Il mio lavoro si nutre di empatia e amore”, racconta Nan Goldin (1953). La fotografa americana, che ha recentemente portato il suo lavoro anche su Instagram aprendo un profilo già seguitissimo, in questo video racconta uno dei suoi progetti più particolari. Eden and After, un libro uscito nel 2014 per i tipi di Phaidon Press, è un omaggio al mondo dei bambini. Un mondo che affascina profondamente l’artista, soprattutto per la capacità che i più piccoli hanno di essere spontanei, diretti, sinceri e “più vicini a Dio”, come spiega in questa intervista. Protagonisti degli scatti sono perlopiù figli di cari amici, immortalati dalla primissima infanzia fino alle soglie dell’adolescenza, raccontando una fase della vita illuminata da una luce speciale, un momento magico in cui l’essere umano è ancora vicino alle proprie radici, a quel luogo speciale “da dove veniamo e dove torneremo”.

Dati correlati
AutoreNan Goldin
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020). Collabora con la redazione di Artribune dalla sua fondazione.