: Perottino – Piva – Bottallo / Artissima 2018

È Tomás Saraceno, presentato dalla galleria Pinksummer di Genova, nella sezione Sound dedicata alle indagini sonore contemporanee, il vincitore dell’OGR Award, quest’anno alla sua seconda edizione. Il riconoscimento, promosso da Artissima in collaborazione con la Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT, è finalizzato all’acquisizione di un’opera da parte della Fondazione CRT. La giuria internazionale composta da Anna Colin, Lorenzo Giustie Judith Waldmannha scelto Radio Galenadi Saraceno con la seguente motivazione: “come per ogni giuria, la scelta non è stata facile, ma ci siamo espressi unanimemente a favore dell’opera di Tomás Saraceno ‘Radio Galena’, un ricevitore minerale che trasmette il sonoro di una stazione radio usata dai nativi argentini per discutere i diritti terrieri e l’indipendenza”. Menzione speciale per Audio Casco, opera storica di Ugo La Pietra.

2. ARTISSIMA – PREMIO ILLY PRESENT FUTURE

Pedro Neves Marques, Carlo Bach | Photo: Perottino – Piva – Bottallo / Artissima 2018

L’edizione 2018 di Premio Illy Present Future – riconoscimento sostenuto da Illy dal 2001 e assegnato all’artista considerato più interessante di Present Future, sezione della fiera dedicata agli autori emergenti – ha proposto i lavori di 18 artisti rappresentati da 19 gallerie (14 straniere, 5 italiane), selezionati dal board coordinato da Cloé Perrone e composto da Myriam Ben Salah e Juan Canela. Ad aggiudicarsi il premio è Pedro Neves Marques, artista presentato dalla galleria Umberto Di Marino di Napoli, con la seguente motivazione: “la giuria ha assegnato all’unanimità il Premio illy Present Future a Pedro Neves Marques per una coinvolgente presentazione che affronta argomenti di scottante attualità come l’ingegneria genetica, l’ambiente e la globalizzazione”. Dal 2012 il Premio offre al vincitore l’opportunità di esporre in un museo d’arte contemporanea del territorio, in concomitanza con l’edizione successiva di Artissima. L’esposizione di quest’anno è dedicata a Cally Spooner, vincitrice del Premio illy Present Future 2017. Fino al 6 gennaio 2019, l’artista presenta Everything Might Spill nella sala progetto della Manica Lunga del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea.

3. ARTISSIMA – THE EDIT DINNER PRIZE

Bruna Esposito, galleria Federico Luge | Photo: Perottino – Piva – Bottallo / Artissima 2018

Nato in collaborazione con EDIT, polo gastronomico aperto a Torino lo scorso anno, The Edit Dinner Prize è stato aggiudicato da Bruna Esposito, artista rappresentata dalla FL gallery di Milano. Il riconoscimento ha rappresentato l’occasione per inaugurare un’inedita interazione tra arte e cibo, secondo nuove dinamiche sperimentali. Il premio, oltre a un riconoscimento del valore di 3.500 euro, permetterà al vincitore di concepire e dirigere una cena da realizzare presso gli spazi di EDIT durante l’edizione del 2019 di Artissima. La vincitrice è stata selezionata da una giuria di professionisti con competenze artistiche e di food innovation composta da Massimo Bartolini, Marco Brignone, Roberta Ceretto, Alba e Giorgio de Mitri con la seguente motivazione: “l’artista – appassionata di cucina – ha lavorato nel corso della sua carriera con diversi materiali edibili, come ad esempio il caffè e, in fiera, è esposto un lavoro raffigurante uno studio sugli occhi di un pesce. La giuria ha apprezzato l’attenzione di Bruna Esposito nella scelta dei soggetti e dei materiali che conferiscono ai suoi lavori un equilibrio perfetto tra forza e leggerezza, creando – come luoghi metaforici – componimenti poetici capaci di accogliere una molteplicità di interpretazioni”.

4. ARTISSIMA – PREMIO ETTORE E INES FICO

Georgia Sagri, galleria Antony Reynolds | Photo: Perottino – Piva – Bottallo / Artissima 2018

Il riconoscimento – del valore di 2.500 Euro e finalizzato alla valorizzazione di un artista emergente che si è distinto nella ricerca e nell’utilizzo di nuovi mezzi espressivi – è stato aggiudicato da Georgia Sagri, presentata dalla galleria Antony Reynolds di Londra. Il premio in denaro è rafforzato dall’acquisizione da parte della Fondazione Ettore e Ines Fico di un’opera presso la galleria di riferimento del vincitore per la collezione del MEF – Museo Ettore Fico. La giuria, composta da Renato Alpegiani, Andrea Busto, Luigi Fassi e Letizia Ragaglia, ha attribuito il premio con la seguente motivazione: “l’artista greca nell’opera ‘Different faces’ coniuga un’intensa partecipazione ai più urgenti temi sociali e politici dibattuti in ambito globale assieme ad un linguaggio teso tra innovazione formale e sensibilità umanistica”.

5. ARTISSIMA – ACQUISIZIONI DELLA FONDAZIONE PER L’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA CRT

Marta Cervera Gallery – Ludovica Carbotta, Hanna Dle. Photo: Perottino – Piva – Bottallo / Artissima 2018

Anche quest’anno la Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT ha acquisito un nucleo di opere presentate in occasione di Artissima, per un totale di 16 lavori dal valore economico complessivo pari a 300mila euro. Le opere acquisite, come l’intera collezione della Fondazione, sono concesse in comodato gratuito al Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea e alla GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino, e sono state realizzate dagli artisti Maria Thereza Alves, Ludovica Carbotta, Pedro Neves Marques, Tomás Saraceno, Luca Bertolo, Doug Aitken, Rosa Barba, Nathalie Djuberg, Catherine Sullivan, Diana Thater.

6. ARTISSIMA – PREMIO SARDI PER L’ARTE BACK TO THE FUTURE

Rolf Julius, Thomas Bernard – Cortex Atletico, Parigi | Photo: Perottino – Piva – Bottallo / Artissima 2018

Quest’anno hanno partecipato a Back to the Future 21 artisti, presentati da 23 gallerie (17 straniere, 6 italiane), e gli artisti che si sono aggiudicati il premio ex aequo sono Rolf Julius e Ruth Wolf-Rehfeldt, rappresentati dalle gallerie Thomas Bernard – Cortex Athletico di Parigi e ChertLüdde di Berlino. “Le due gallerie premiate in questa edizione sono state individuate per la presentazione di corpi di lavori che restituiscono l’articolazione complessiva della ricerca di Ruth Wolf-Rehfeldt e Rolf Julius, entrambi artisti inscritti in alcuni dei più importanti movimenti storico-artistici della seconda metà del XX secolo, quali la Mail Art, la Poesia Visiva e Fluxus, rimanendone tuttavia a loro modo periferici, pur facendosi catalizzatori di molteplici confronti e collaborazioni”, si legge nella motivazione della giuria del premio composta da Julieta Gonzáles, Jean Loisy, Andrea Viliani e Lisa Parola. I vincitori si aggiudicano un riconoscimento del valore complessivo di 5mila euro.

7. ARTISSIMA 2018 – CAMPARI ART PRIZE

Claire Tancons, Abaseh Mirvali, Ilaria Bonacossa, Paolo Cavallo, Matteo Consonni, Lorenzo Fusi | Photo: Perottino – Piva – Bottallo / Artissima 2018

Promosso da Campari Group e dedicato a un artista under 35 scelto tra quelli presenti nelle otto sezioni della fiera, la seconda edizione del premio quest’anno è stato vinto da Rodrigo Hernández, rappresentato dalla galleria Madragoa di Lisbona. “L’artista rivisita una storia e un’estetica che traggono spunto dall’iconografia Meso-americana così come dal modernismo europeo e dalle avanguardie italiane, e li reinterpreta nuovamente puntando sugli elementi e le componenti più essenziali di questi linguaggi e tradizioni. In tal modo, crea un vocabolario nuovo e unico, ma allo stesso tempo ricorda le molte storie e i riferimenti da cui ha attinto”, motiva così la propria scelta la giuria composta da Lorenzo Fusi, Abaseh Mirvali e Claire Tancons. Hernández si aggiudica un premio di 2.500 euro e verrà inoltre ospitato con una mostra personale nel museo aziendale Galleria Campari, presso gli HQs di Campari a Sesto S. Giovanni, alle porte di Milano.

8. PARATISSIMA

Ilaria Gasparroni, Lavorare Stanca, ph. Vincenzo Parlati

Giunta al suo quattordicesimo compleanno, Paratissima Art Fair è ormai un must see dell’art week torinese, e il suo premio offre un’occasione di visibilità agli artisti emergenti che non trovano spazio nei circuiti “istituzionali” dell’arte. Il Paratissima Talent Prize è stato assegnato a Ilaria Gasbarroni per l’opera Lavorare Stanca. L’artista avrà la possibilità di allestire una mostra personale in occasione di Paratissima 2019. Il PRS Talent Prize consiste nell’acquisizione da parte di PRS Impresa Sociale dell’opera di Giacomo Infantino Unreal che entrerà far parte della collezione PRS Impresa Sociale.  Con il Premio Azimut Capital Management il Gruppo Azimut, attivo da quasi 30 anni nel settore del risparmio gestito, acquisisce Jisei no ku, opera di Silvia Montevecchi.
Tra tutti gli iscritti all’Art Gallery di Paratissima, inoltre, la direzione artistica con il Premio Art Gallery acquisterà l’opera di Alice Serafino che entrerà a far parte della collezione permanente di Paratissima.  Il Premio Ludocrazy, assegnato al vincitore del contest Ludocrazy – Non impazzire per il gioco indetto in collaborazione con l’Opera Sociale Avventista Onlus per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della ludopatia, è stato assegnato ex aequo a Gec per l’opera Cala la notte Pietro Barone per It’a a Bluff.

9. FLAT

Premio FLAT – Fondazione Arte CRT. Foto Andrea Guermani

Nell’ambito della seconda edizione del nuovo appuntamento dedicato al libro d’artista e d’arte contemporanea, a La Centrale della Nuvola Lavazza sono stati acquisiti grazie alla Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT 58 libri, tra cui Marcel Broodthaers (Arengario), Lucy Lippard (XX Century Art Archive), Nathalie Du Pasquier (Humboldtbooks), Hanne Darboven (PCCC Paolo Credi), Mike Nelson (Nouveau Musée National De Monaco), Katinka Bock (Roma Publications), per un valore commerciale di circa 23mila euro, entrando a fare parte del Fondo Giorgio Maffei presso la GAM Galleria d’arte moderna e contemporanea di Torino.
La seconda edizione del Premio FLAT- Fondazione Arte CRT, ideato dalla Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT, è stato assegnato al progetto editoriale Gay – L’Incontro, Frammenti di vita, Momenti di vita comune con immagini inedite di Giordano Bonora e testi di Paul B. Preciado, Wendy Vogel, Paolo Barbaro, Salvatore Vitale, Alvin Li, Helena Valena proposto da Mousse Publishing, che verrà realizzato in occasione dell’edizione 2019 della fiera.

10. THE OTHERS

FOKU. Nisticï Matteo

La fiera, quest’anno ospitata nelle sale dell’ex Ospedale Maria Adelaide, ha selezionato i suoi vincitori tra più di quaranta gallerie ed associazioni presenti, assegnando un premio per ogni sezione: Expanded Screen, novità del 2018, allo spazio estone FOKU, per la sezione Specific il riconoscimento va ai lavori dell’artista siriano Fadi Al-Hamwi presentati da East of Elsewhere di Berlino, mentre per il Miglior Progetto Curatoriale (Main + Special Projects) è stata scelta szena gallery di Mosca. I vincitori avranno la possibilità di partecipare all’edizione 2019 di The Others quali ospiti non paganti alla manifestazione.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.