Natale di Roma. Bvlgari allestisce in boutique una mostra di Giacomo Balla

La storica boutique fondata nella Capitale da Sotirio Bvlgari inaugura, nei propri spazi in via Condotti, una mostra con opere di Giacomo Balla. Tema dell’esposizione? Naturalmente Roma, di cui si festeggia il compleanno

Giacomo Balla, 1918 ca Colpo di fucile domenicale Tempera su carta incollata su cartone 50 x 70 cm
Giacomo Balla, 1918 ca Colpo di fucile domenicale Tempera su carta incollata su cartone 50 x 70 cm

21 aprile del 753 a.C.: secondo la leggenda è questa la data del Natale di Roma, ovvero la fondazione della Città Eterna. Un anniversario festeggiato ogni anno, con eventi e celebrazioni che anche nel 2021 e nonostante la pandemia spazieranno tra l’ambito istituzionale a quello artistico-culturale, in presenza e online. Tra gli eventi che si svolgeranno in presenza, il 21 aprile verrà inaugurata, nella storica boutique di Bvlgari (che di recente ha finanziato gli interventi per rendere accessibile l’area sacra di Largo Argentina) in Via Condotti 10, una mostra dedicata a uno degli esponenti di spicco del Futurismo, Giacomo Balla (Torino, 1871 – Roma, 1958), di cui quest’anno ricorre il 150esimo anniversario dalla nascita.

GIACOMO BALLA, BVLGARI E ROMA 

Forse non tutti sanno che Giacomo Balla e Bvlgari hanno in comune il particolare rapporto che li lega a Roma, città che li ha fatti incontrare. Nel 1894 Sotirio Bvlgari giunge nella Capitale, dove apre una boutique (prima in Via Sistina, poi in Via Condotti) in cui esporre le sue creazioni di gioielli; nel 1895 invece è la volta di Giacomo Balla, che va ad abitare in una zona isolata tra Villa Borghese e la campagna. Entrambi si lasceranno ispirare dalle cromie e dalle bellezze della città, sperimentando e dando vita a uno stile che li renderà “eterni” nell’arte orafa e nell’arte pittorica. Nei decenni successivi, le famiglie Bvlgari e Balla si incontreranno: alla morte di Sotirio nel 1932, la conduzione dell’azienda si occuperanno i figli Giorgio e Costantino; quest’ultimo nel 1961 entrerà in contatto con Elica Balla, figlia del pittore, che realizza un ritratto a pastello dell’anziano Costantino nella sua abitazione romana.

LA MOSTRA DI GIACOMO BALLA ALLA BOUTIQUE BVLGARI 

Realizzata in collaborazione con la Galleria d’Arte Futurism&Co., la mostra immergerà i visitatori in un percorso che racchiude suggestioni artistiche, storiche e non solo: le opere di Balla – tutte ispirate al paesaggio e ai luoghi di Roma – sono allestite nelle sale della storica boutique, a ognuna delle quali è legato un particolare aneddoto o personaggio. Un esempio? Il dipinto Linea di Velocità + cielo + rumore è esposto nel Salottino Taylor, storica sala dove Elizabeth Taylor si rifugiava durante le pause tra le riprese del film Cleopatra. Tra le altre opere esposte, due sono dedicate a Villa Borghese: una è il Dittico ambientato a Parco dei Daini, e visibile in una delle più antiche sale della boutique, l’altra è Espansione di primavera, esposta nella Promenade, scenografico corridoio con volta a botte in vetrocemento realizzato da Florestano Di Fausto nel 1934.

– Desirée Maida 

Roma // dal 21 aprile 2021
Giacomo Balla
Bvlgari
Via Condotti 10

Dati correlati
AutoreGiacomo Balla
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.