Roma ricorda Giacomo Balla in una bella mostra

A centocinquant’anni dalla nascita del geniale futurista, la Galleria Russo ne ripercorre la storia. Dagli esordi fino alla lezione futurista.

Giacomo Balla. Dal primo autoritratto alle ultime rose. Exhibition view at Galleria Russo, Roma 2021
Giacomo Balla. Dal primo autoritratto alle ultime rose. Exhibition view at Galleria Russo, Roma 2021

Giacomo Balla (Torino, 1871 – Roma, 1958) è stato uno degli artisti più sorprendenti del secolo appena trascorso. La sua intera vicenda d’arte-vita, abilmente riassunta in poche sale da una densa mostra curata da Fabio Benzi per la Galleria Russo, è stata un continuo, costante, instancabile interrogarsi sullo strumento percettivo della visione e sulle sue sfuggenti potenzialità noetiche. Da qui la giovanile adesione alle sperimentazioni ottiche del divisionismo cromatico, erede del pointillisme neo-impressionista; e quella, più matura e rilevante, alle invenzioni plastico-dinamiche dell’avanguardia futurista, alla cui evoluzione dette un contributo decisivo e un’impronta personalissima. Sullo sfondo, la speculazione teosofica ‒ che lo intrigò non poco ‒ sulle linee di forza, sulle forme-pensiero e su tutta quella geografia eterico-astrale che, secondo la complicata dottrina blavatskyana, sottende la quotidiana realtà fenomenica.

Giacomo Balla. Dal primo autoritratto alle ultime rose. Exhibition view at Galleria Russo, Roma 2021
Giacomo Balla. Dal primo autoritratto alle ultime rose. Exhibition view at Galleria Russo, Roma 2021

LA MOSTRA SU BALLA A ROMA

In mostra circa ottanta opere, in gran parte studi preparatori; ma anche alcuni quadri compiuti, come i due che idealmente racchiudono il percorso espositivo: il piccolo autoritratto del 1894, d’ispirazione impressionista e memore della giovanile formazione fotografica; e Ultime rose, del 1952, dove la frenesia avanguardistica si è ormai distillata in un’astrazione che sussume l’apparenza sensibile. Il periodo più documentato è, ovviamente, quello futurista, che lo ha visto in prima linea nel tentativo, ripetutamente attuato, di portare l’arte al di fuori dei luoghi a essa tradizionalmente deputati ‒ si pensi, per esempio, al manifesto del Vestito Antineutrale, alle fantasiose decorazioni della sua casa-studio in via Oslavia e a quelle del cabaret Bal Tic Tac in via Milano, recuperate appena qualche anno fa ‒ per realizzare quell’utopica ricostruzione futurista dell’universo che teorizzò in un celebre manifesto programmatico assieme al suo allievo Fortunato Depero.

Giacomo Balla. Dal primo autoritratto alle ultime rose. Exhibition view at Galleria Russo, Roma 2021
Giacomo Balla. Dal primo autoritratto alle ultime rose. Exhibition view at Galleria Russo, Roma 2021

LE PAROLE D’ORDINE DI GIACOMO BALLA

Parole d’ordine dell’estetica balliana: la luce in tutte le sue possibili declinazioni cromatiche e la sensazione dinamica della velocità quale riflesso percepibile della perenne tribolazione cosmica. Ci piace, in conclusione, soffermarci su una riflessione tratta da un articolo che FuturBalla scrisse, nel 1927, per la Vetrina Futurista: “…perché se il centesimo è il principio del milione, e il millimetro del chilometro, anche i minimi tentativi futuristi possono essere il principio della nuova arte futura. E con questo, con una superfede indistruttibile, arrivederci fra qualche secolo”.

‒ Luigi Capano

Evento correlato
Nome eventoGiacomo Balla - Dal primo Autoritratto alle Ultime rose
Vernissage15/04/2021 ore 10,00 - 21,00 Cocktail dalle 17,00
Duratadal 15/04/2021 al 22/05/2021
AutoreGiacomo Balla
CuratoreFabio Benzi
Generipersonale, disegno e grafica, arte moderna
Spazio espositivoGALLERIA F. RUSSO
IndirizzoVia Alibert 20 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Luigi Capano
Di professione ingegnere elettronico, si dedica da diversi anni all’organizzazione di eventi culturali sia presso Gallerie private che in spazi istituzionali. Suoi articoli d’arte sono apparsi su periodici informatici e cartacei: Rivista dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma, Expreso Latino, Arte e Fede, Umanesimo del Lavoro, Rivista di Studi Fiumani, Art a part of culture, Fourzine Magazine, Papale-Papale, Almaghrebiya.