Pamela Rosenkranz, The Great Acceleration - Taipei Biennial, Taiwan, 2014 - Courtesy the artist, Miguel Abreu Gallery, New York, and Taipei Fine Arts Museum

Biennale di Venezia. Il padiglione della Svizzera spiegato da Susanne Pfeffer

Sarà Pamela Rosenkranz a rappresentare la Svizzera alla Biennale di Venezia. Susanne Pfeffer, oggi direttrice del Fridericianum di Kassel, sta seguendo e curando il percorso di un’artista che trasforma elementi sociologici in reazioni sostituenti. Soluzioni linguistiche, compositive e speculative. Qui trovate l’intervista.
Alexandra Sukhareva, Good bye, gaze, 2015

La rosa mette i denti. In una mostra dal sapore russo, ma a Brescia

A Palazzo Gallery, Brescia – fino al 31 marzo 2015. A partire dalle logiche del linguaggio figurato umano, sette artisti allestiscono una collettiva sulla misura occulta dello sguardo.
Chiara Mu – From Here to Eternity - AlbumArte, Roma 2015 - photo Massimiliano Carboni

Le geografie emozionali di Chiara Mu

Chiara Mu, romana classe 1974, ha creato una mostra “per un solo visionario visitatore per volta”. Ha plasmato lo spazio e il tempo per ricavare una nicchia site specific, per accomodarsi e fare insieme i compiti, anzi gli “esercizi di visione” che coinvolgono elementi architettonici presenti nello spazio e installazioni. Mappare i luoghi, pregni delle esperienze, dei racconti, delle voci di chi ci ha preceduto permette di realizzare una vera e propria “radiografia emozionale” che prova a rispondere alla domanda: “Può un spazio performare o possiamo noi performare lo spazio?”.
Claire Fontaine, Untitled (Parking Bay) e Untitled (Fresh monochrome), Courtesy of the artist and T293, Napoli-Roma - photo Roberto Apa

Pretend to be dead. L’offensiva del Claire Fontaine

T293 Gallery, Roma – fino al 19 marzo 2015. Plauso alla galleria partenopea-capitolina, che ha dato il giusto spazio a Claire Fontaine. Per una critica femminista che funziona perfettamente nel XXI secolo.
Arcangelo, Casa degli irpini – Foto Alessandra Vinci © Officine Saffi

La ceramica e (l’)Arcangelo. Nel laboratorio delle Officine Saffi

Officine Saffi, Milano – fino al 28 marzo 2015. Arcangelo, pittore e scultore. Che però, nel laboratorio meneghino, si cimenta con la ceramica. Traendone opere dallo spiccato sapore autobiografico.
Chiara Fumai, Der Hexenhammer, 2015 - Courtesy of the artist & A Palazzo Gallery, Brescia – veduta dell’installazione a Museion, Bolzano 2015

Calchi e sovraimpressioni. Biscotti e Fumai al Museion

Museion, Bolzano – fino al 25 maggio 2015. Due artiste sull’orlo della consacrazione mid-career. Una mostra antologica e un progetto performativo che si intersecano e sovrappongono. Condividendo un approccio militante alla memoria storica.
Okwui Enwezor, direttore della 56. Biennale d'Arte Visiva di Venezia

All the World’s Futures. Biennale di Venezia troppo politica per Enwezor?

L’abbiamo seguita in diretta, con un inedito reportage live. Ma la conferenza stampa di questa mattina, in compagnia del direttore della 56. Esposizione Internazionale d’Arte, Okwui Enwezor, e del Presidente Paolo Baratta, merita qualche riflessione
Clara Brörmann – Obenauf - veduta della mostra presso la Galleria Federica Schiavo, Roma 2015 - photo Giorgio Benni

La po-etica di Clara Brörmann. Da Federica Schiavo a Roma

Federica Schiavo Gallery, Roma – fino al 7 marzo 2015. Ripensare, ritornare. Cancellare. Abradere. Svelare un processo. Cercare un’unità. Crearla. Un tentativo perenne di mediazione tra elementi collegabili ma pur sempre indipendenti: è quello della pittrice Clara Brörmann.

Okwui Enwezor presenta la sua Biennale di Venezia. 136 artisti nella mostra internazionale, 4...

Primo avvertimento: pigiate ogni 5 minuti il pulsante “refresh”, o comunque aggiornate la pagina, da dove la state seguendo. Perchè per un'occasione importante come...
Avery Singer – Pictures Punish Words - veduta della mostra presso la Fondazione Sandretto, Torino 2015

Rendering digitali per una pittura analogica. Avery Singer alla Fondazione Sandretto

Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino – fino al 12 aprile 2015. In Italia, la prima personale di Avery Singer è a cura di Beatrix Ruf. Con una mostra che nasce in collaborazione con la Kunsthalle di Zurigo e opere inedite realizzate per l’uscita istituzionale.
Armando Lulaj, Never - still da video

Biennale di Venezia. Il padiglione dell’Albania spiegato da Marco Scotini

Il Padiglione albanese alla 56. Biennale d’arte di Venezia sarà caratterizzato da tre lavori del drammaturgo albanese Armando Lulaj. Una trilogia filmica sul periodo della Guerra Fredda in Albania, ma non solo. Sta per prendere vita, infatti, un nuovo progetto inedito dello stesso Lulaj. Ne abbiamo parlato con il curatore del Padiglione, Marco Scotini.
Sislej Xhafa, Rocket Ship, 2011, carriola, stringhe di luci rosse, 150 x 65 x 59 (h) cm. Courtesy GALLERIA CONTINUA, San Gimignano / Beijing / Les Moulins; ph. Rémi Lavalle

Growing Roots: la mostra a Palazzo Reale risale alle radici del Premio Furla. Ecco...

Apre domani al pubblico la mostra Growing Roots – 15 anni del Premio Furla, con un percorso espositivo in dieci stanze che ripercorrono altrettante...

I PIÙ LETTI