#mecomprounaobra, il progetto di ARCOmadrid per incentivare l’acquisto di opere d’arte “low cost”

In occasione delle feste, la Fundación ARCO, che sostiene la fiera d’arte contemporanea ARCOmadrid, promuove un progetto che coinvolge vip e influencer per incentivare l’acquisto di opere d’arte “low cost”. Tutti coloro che parteciperanno all’iniziativa riceveranno un invito per la prossima edizione della rassegna fieristica madrilena

ARCOmadrid 2017
ARCOmadrid 2017

Se la soleggiata Miami in questi giorni è stata in pieno fermento per la sua art week – con Art Basel e Design Miami in prima linea –, e se in Italia il palinsesto delle fiere del 2018 sta iniziando a scaldare i motori con lo svelamento delle prime anticipazioni sulla prossima edizione di ArteFiera Bologna, anche la Spagna prepara il terreno agli eventi fieristici del nuovo anno in arrivo e lo fa in pieno mood… natalizio. Giunge da Madrid infatti la notizia di un’iniziativa promossa dalla Fundación ARCO, fondazione che sostiene ARCOmadrid, la fiera d’arte contemporanea che ogni anno si svolge a Madrid e di cui si terrà, dal 21 al 25 febbraio 2018 presso l’IFEMA, la 37esima edizione. Si tratta di #mecomprounaobra (“mi compro un’opera”), progetto che ha come fine “commerciale” – ma volendo anche culturale – quello di rendere accessibile a un target sempre più allargato di pubblico l’acquisto di opere d’arte, tutte comprabili a meno di 2.018 euro, selezionate per l’occasione da influencer e vip del mondo dell’arte, dello spettacolo, della gastronomia e dell’imprenditoria.

ARCOmadrid 2017, lo stand di Esther Schipper
ARCOmadrid 2017, lo stand di Esther Schipper

LA CONSULENZA ARTISTICA DEGLI INFLUENCER

Le gallerie che partecipano all’iniziativa, che si svolgerà a Madrid tra il 14 e il 16 dicembre, hanno invitato un influencer che avrà il compito di scegliere le opere che saranno protagoniste dell’iniziativa #mecomprounaobra. Il progetto nasce dunque dalla collaborazione tra la Fundación ARCO e le gallerie madrilene, con lo scopo di avvicinare l’arte contemporanea a un nuovo pubblico – soprattutto quello dei giovani – servendosi del “potere mediatico” che i vip invitati esercitano attraverso i loro canali di comunicazione. Molte di queste figure, ognuna delle quali ricopre un ruolo di prestigio nel proprio ambito professionale, sono state scelte proprio dalle stesse gallerie.

I VIP COINVOLTI E L’INVITO AD ARCOMADRID

Giusto per far qualche esempio, le opere di García Galería saranno selezionate dalla designer Ana Locking, mentre la galleria Fernando Braso si servirà della “consulenza” della modella Nieves Álvarez. La galleria Pilar Sierra affiderà la selezione delle opere all’attrice Antonia Sanjuan, la galleria F2 allo chef Samantha Vallejo-Nágera, Max Estrella alla giornalista Marta Riopérez, Travesía Cuatro all’illustratore Monstruo Espagueti, Espacio Mínimo al direttore della Mercedes-Benz Fashion Week di Madrid Charo Izquierdo, e Nogueras Blanchard all’architetto Jean Porsche. Per incentivare ulteriormente la partecipazione all’iniziativa, ma soprattutto la vendita, tutti coloro che acquisteranno un’opera d’arte nell’ambito di #mecomprounaobra riceveranno un invito per la prossima edizione di ARCOmadrid.

– Desirée Maida

www.ifema.es

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.