Le fotografie di Zanele Muholi: un libro da collezione

Fotografa, artista, attivista: Zanele Muholi è l’autrice di un volume monografico che merita un posto d’onore sugli scaffali. Protagonisti circa novanta autoritratti nei quali spiccano i temi chiave della sua ricerca: dalla blackness alla lotta al razzismo e alle discriminazioni di genere

Zanele Muholi, Faniswa, Seapoint, Cape Town 2016 © Zanele Muholi. Courtesy Stevenson Gallery & Yancey Richardson Gallery
Zanele Muholi, Faniswa, Seapoint, Cape Town 2016 © Zanele Muholi. Courtesy Stevenson Gallery & Yancey Richardson Gallery

È una monografia particolarmente attesa quella data alle stampe da 24 ORE Cultura e dedicata a una delle artiste più incisive dell’epoca attuale, attualmente in mostra al Gropius Bau di Berlino. A ritmare le pagine del volume Zanele Muholi. Somnyama Ngonyama ‒ Ave, Leonessa nera sono una novantina di scatti in bianco e nero realizzati dalla fotografa sudafricana classe 1972 che ha colpito nel segno durante la Biennale Arte di Venezia 2019. Chiunque abbia attraversato le Corderie dell’Arsenale non può non ricordare gli autoritratti in grande formato di Zanele Muholi come un elemento ricorsivo e ipnotico.

Biennale Arte 2019, Arsenale, Zanele Muholi, photo Irene Fanizza
Biennale Arte 2019, Arsenale, Zanele Muholi, photo Irene Fanizza

GLI AUTORITRATTI DI ZANELE MUHOLI

E proprio gli autoritratti tengono le redini della storia, individuale e globale, che si dispiega all’interno della monografia. A prendere forma è la vicenda di Zanele Muholi, testimone diretta dell’Apartheid e artista che ha scelto la via dell’attivismo visivo e politico per rispondere, colpo su colpo, alla minaccia del razzismo e della discriminazione, ferite aperte e sanguinanti del tempo presente. “Alla base dell’intolleranza, del razzismo e della violenza c’è l’ignoranza, alla quale si può porre un limite solo attraverso l’istruzione. Questo messaggio è per le generazioni future e per quanti avranno il desiderio di imparare”, ha affermato Zanele Muholi nell’intervista pubblicata sulle nostre pagine a pochi giorni dall’avvio della Biennale veneziana che ha consegnato al grande pubblico il suo messaggio, diretto, chiaro, senza mediazioni. “Il punto non è quando ho deciso di essere un’attivista, ma perché. È stata una necessità. Le circostanze in cui mi trovavo hanno determinato il mio attivismo. La gente non può cambiare il sistema se non si considera parte di esso”.

Zanele Muholi. Somnyama Ngonyama Ave, leonessa nera (24 Ore Cultura, Milano 2021)
Zanele Muholi. Somnyama Ngonyama Ave, leonessa nera (24 Ore Cultura, Milano 2021)

ZANELE MUHOLI ARTISTA E ATTIVISTA

Dagli autoritratti raccolti nel volume emerge la presa di posizione di un essere umano – non solo e soltanto artista, fotografa e attivista – che fa scendere in campo il proprio corpo nel dibattito sulla blackness e sui diritti LGBTQIA. Il pensiero di Zanele Muholi trova una potente cassa di risonanza nelle parole delle autrici e poetesse che hanno consegnato alle pagine della monografia riflessioni dense – sulla poetica di Muholi, sul mezzo fotografico e sul nodo dell’identità –, alternate agli scatti, come in un racconto corale. Ama Josephine Budge, Fariba Derakhshani, Ruti Talmor e Deborah Willis sono alcune delle voci che si uniscono a quella di Zanele, accompagnando lo sguardo del lettore sino al dialogo finale tra l’artista e la curatrice Renée Mussai, intitolato emblematicamente Archivio del Sé, dove è il termine “archivio” a essere posto in discussione e calato nel cuore di un dibattito che non può più attendere.

Arianna Testino

Zanele Muholi (a cura di) ‒ Zanele Muholi. Somnyama Ngonyama – Ave, Leonessa Nera
24 ORE Cultura, Milano 2021
Pagg. 212, € 79,90
ISBN 9788866485582
www.24orecultura.com

Versione aggiornata dell’articolo pubblicato su Grandi Mostre #26

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Dati correlati
AutoreZanele Muholi
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Arianna Testino
Nata a Genova nel 1983, Arianna Testino si è formata tra Bologna e Venezia, laureandosi al DAMS in Storia dell’arte medievale-moderna e specializzandosi allo IUAV in Progettazione e produzione delle arti visive. Dal 2015 lavora nella redazione di Artribune. Attualmente dirige l’inserto cartaceo Grandi Mostre ed è content manager per il sito di Sky Arte, curato da Artribune. Nel 2012 ha pubblicato il saggio "Michelangelo Pistoletto. L'unione di vita, parole e opera" e nel 2016 "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (con Marco Enrico Giacomelli).